Concerto per violino - Humoresques / Concerto per violino n.1 - CD Audio di Sergej Sergeevic Prokofiev,Jean Sibelius,Vilde Frang

Concerto per violino - Humoresques / Concerto per violino n.1

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Interpreti: Vilde Frang (violino)
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 1
Etichetta: Plg
Data di pubblicazione: 18 gennaio 2010
  • EAN: 5099968441326
Disco 1
1
Violin Concerto in D minor, Op. 47: First movement - Allegro moderato
2
Violin Concerto in D minor, Op. 47: Second movement - Adagio di molto
3
Violin Concerto in D minor, Op. 47: Third movement - Allegro ma non tanto
4
Violin Concerto No. 1 In D Major Op. 19: I. Andantino
5
Violin Concerto No. 1 In D Major Op. 19: II. Scherzo (Vivacissimo)
6
Violin Concerto No. 1 In D Major Op. 19: III. Moderato
7
Two Humoresques, Op.87: No.1 in D Minor
8
Two Humoresques, Op.87: No.2 in D Major
9
Humoreske No.5 in E Flat, Op.89 No.3
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Sergej Sergeevic Prokofiev Cover

    Compositore e pianista russo. Gli studi e la precoce personalità. Il padre, agronomo, aveva una vasta proprietà in Ucraina; la madre, M.G. Zitkpva, era un'ottima pianista. Le innate doti musicali di P. poterono svilupparsi in un ambiente estremamente favorevole: a sei anni era già capace di dare forma a pensieri musicali; due anni dopo si impegnava a scrivere un'opera (Il gigante, Sulle isole deserte, di cui restano abbozzi per pianoforte), ideando da solo soggetto, messa in scena, parole, musica. Col suo primo maestro rivelò una certa avversione alla disciplina scolastica; con il successivo, R.M. Glière, parve invece trovarsi a suo agio. Al conservatorio di Pietroburgo, dove frequentò le classi di A.K. Liadov e N.A. Rimskij-Korsakov, la situazione... Approfondisci
  • Jean Sibelius Cover

    Compositore finlandese. Intraprese gli studi da autodidatta per poi proseguirli a Helsinki (con M. Wegelius), dove fece amicizia con Busoni e si perfezionò anche nel violino. Tra il 1889 e il 1891 soggiornò alcuni mesi a Berlino e a Vienna grazie a una borsa di studio; al suo rientro in patria si mise in luce con il poema sinfonico Kullervo per soli, coro e orchestra (1892), ispirato all'epica finnica del Kalevala, che lo avvicinò al nazionalismo finlandese, di cui ben presto si fece alfiere con varie musiche d'occasione a sfondo patriottico. Pur attento agli sviluppi della musica europea (grazie a tournées e viaggi all'estero), S. resterà in futuro sempre fedele alla scelta nazionale anche a costo di isolarsi dai grandi movimenti del rinnovamento musicale del primo Novecento, a volte chiudendosi... Approfondisci
Note legali