Curatore: P. Dilonardo
Editore: Adelphi
Anno edizione: 2009
Pagine: 256 p., Brossura
  • EAN: 9788845923982
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Descrizione
Quando l'idea di "classici americani" sembrava una contraddizione in termini, D.H. Lawrence fu il primo a individuare nella letteratura americana dell'Ottocento una specifica tradizione nazionale, fatta di tragica e disperata vitalità, di ipocrisia, rettitudine e continua capacità di trasformazione, e costruita in aperta antitesi alla cultura europea. Merito di per sé considerevole, ma che appare quasi trascurabile non appena ci si rende conto che questo libro offre, più che una sequenza di sia pur illuminanti saggi critici, una vera e propria galleria di ritratti psichici-di Fenimore Cooper e Edgar Allan Poe, Nathaniel Hawthorne e Herman Melville -, animati da una voce inconfondibile, ora beffarda e insinuante, ora imperiosa e tonante. Ritratti che non cessano di provocarci, di sfidarci a un inesauribile incontro e scontro con Lawrence e con gli autori di cui parla.

€ 12,75

€ 15,00

Risparmi € 2,25 (15%)

Venduto e spedito da IBS

13 punti Premium

Disponibile in 3 gg lavorativi

Quantità:

€ 8,10

€ 15,00

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

Altri venditori

Mostra tutti (3 offerte da 15,00 €)

 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    gianluca guidomei

    28/09/2009 17:49:47

    Libro pesante. Lawrence è spesso sarcastico e livoroso nei riguardi delle opere e degli autori che analizza. Sembra di ascoltare una zitella acida o un uomo impotente...faceva bene sua moglie Frida von Richtofen, che non perdeva occasione per consolarsi tra le braccia di qualche baldo giovane! Sono cattivo? Forse, ma non sopporto l' invidia: non si può pretendere di arrivare alla grandezza di un Hawthorne, di un Melville o un Whitman, anche se ti chiami D.H.Lawrence.

Scrivi una recensione