Il Congresso di Vienna 1814-1815

Francesco Randazzo

Anno edizione: 2014
In commercio dal: 1 dicembre 2014
Pagine: 204 p.
  • EAN: 9788867352456
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Descrizione
A distanza di due secoli il Congresso di Vienna continua a rappresentare un momento particolarmente significativo per la storia mondiale. Con questo lavoro polifonico, compiuto da più accademici italiani e stranieri, si è tentato di ricollocare tale evento nella cornice di un più ampio dibattito che tiene conto dei recenti studi settoriali e monografici. A Vienna nell'autunno del 1814 i rappresentanti delle grandi potenze si incontrano per riportare sui troni i vecchi sovrani spodestati dal ciclone napoleonico. Nell'arco di pochi mesi, sotto la regia di Alessandro I, lo zar che ha liberato l'Europa cristiana dalle barbarie napoleoniche, si ritrovano Nessel'rode per la Russia, Hardenberg per la Prussia, Castlereagh e Wellington per la Gran Bretagna e altri delegati europei i quali danno avvio a consultazioni che si protraggono per mesi infruttuose per via delle tante rivendicazioni territoriali che il più delle volte li trovano in disaccordo. Solo lo sbarco di Napoleone in Francia, nel marzo del 1815, riesce a compattare la grande alleanza e segna una svolta nella conclusione dei lavori. Grazie all'abilità di Talleyrand, la Francia riesce a non subire l'umiliazione di potenza sconfitta e i suoi confini territoriali si assestano a quelli del 1789 senza ulteriori perdite. Il libro, dunque, cerca di ripercorrere alcune tappe dell'intero processo viennese che ha dato vita a straordinarie sintesi diplomatiche suscitando critiche ma anche consensi ben presto ridimensionati...

€ 14,45

€ 17,00

Risparmi € 2,55 (15%)

Venduto e spedito da IBS

14 punti Premium

Disponibile in 5 gg lavorativi

Quantità: