Controstoria del liberalismo - Domenico Losurdo - ebook

Controstoria del liberalismo

Domenico Losurdo

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: Laterza
Formato: EPUB con DRM
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 772,73 KB
Pagine della versione a stampa: 384 p.
  • EAN: 9788858118344
EBOOK € 13,99
Salvato in 4 liste dei desideri

€ 13,99

Punti Premium: 14

Venduto e spedito da IBS

EBOOK

Compatibile con tutti i dispositivi, eccetto Kindle

Cloud: Sì Scopri di più

Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Come spiegare che nell'ambito della tradizione liberale la celebrazione della libertà va spesso di pari passo con l'assimilazione dei lavoratori salariati a strumenti di lavoro e con la teorizzazione del dispotismo e persino della schiavitù a carico dei popoli coloniali? In questo volume Losurdo indaga le contraddizioni e le zone d'ombra da sempre trascurate dagli studiosi, siglando una controstoria che evidenzia la difficoltà di conciliare la difesa teorica delle libertà individuali con la realtà dei rapporti politici e sociali.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4,33
di 5
Totale 3
5
1
4
2
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Stefano Bosio

    25/06/2016 18:33:36

    I libri di Domenico Losurdo sono caratterizzati da grande rigore scientifico e profonda conoscenza della filosofia politica e della storia della filosofia almeno dal '600 sino ai giorni nostri. Forse invece, non con eguale disinvoltura questo grande studioso si muove tra i meandri della filosofia antica. Losurdo muovendosi sulla storia e sui fatti ha bisogno di attenersi ai documenti storico-cronachistici per supportare il suo discorso che è si compiuto e completo, ma anche specialistico. Nel caso di "Controstoria del liberalismo" la critica losurdiana al liberalismo passa attraverso la spiegazione del pensiero contraddittorio di J.Locke e di A. de Tocqueville ad esempio, che esaltano la libertà individuale e pongono le basi per la limitazione del potere politico della maggioranza sulla minoranza. Purtuttavia J. Locke non esiterà a dire che "Ogni proprietario di schiavi della Carolina ha potere di vita e di morte su ognuno di loro". E Tocqueville si guardò bene dall'esprimersi contro l'abolizione della schiavitù in America.Per Losurdo il liberalismo esclude il popolo, i molti che non godono della liberta'di pochi eletti. Tutto vero, però la lettura ideologicamente intrisa di marxismo di Losurdo gli impedisce di scorgere che le democrazie occidentali liberali hanno sempre sviluppato al loro interno una dialettica di contrappesi alla espansione incontrollata del profitto capitalistico. La tradizione liberale ha prodotto associazioni, sindacati, filosofi come A. Smith, A. Ferguson, J.G. Fichte e altri che hanno reso il liberalismo meno selvaggio di quello russo, asiatico, sudamericano, proprio perché i paesi liberali hanno limitato la voracità capitalistica. Mentre è evidente che il profitto più selvaggio e incontrollato è quello presente negli Stati privi della tradizione liberale, nei quali la deregulation raggiunge livelli superiori di quella pur presente nei paesi occidentali di tradizione liberale che hanno avuto 4 secoli per convivere col mondo del capitale.

  • User Icon

    Guido

    20/06/2008 23:56:14

    In effetti questo, come un po' tutti i libri di Losurdo, potrebbe esser utilizzato non nel migliore dei modi se si cercassero innanzitutto risultati teorici particolarmente originali; Losurdo, lo si sa, è un vetero-comunista senza ripensamenti. Ma detto questo, vi sono pochi autori nella storiografia filosofica italiana e non, che scrivono libri più preziosi per il lettore colto. Il dominio della letteratura critica di Losurdo è in genere assolutamente impressionante; le citazioni sempre puntuali e pertinenti; esemplare la chiarezza della prosa e la premura a farsi capire (il che mostra un rispetto per il lettore anche non iniziato che è tutt'altro che comune nella saggistica universitaria italiana); anche i giudizi personali dell'autore sono sempre chiaramente individuabili rispetto all'esposizione propriamente storica. Così chi vuole avere un panorama ampio e organico del pensiero politico otto-novecentesco può leggere le sue opere con grandissimo frutto.

  • User Icon

    Federico

    18/01/2008 19:40:56

    Davvero interessante questa storia del liberalismo nei secoli dal punto di vista della schiavitù: fa luce sulle sue vere radici sociali, culturali ed economiche, anche se l'autore non ha la forza di concludere creando una teoria coerente, dopo tanta carne messa sul fuoco.

Note legali