Categorie

Andrew Sean Greer

Traduttore: E. Dal Pra
Editore: Adelphi
Collana: Fabula
Anno edizione: 2004
Pagine: 315 p., Brossura
  • EAN: 9788845919152
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    ALESSANDRO SPAZIANI

    08/03/2009 11.08.27

    Stupefacente. Nessun paragone col breve racconto di Scott Fitzgerald da cui ora è stato tratto il film con tanto clamore. E' un libro da gustare pagina per pagina, pieno di quelle massime che a prima vista sembrano apodittiche, ma poi si coprono tutte originali, malinconiche,vere. Eppure la vicenda è surreale: sta proprio qua, secondo me, la magia; nella capacità di narrare la vicenda con un ritmo lento e sinuoso, quasi compiacente. A voler mostrare la capacità di dominarla senza rimanerne sconvolto. E chi, se un fatto come quello oggetto di questo romanzo fosse realmente accaduto, potrebbe avere poi questo aureo distacco per raccontarla "normalmente"? La risposta non può che essere una: solo il protagonista stesso, solo Max Tivoli.

  • User Icon

    stefano

    14/04/2007 11.43.22

    Questo libro è di una monotonia esasperante. Noioso, lento, piatto, insulso. Non mi permetto mai di giudicare i gusti altrui, ma sono sinceramente stupito di come, un'idea azzardata ma non originale sia sufficiente a compensare una narrativa così scarsa e una trama inesistente. mi dissocio dagli entusiasmi che si leggono nelle recensioni che mi precedono. ma se leggeste Dumas, Balzac, Hugo, Stendhal o Tolstoj? Svenireste! Vi li consiglio. Se vi appassiona questo testo, avete di fronte a voi un mare di romanzi che vi faranno felici. buona lettura a tutti.

  • User Icon

    lula

    30/11/2006 22.43.13

    E' il libro che mi ha cercato, ammiccandomi con l'originalita' della storia, seducendomi dopo la lettura delle prime pagine. Letteralmente divorato, ho letto piu' volte alcuni passi tra i quali merita una menzione particolare il finale, degno di tale libro.

  • User Icon

    Anna

    04/10/2006 10.10.39

    Un po' noiosetto, non mi ha colpito particolarmente, la storia è "unica" ma alla fine...non mi ricordo neppure più come finisce.

  • User Icon

    MONICA

    12/04/2006 00.49.30

    ECCESSIVA LA DEFINIZIONE DI CAPOLAVORO.RESTA UNA BELLA STORIA MOLTO PARTICOLARE.

  • User Icon

    anna

    11/04/2006 20.08.43

    NON CAPISCO PROPRIO COME SI POSSA PARAGONARE QUESTO LIBRO A "IL PROFUMO" DI SUSKIND...QUELLO è DAVVERO INDIMENTICABILE..NON SOLO PER L'IDEA ORIGINALISSIMA,MA PER LA,DESCRIZIONE,LA NARRAZIONE,SERRATA,EMOZIONANTE,INTROSPETTIVA,IMPREVEDIBILE..QUESTO INVECE è UN BEL RACCONTO,ANCHE QUI IDEA ORIGINALE MA NIENTE DI PIù..LO STO FINENDO E NON MI DISPIACE PER NIENTE..IN SOSTANZA SONO DELUSA DA QUESTO LIBRO..SE NON SI ERA CAPITO:-)

  • User Icon

    Luca

    24/03/2006 17.13.31

    Bello e scritto bene, molto bene... Lo stile è sinuoso e sontuoso, direi: le pagine scorrono come musica, alcune descrizioni sono deliziose, ma sovrani regnano i sentimenti, mirabilmente espressi. Non riesco a giudicare se è migliore la "triplice" storia d'amore o la storia dell'amicizia che dura per sempre, ma entrambe sono splendide e splendidamente raccontate! Leggetelo, non sarà probabilmente il miglior libro della vostra vita, ma se ne leggono pochi di tale livello...

