Contro l'ora di matematica. Un manifesto per la liberazione di professori e studenti

Paul Lockhart

Traduttore: C. Capararo
Editore: Rizzoli
Collana: Saggi stranieri
Anno edizione: 2010
In commercio dal: 10 febbraio 2010
Pagine: 116 p., Rilegato
  • EAN: 9788817038409
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Descrizione
Formule da memorizzare, procedure da seguire, definizioni da ripetere parola per parola, simboli astrusi da manipolare: è questa la matematica? No, è solo la triste caricatura cui l'ha ridotta la scuola. A dirlo è un professore che ha deciso di rivoluzionare i metodi di insegnamento ansiogeni, terroristici, frustranti che il programmagli imporrebbe. Perché la vera matematica è una sublime forma d'arte, e la creazione e l'esplorazione di un mondo immaginario abitato da creature fantastiche, è "poesia della ragione". Questo piccolo libro ricolmo di passione è insieme una critica impietosa a un'istruzione che uccide ogni piacere della scoperta e un inno gioioso alla libera attività dello spirilo.

€ 10,62

€ 12,50

Risparmi € 1,88 (15%)

Venduto e spedito da IBS

11 punti Premium

Attualmente non disponibile Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    vitaliano bacchi

    04/09/2012 16:36:43

    Il bello del mestiere del matematico - scriveva Ian Stewart nel suo Flatterlandia - è che bastano carta e matita. Anche meno, diciamo noi, perche essendo scritta nella realtà, non si deve certo formularla per capirla. La ragione del disastro di questa materia di insegnamento sta proprio nel fatto che viene insegnata e non mostrata nella realtà e, per farlo, i semidei che se ne occupano nei licei e nelle università hanno costruito un formulario di segni inutili e di stringhe assurde che costituiscono il fattore inibitorio della intelligenza o mathesis della disciplina. I pedagogisti, e cioè gli scienziati dell'apprendimento, hanno una tesi e i matematici un'altra circa l'intelligenza della materia, scrive l'autore ed è vero, perchè i primi considerano che l'alfabetizzazione matematica richieda l'esclusione del suo linguaggio formulare, sicchè la matematica si risolve quindi nel processo di apprendimento del reale (e cioè della mathesis che vi è immanente)sine signo. I secondi invece considerano che la matematica coincida con i suoi simboli, le sue formule, non con la struttura intelligibile della realtà di cui è logos immanente. Sono questi ultimi che hanno distrutto il fascino e la funzionalità reale della matematica a vantaggio di vuoti formalismi esoterici ormai francamente ridicoli, perchè è ridicolo ciò che vanta prestigio ma in realtà non serve. Il Re è nudo. La crisi dell'analisi matematica rispetto la simulazione computazionale a nient'altro è dovuta che ai suoi insulsi ricamatori di segni. Lockhart individua quindi esattamente nel sacrificio della semplicità dell'esperienza pura (informale)il disastro dela materia: dimenticatevi dei simboli, scrive a pag.79, e con questo indica la via della vera matematica. Un libro intelligente, da leggere soprattutto per quei semidei dei matematici di professione che si illudono di essere i portatori di una intelligenza superiore, mentre in realtà non sono che portatori dei loro inutili e rovinosi formulari egizi.

Scrivi una recensione