La coscienza di Zeno-Continuazioni - Italo Svevo - copertina

La coscienza di Zeno-Continuazioni

Italo Svevo

Scrivi una recensione
Curatore: M. Lavagetto
Editore: Einaudi
Edizione: 2
Anno edizione: 2014
Formato: Tascabile
Pagine: 664 p.
  • EAN: 9788806222444

13° nella classifica Bestseller di IBS LibriNarrativa italiana - Antologie

pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 10,20

€ 12,00
(-15%)

Venduto e spedito da IBS

10 punti Premium

Quantità:
LIBRO

Altri venditori

Mostra tutti (2 offerte da 12,00 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

La storia di Zeno Cosini, inetto a vivere: una specie di marionetta tirata da fili che quanto più egli indaga, gli sfuggono. Una coscienza inutile a mutare un destino che sembra ineluttabile. È il capolavoro di Svevo, la prima storia italiana dove entra prepotentemente in scena la psicanalisi come coprotagonista; forse il più grande romanzo del Novecento italiano e uno dei maggiori della letteratura europea di questo secolo.
3,81
di 5
Totale 14
5
8
4
3
3
0
2
1
1
2
  • User Icon

    Elena

    11/03/2019 13:43:18

    Lettura imprescindibile per chi voglia comprendere i dilemmi dell'uomo novecentesco. Per libri come questi l'apprezzamento personale ha relativa importanza. Per me questa lettura non è stata né piacevole, né particolarmente coinvolgente; in alcuni punti non ho potuto non provare una sensazione di noia. Ma poco rileva: troppo alta è la posta in gioco. Qui si gioca una partita decisiva per il XX secolo: la decostruzione dei vecchi cardini che reggevano l'identità dell'individuo (con tutte le implicazioni socio-politiche conseguenti) e il tentativo di ridefinirne di nuovi procedendo per tentativi ed errori, anche a costo di ammettere la velleità di certi sforzi.

  • User Icon

    Daniela

    08/03/2019 12:29:10

    Non si può parlare di questo libro come una storia ricca di colpi di scena e che ti tiene incollato fino alla fine(ci sono altri libri di tale tipo) ma comunque è un ottimo saggio sulla psicologia umana. Come al solito dal mio punto di vista mi vedo costretto a criticare i professori che costringono i giovani a leggerlo (a cui magari piace anche, non mi sento il diritto di giudicare) poichè secondo me è più adatto a un pubblico maturo e che ha già avuto un background consistente di esperienze alle spalle, non so se mi spiego. Tuttavia rimane uno dei capisaldi della letteratura italiana, consigliato.

  • User Icon

    Cinzia

    08/03/2019 08:19:20

    Mi sentirei di paragonare le pagine di questo libro alle sigarette di Zeno: una tira l’altra. Questo è un romanzo che deve essere letto assolutamente. Sinceramente sono riuscita ad apprezzarlo solo crescendo perché per un po’ di anni l’avevo associato alle noiose spiegazioni del mio professore di italiano e non riuscivo a capire che era un’opera di inestimabile valore. Oltre all’approfondita analisi psicologica del personaggio, trovo che anche gli eventi narrati non siano assolutamente banali.

  • User Icon

    Lara

    26/09/2018 09:06:32

    E' un classico, un libro che sicuramente non deve mancare il libreria

  • User Icon

    Pamela

    22/09/2018 18:47:56

    Lettura molto consigliata. Il volume è ben rilegato e in un corpo ben leggibile. Il testo è uno (dei pochi) capolavori assoluti della letteratura italiana: moderno, ironico, divertente. In più questa edizione riporta in appendice anche le Continuazioni (che non avevo letto) e che dovevano costituire i nuclei per la prosecuzione della Coscienza: Un contratto; Le confessioni del vegliardo; Umbertino; Il mio ozio; Prefazione. Il volume è tutto annotato e contiene una ricca introduzione sulla vita e sulla scrittura. E ancora, a seguire, una guida di lettura che approfondisce, con rimandi anche suggestivi, i vari capitoli del libro. Benissimo.

  • User Icon

    Michele

    18/09/2018 18:10:42

    Sicuramente tra i classici della letteratura italiana, unisce spessore narrativo e psicologico nelle vicende dell'inetto Zeno Cosini.

