Categorie

Curatore: S. Bartolini, A. Serini
Editore: Franco Angeli
Anno edizione: 2007
Pagine: 208 p.
  • EAN: 9788846477903

Da alcuni anni uno strano anglismo ha fatto la sua comparsa nella società italiana: mobbing. Il termine si riferisce alle forme di violenza psicologica nel mondo del lavoro contemporaneo, dove le relazioni tendono a diventare sempre più instabili, generando forti stati di tensione.Il volume, promosso dal Patronato delle Acli, compie un'ampia ricognizione sul mobbing in Italia, analizzando i molteplici aspetti di questo problema sociale: la diffusione e il livello di informazione sul fenomeno; le modalità con cui vengono esercitate le pratiche vessatorie a danno dei lavoratori; i processi che creano conflitti all'interno dei luoghi di lavoro. Il libro è frutto di un lungo e articolato percorso di studio, che coniuga metodi di indagine quantitativi e qualitativi: una ricerca a carattere nazionale su un campione di oltre tremila lavoratori e la raccolta di circa trenta interviste in profondità con persone che hanno vissuto storie lavorative traumatiche.La ricerca offre molti spunti di riflessione: il mobbing è un meccanismo di negazione sociale con cui il lavoratore viene declassato a non-lavoratore. Inoltre, accanto a questa forma di aggressione sistematica sul lavoro, emergono delle zone grigie di conflitto: casi in cui i contrasti lavorativi vengono vissuti e interpretati come mobbing, sebbene non ne assumano i tratti peculiari. Questa ambiguità deriva anche dalla sovraesposizione mediatica del problema, che genera confusione su cosa sia realmente il mobbing.

Michele Consiglio, Presentazione
Alessandro Serini, Introduzione. La violenza razionale del mobbing
Parte I. Sul mobbing: esplorare un fenomeno emergente
Alessandro Serini, Spire invisibili
(Un fenomeno salito rapidamente alla ribalta; Un volto da dipingere; Fenomeni collaterali al mobbing; I differenti piani di lettura del fenomeno mobbing; La multidimensionalità del mobbing)
David Recchia, Tra qualità e quantità: una ricerca e il suo metodo
(Il mobbing come oggetto di studio delle scienze sociali; L'inchiesta quantitativa; L'indagine qualitativa; Tra qualità e quantità)
Gianfranco Zucca, Il mobbing in Italia: i numeri del fenomeno e il livello d'informazione dei lavoratori
(Vittime e spettatori; L'indagine campionaria sul mobbing in Italia; Il ruolo dell'informazione istituzionale; Reti di solidarietà)
Parte II. Nel mobbing: approfondire i conflitti lavorativi
Danilo Catania, Prologo: in principio era il mobbing
Danilo Catania, La linea d'ombra: storie di mobbing e di vite che precipitano
(Dentro le storie; Illusioni perdute; Umiliati e offesi; Fuori dalle storie; Una conclusione scontata: il problema è stato risolto)
Simona Bartolini, Non si muore di solo mobbing
(L'evoluzione del mobbing: da vessazione a rifugio?; Le parole per dirlo... diversamente; La confusione di ruolo e la propensione verso l'autonomia: biografia di un promotore finanziario; Il "peso" del clima nei rapporti interpersonali. Contrasti tra i banchi di scuola; Tra l'incudine e il martello: il tradimento di un'aspettativa di ruolo; Un bilancio provvisorio)
Simona Bartolini, Epilogo: la stanza degli specchi
Simona Bartolini, Niente di personale. Note conclusive sul mobbing e sulla tensione nei luoghi di lavoro
Vittorio Glassier, Appendice. Dalla ricerca alla proposta sociale
Bibliografia
Gli Autori.