Come Away Sweet Love - CD Audio di John Dowland

Come Away Sweet Love

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Compositore: John Dowland
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 1
Etichetta: Stradivarius
Data di pubblicazione: 15 marzo 2016
  • EAN: 8011570336149

€ 18,50

Punti Premium: 19

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
CD

Altri venditori

Mostra tutti (2 offerte da 14,98 €)

Disco 1
1
The Second Book of Songs, 1600 Lachrimae or Seven Teares: Flow my tears
2
The First Book of Songs, 1597 Lachrimae or Seven Teares: Can she excuse my wrongs
3
Lachrimae or Seven Teares 1604: M. George Whitehead his Almand
4
The First Book of Songs, 1597: Would my conceit
5
The First Book of Songs, 1597: Sir John Smith, His Almain
6
Sorrow, come (Version of William Wigthorpe of "Sorrow stay")
7
Lachrimae or Seven Teares 1604: Lachrimae gementes
8
Lachrimae or Seven Teares 1604: M. Buctons Galiard
9
The Third of Songs, 1603: Say, Love
10
The First Book of Songs, 1597: My thoughts are wing'd with hopes
11
Taffel Consort of Thomas Simpson, 1621: Paduan
12
The First Book of Songs, 1597 Lachrimae or Seven Teares: If my complaints Capt. Digorie Piper Galiard
13
Hortus Musicalis Novus Ms. in Strasbourg 1615: A Fancy
14
The First Book of Songs, 1597: All ye, whom Love or Fortune
15
Lachrimae or Seven Teares 1604: Semper Dowland semper dolens
16
The First Book of Songs, 1597: Come away , come sweet love
17
Taffel Consort of Thomas Simpson, 1621: Aria "Mistress Nichol Almand" Farewell unkind
18
The First Book of Songs, 1597: Come, heavy sleep
  • John Dowland Cover

    Compositore inglese. Prima dei vent'anni entrò al servizio dell'ambasciatore inglese a Parigi, e qui ebbe modo di conoscere l'air de cour francese, che influenzò decisamente le sue prime arie e canzoni. Più tardi ricevette da Oxford e Cambridge il baccellierato di musica e viaggiò in Germania e in Italia (fu a Venezia, ove conobbe G. Croce, a Firenze, a Bologna), finché venne assunto (1598) in qualità di liutista presso la corte di Cristiano iv di Danimarca; ritornato in patria (1606), ricoprì dal 1612 la stessa carica alla corte di Londra. La sua fama di compositore si affida principalmente ad alcune raccolte di songs, molti dei quali nutriti di succhi popolari, mentre altri, di struttura più complessa e raffinata, rivelano l'influsso dei grandi madrigalisti europei, in specie di L. Marenzio.... Approfondisci
Note legali