  • User Icon

    Giovanni Miano

    15/09/2011 19:18:39

    Opera di notevole spessore narrativo e psicologico. La struttura è accuratamente predisposta dall'autore per mettere in risalto la fragilità e talvolta la meschinità che accomuna per sua natura l'essere umano. Non di rado si è portati al confronto o all'immedesimazione col protagonista. Le "Continuazioni" presenti in questa edizione, pur se qualitativamente inferiori all'opera originaria, permettono di completare il percorso di Zeno.

  • User Icon

    Laron

    11/06/2011 19:48:29

    forse per la mia giovane età, forse per altro non sono minimamente riuscito ad interessarmi alla storia, il personaggio mi lasciava indifferente e le pagine risultavano soltanto... parole.. solo parole. Solitamente apprezzo i classici ma questo proprio non l'ho digerito.

  • User Icon

    Cee

    11/01/2011 17:13:10

    È vero, può essere considerato il primo romanzo psicologico della letteratura italiana, ma questo non vuol dire che sia un BEL libro: è semplicemente l'inizio di una nuova narrativa destinata (in Italia) a dare migliori frutti negli anni successivi. Paragonato al contemporaneo "Ulysses" di James Joyce, o a Dostoevskij, il povero Zeno perde ogni confronto. E mentre questi rimarranno sempre capolavori, "La coscienza di Zeno" è ormai da considerarsi superata.

  • User Icon

    Lucia

    04/11/2010 10:58:51

    Riletto dopo circa 15 anni. Rimane la sorpresa di constatare come ad uno "sfigato" (passatemi il termine)come Zeno Cosini vadano tutte lisce e come riesca ad avere una vita felice senza che ce ne siano, apparentemente, i presupposti.

  • User Icon

    salvatore

    11/06/2008 21:30:53

    Interrotto a metà dopo tanti sacrifici. Ho quasi fatto a pugni con questo romanzo. Non essendo un critico lettario non mi azzardo a mettere in discussione la qualità del libro. Dicono sia eccelsa. Mah, può darsi. Da un punto di vista psicoanalito rappresenta senza dubbio una delle più significative opere del nostro 900, posso essere d' accordo. Ma il piacere di leggerlo, per quanto mi riguarda, è stato nullo: masticoso, masticoso...bastaaaa

  • User Icon

    emmegi

    24/10/2007 11:40:20

    eccezionale romanzo che delinea in pochi ma determinanti episodi e numerossissime quanto colorate immagini la vita di un uomo, nel suo incrociarsi con il mondo. Il suo mondo. Tratteggiamento delle caratteristiche umane, di alcuni tratti femminili, di sensazioni e sentimenti, di caratteri e ricordi. Da leggere. Subito, e sempre.

  • User Icon

    franca

    05/07/2007 23:25:24

    Capolavoro assoluto,divertente,intelligente...ma sul testo forse tutto è già stato scritto:ricordate che è una splendida lettura per tutte le stagioni.

  • User Icon

    tonio

    30/05/2006 19:35:15

    Svevo aveva ragione a suo tempo a sostenere che l'uomo per quanto si impegni a essere migliore, diverso e in una parola realizzato non ci riuscirà mai, perché alla fine salta fuori sempre qualcosa che stona nel complesso dell'orchestra e allora qual è la soluzione se non la rassegnazione? leggetevi i suoi libri e capirete...

Vedi tutte le 14 recensioni cliente
  • Italo Svevo Cover

    Pseudonimo di Ettore Schmitz. Di famiglia ebraica per parte di madre, e di padre tedesco, compì gli studi medi in Baviera; nel 1879 si iscrisse all'Istituto superiore di commercio di Trieste, ma l'anno seguente, per problemi economici familiari, dovette trovare un impiego in una banca, dove lavorò per vent'anni. Fu questo anche il periodo del suo apprendistato letterario: cimentatesi in articoli, abbozzi di racconti, pagine autobiografiche, nel 1890 fece uscire a puntate, su «L'Indipendente», la sua novella 'L’ assassinio di via Belpoggio'. Nel 1892 pubblicò il suo primo romanzo, 'Una vita'. Nonostante la già evidente abilità del narratore, il romanzo passò inosservato; identica sorte toccò sei anni dopo al suo secondo libro... Approfondisci
Questo prodotto lo trovi anche in:
Note legali