Traduttore: U. Tolomei
Editore: Einaudi
Anno edizione: 1994
Formato: Tascabile
In commercio dal: 1 gennaio 1997
Pagine: XIV-356 p., ill.
  • EAN: 9788806134723
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Usato su Libraccio.it - € 4,96

€ 4,96

€ 9,20

5 punti Premium

€ 7,82

€ 9,20

Risparmi € 1,38 (15%)

Venduto e spedito da IBS

Nuovo - attualmente non disponibile
 
 
 


scheda di Giacomasso, S., L'Indice 1995, n. 3

Le vicende del Chiapas messicano hanno portato alla ribalta i Maya della Selva lacandona: ciò potrebbe spiegare perché sia stato ripubblicato questo classico degli studi sui Maya "storici". Ma sarebbe sufficiente dire che si tratta di un'opera di divulgazione appassionante, una "sintesi brillante", forse troppo, di quarant'anni di studi. Così afferma Alberto Guaraldo, con una sfumatura polemica, in un'introduzione utilissima che contestualizza le ricerche di Thompson e ne indica l'esatto valore a chi non sia uno specialista. La loro "classicità" risiederebbe nel fatto che riuniscono i risultati di tre grandi componenti della cultura occidentale: la filosofia della storia di radici romantiche (Toynbee), l'antropologia psicologico-culturale e l'archeologia scientifica del secondo quarto di questo secolo. Tesi di Thompson è che la crisi della civiltà maya sia dovuta a rivolte contadine, nate "dallo spezzarsi della solidarietà religiosa che univa il popolo alla gerarchia teocratica... Si tratta di una decomposizione dell'organismo sociale dovuta alla caduta del senso di comunanza dei valori". Avvincente risulta la lettura dei capitoli dedicati alle conquiste intellettuali, artistiche, e alla religione. Utili l'apparato bibliografico e cronologico.