Concerti per violino completi - Sinfonia concertante K364

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 2
Etichetta: Concerto
Data di pubblicazione: 10 gennaio 2017
  • EAN: 8012665210023
Salvato in 1 lista dei desideri

€ 43,77

Venduto e spedito da Zoomici

spedizione gratuita

Quantità:
CD
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

All’interno del vasto catalogo mozartiano, il violino occupa un posto sicuramente importante, benché non primario. Del resto, a questo strumento, di cui era un buon conoscitore (il padre Leopold fu autore di un trattato, ricordato ancor oggi, di tecnica violinistica), il compositore si dedicò sin dagli anni giovanili. I capolavori più celebri ed eseguiti sono certamente gli ultimi tre dei cinque concerti con orchestra (K 219211-216-218-207) che, insieme alla Sinfonia concertante per violino e viola K 364, costituiscono il programma di questa incisione live e che prevedono quasi lo stesso organico (archi, due oboi e due corni). Furono composti (e forse eseguiti) tutti e cinque dal compositore diciannovenne presso la corte dell’arcivescovo di Salisburgo Hieronymus von Colloredo fra l‘aprile e il dicembre del ’75. La ‘symphonie concertante’ nacque a Parigi nella seconda metà del Settecento. La Sinfonia Concertante in mi bemolle per violino e viola K. 364 di Mozart conduce il genere alla sua perfezione e, in un certo senso, oltre, imponendosi come uno dei suoi più grandi capolavori, certamente il più grande del periodo salisburghese. Questa incisione live dell’opera mozartiana vanta due dei migliori solisti italiani contemporanei, Domenico Nordio e Danilo Rossi, insieme all’Ensemble Respighi diretti da Federico Ferri.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Wolfgang Amadeus Mozart Cover

    Compositore austriaco. Il «bambino prodigio». i primi viaggi a monaco, parigi e londra. Il padre Leopold era maestro di cappella presso il principe arcivescovo di Salisburgo quando Wolfgang nacque, il 27 gennaio. Prima ancora di imparare a leggere e a scrivere, il piccolo M. rivelò prodigiose doti musicali, tanto che a quattro anni già suonava il clavicordo e a cinque componeva minuetti che il padre trascriveva. Anche la sorella Marianna, detta Nannerl, di cinque anni maggiore, suonava il clavicembalo con grande abilità; cosicché Leopold, perseguendo tenacemente l'educazione musicale dei figli, pensò di metterne subito a frutto le qualità precoci. Nel gennaio 1762 Leopold si recò con la famiglia alla corte dell'elettore di Monaco di Baviera, dove i due piccoli musicisti tennero concerto, suscitando... Approfondisci
Note legali