  • User Icon

    mariamore

    21/09/2005 19.09.46

    Ho letto il libro quando è uscito, mi è piaciuto e l'ho consigliato. Non è il libro più bello del mondo, ammesso che esista, ma certo vale la pena di leggerlo. Ad Oga Oga posso modestamente consigliare di leggere " La donna giusta" di Sandor Marai, "Molto forte,incredibilmente vicino" di Safran Foer, "Un matrimonio da dilettanti" della Tyler, "Middlesex" di Eugenides, ma anche molti altri, forse non tutti capolavori, ma certo tutti libri belli e da leggere. Buona ricerca e buona lettura a tutti! P.S. Qualche classico ogni tanto non stona: "Forte come la morte" di Maupassant é magnifico, ma è solo uno dei tanti!!

  • User Icon

    Federica

    14/09/2005 10.37.16

    Leggo i commenti e mi dissocio, mi dissocio e mi dissocio. Mi aspettavo di molto meglio. L'idea e' notevole di quelle che ti fanno dire perche' non c'ho pensato io. Ma scritta in maniera superficiale. Non c'e' profondita' nella descrizione dei suoi sentimenti delle sue emozioni. Rimane sempre in una sorta di distacco emozionale che stona con la drammaticita' della condizione di Max. Non basta dire quanto ama Alice, ce lo deve far sentire, dobbiamo arrivare ad amarla anche noi.

  • User Icon

    miss

    04/08/2005 14.38.56

    Travolgente e indimenticabile,stile impeccabile,storia sublime.

  • User Icon

    ecce

    02/08/2005 19.47.20

    L'ho consigliato ad almeno una decina di persone.Fantastico!!!Da rileggere.

  • User Icon

    Akmeno

    02/08/2005 18.02.18

    Se volete riflettere su quanto l'amore sia importante in una vita e quanto lo sia anche la maturazione e l'età leggetelo. Effettivamente il setting è un po' troppo retrò e non ha la potenza di (ad esempio) Sandor Marai delle Ceneri o McGrath di Follia, però merita di essere letto molto più di tanti altri sbandieratissimi "grandi scrittori".

  • User Icon

    Pierluigi

    02/08/2005 15.26.16

    "Occorre troppa immaginazione per scorgere i dolori di quelli che consideriamo felici. Le loro vere battaglie si combattono , come quelle stellari , in un campo di luce impercettibile all'occhio umano. E' una prodezza della mente indovinare cosa si annidi nel cuore di un altro." Che dire...il romanzo di A.S.Greer e' bellissimo!

  • User Icon

    mert

    01/08/2005 13.08.13

    Ho letto le recensioni e mi sono precipitato a comprarlo.Ringrazio tutti quelli che lo hanno segnalato,è davvero meraviglioso e tutti dovrebbero leggerlo.Magnifico!!!!

  • User Icon

    medea

    29/07/2005 17.41.43

    CA_PO_LA_VO_RO!!!!!!!!! Non ho parole per descriverlo.E' unico.

  • User Icon

    ira

    29/07/2005 17.40.54

    L'ho appena terminato.Lo ricomincio immediatamente!!!Da consigliare a tutti.

  • User Icon

    Paoli

    27/07/2005 00.51.30

    ODDIO. Leggo i commenti su Le Confessioni e penso: ODDIO, adesso mi linciano... Ma facciamoci coraggio. La storia è raccontata con un neoclassicismo che mi sembra insipido e insicuro, per niente adatto a raccontare una storia originale ed attuale come quella di Max. Trovo l'idea dell'anziano-infante/infante-anziano molto interessante ma la narrazione è stopposa e il setting inappropiato. Non lo trovo un capolavoro, per niente. In giro si trova di meglio.Davvero...

  • User Icon

    marilù

    26/07/2005 19.13.23

    Da tanti anni ormai non leggevo più nulla di tanto bello.Complimenti!Spero che traducano presto anche le altre opere.

  • User Icon

    oga oga

    23/07/2005 16.50.44

    Mi auguro che qualcuno mi poSSA CONSIGLIARE UN ALTRO CAPOLAVORO A QUESTO LIVELLO,MA DUBITO CI SIA...

  • User Icon

    nabo

    22/07/2005 09.50.56

    Uno dei massimi esempi di letteratura contemporanea,destinato a diventare un classico

Vedi tutte le 41 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione