Traduttore: G. Oneto
Editore: Einaudi
Collana: Nuovi Coralli
Anno edizione: 1992
Pagine: 250 p.
  • EAN: 9788806122348
Usato su Libraccio.it - € 6,13

€ 6,13

€ 11,36

6 punti Premium

€ 9,66

€ 11,36

Risparmi € 1,70 (15%)

Venduto e spedito da IBS

Nuovo - attualmente non disponibile


scheda di Cases, C., L'Indice 1993, n. 2

Giallo di ambiente medico-accademico zurighese. L'amabile e scettico dottor Sonder, che soffre di un cancro ai polmoni, prima di morire fa fuori l'odioso e ambizioso collega Götze, stakanovista della scienza medica. Un terzo collega si trova il cadavere tra i piedi e lo butta nella Sihl. Così risalire all'assassino non è facile ma il commissario Häberle ci riesce perché la polizia svizzera, come diceva ironicamente Dürrenmatt, è notoriamente la migliore del mondo. Tuttavia il commissario è troppo buono, l'assassino gli ha regalato la sua collezione di armi primitive (forma di corruzione assai frequente in Svizzera, dove non usano le tangenti) ed è comunque condannato a morte. Sicché tutti i personaggi, salvo i morti (ce n'è altri due, morti più di Svizzera che di violenza), lo accompagnano alla fine all'aeroporto per una spedizione sul Kilimangiaro, compresa una ragazza che non ci sta a far nulla ma è prescritta nella ricetta. Pallida imitazione dei gialli di Dürrenmatt. Solo che là c'era Dio e il diavolo, il peccato e la Grazia, la giustizia e la condanna. Qui non c'è nulla, tranne un cinghiale che il dottor Sonder ha incontrato e ammazzato in montagna e che è il simbolo di qualcosa che neanche l'autore sa bene che cosa sia.