Il commissario Pepe

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Regia: Ettore Scola
Paese: Italia
Anno: 1969
Supporto: DVD
Salvato in 32 liste dei desideri

€ 9,99

Punti Premium: 10

Venduto e spedito da IBS

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

In una cittadina di provincia un magistrato decide che è ora di moralizzare l'ambiente e affida un'inchiesta al commissario Pepe. Costui scopre i peccati di metà città-bene e anche, occasionalmente, quelli della sua compagna che fa la modella per pornofilm. Presenta comunque il dossier al magistrato. Questi d'improvviso s'impaurisce all'idea di toccare troppa gente importante. Non se ne farà nulla. Pepe chiederà (e otterrà) il trasferimento in un'altra città.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4
di 5
Totale 1
5
0
4
1
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    debbiemme

    17/05/2020 17:14:49

    E' un vecchio film, datato per quel pudore un po' ingenuo che quasi commuove, ma Ettore Scola dirige un Tognazzi strepitoso, e il personaggio del Commissario Pepe ha anche il grande pregio di amare libri...Nella provincia veneta, bigotta e perbenista, il protagonista è costretto a trasferirsi per aver indagato con troppo senso del dovere la "città bene", quasi completamente coinvolta nei più sordidi traffici di sesso, prostituzione, pornografia...Pepe è un perdente, un personaggio amaro e deluso che Tognazzi interpreta benissimo. Sullo sfondo l'italia del sessantotto, quei cambiamenti che però non sono riusciti a cambiare un mondo limitato da vizi privati e pubbliche virtù. Gustosa la colonna sonora di Armando Trovajoli.

Ettore Scola traspone il romanzo omonimo di Ugo Facco de La Garda, indagando l'apparente perbenismo del Nordest

Trama
In una cittadina di provincia il magistrato decide che è ora di moralizzare l'ambiente e affida un'inchiesta al commissario Pepe. Costui scopre i peccati di metà città-bene e anche, occasionalmente, quelli della sua compagna che fa la modella per pornofilm. Presenta comunque il dossier al magistrato. Questi d'improvviso s'impaurisce all'idea di toccare troppa gente importante. Non se ne farà nulla. Pepe chiederà (e otterrà) il trasferimento in un'altra città.

  • Produzione: Rai Cinema, 2016
  • Distribuzione: Terminal Video
  • Durata: 107 min
  • Lingua audio: Italiano (Dolby Digital 1.0 - mono)
  • Lingua sottotitoli: Italiano per non udenti
  • Formato Schermo: 2,35:1
  • Area2
  • Ettore Scola Cover

    Ettore Scola è stato un regista cinematografico e sceneggiatore. Studia Giurisprudenza a Roma dove inizia a lavorare come giornalista presso la rivista umoristica «MArc'Aurelio». Le sue prime sceneggiature risalgono alla metà degli anni Cinquanta, quando inizia a collaborare con Age Scarpelli ai film Un americano a Roma (1954), La grande Guerra (1959) e Crimen (1960). Il suo esordio come regista avviene con Se permette parliamo di donne, nel 1964.È in questi anni che assumerà il ruolo di icona del cinema italiano, dirigendo capolavori come C'eravamo tanto amati (1974, con Vittorio Gassman, Nino Manfredi, Stefano Satta Flores e Stefania Sandrelli, film che lo consacrerà alla fama internazionale), Brutti, sporchi e cattivi (1976),... Approfondisci
  • Ugo Tognazzi Cover

    "Attore e regista italiano. Di umili origini, frequenta il teatro in maniera dilettantesca, prima di intraprendere una carriera di successo nella rivista, abilissimo nel cucirsi addosso i panni di macchiette occasionali e di caricature fulminanti. Il sodalizio con R. Vianello gli apre le porte della televisione di stato in Un, due, tre (1954-59), fortunato programma televisivo che raccoglie scenette e parodie incentrate esclusivamente sulla coppia di comici – perfetti nello scambio di battute e complementari nei tipi, azzimato e svagato Vianello, terrigno e fisico T. – destinato a una conclusione anticipata a causa dell'irriverenza di uno sketch sull'allora presidente della repubblica Gronchi. Chiusa all'improvviso l'esperienza televisiva, si può dedicare maggiormente al cinema, dove è attivo... Approfondisci
Questo prodotto lo trovi anche in:
Note legali