Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Cosmo - Witold Gombrowicz - copertina

Cosmo

Witold Gombrowicz

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Traduttore: Vera Verdiani
Editore: Il Saggiatore
Collana: La cultura
Anno edizione: 2017
In commercio dal: 20 aprile 2017
Pagine: 236 p., Brossura
  • EAN: 9788842822592
Salvato in 145 liste dei desideri

€ 22,80

€ 24,00
(-5%)

Punti Premium: 23

Venduto e spedito da IBS

spinner

Disponibile in 5 gg lavorativi

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
spinner
PRENOTA E RITIRA Verifica disponibilità in Negozio

Caro cliente IBS, da oggi puoi ritirare il tuo prodotto nella libreria Feltrinelli più vicina a te.

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: 02 91435230

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


Cosmo

Witold Gombrowicz

€ 24,00

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

Cosmo

Witold Gombrowicz

€ 24,00

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

Altri venditori

Mostra tutti (5 offerte da 22,80 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Due uomini arrancano nel solleone di una campagna polacca che ronza di canicola e insetti. Arrancano e arrancano, tra boschi neri di ombre, campi neri di terra, siepi nere di sterpi. Lungo la strada un passero penzola incapestrato al ramo di un albero, con il becco aperto, nero di morte. È il primo indizio che apre un'improvvisata caccia all'enigmatico assassino, un'indagine sbalestrata e costellata di microcosmici indizi, messaggi che portano alla luce altre impiccagioni rituali, biascichii notturni e cabalistici oggetti disseminati, forse criminosamente o forse solo per caso, tra le stanze della dimessa pensione in cui i due decidono di sostare. Qui, nella complicità di una famiglia di misteriosi albergatori, altri ritrovamenti e anomalie amplificano l'eccitazione: il cadavere di un gatto che oscilla nella caligine montana, un uomo con le scarpe gialle appeso nel cuore della boscaglia, una donna silenziosa dalla bocca sfigurata, i colpi selvaggi di un martello nella notte, e gracidìi di rospi alle porte, appetiti orgiastici, cigolii di talami incestuosi. Tutti nella casa sembrano nascondere un segreto, sfilandosi però dall'interrogatorio dei giovani ospiti con lepidezze e contraccuse, mentre le piste si moltiplicano, si contraddicono, si confondono nel disincanto di ogni verosimile soluzione. Cosmo - che il Saggiatore propone in una nuova traduzione - è l'ultima perturbante storia raccontata da Witold Gombrowicz; la più violenta, ironica, oscura favola mai scritta dal visionario autore polacco, uno dei grandi maestri del Novecento. Un romanzo che coglie nell'atmosfera poliziesca gli smerigli filosofici di un'indagine sulla tragedia umana, i disperati tentativi di scovare un senso nei dettagli marginali dell'esistenza, gli impulsi sessuali esasperati fino all'aberrazione che manipolano la nostra percezione del mondo, e l'ambiguità del reale cui la noia del vivere rivendica inesauribili interpretazioni, formulando di continuo cosmi paralleli, fantasmi, invisibili assassini le cui tracce si fanno evidenti solo per chi li ha immaginati. In questa foresta di segni, il Cosmo - il grande ordine che dà forma al Caos - è solo un altro nome con cui appellare la morte. È la sua apparizione sfingica, il suo subdolo serpeggiare nella vita tra simboli che si imboscano ovunque, ma che raramente riusciamo a decifrare.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4,13
di 5
Totale 8
5
5
4
1
3
0
2
2
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Simone Fontana

    18/02/2021 21:29:59

    È tutto finito. Il romanzo, intendo, la letteratura come veniva intesa una volta, tanto tempo fa... perché poi - udite udite - è arrivato Gombrowicz. E con Gombrowicz non abbiamo semplicemente voltato pagina - troppo facile, e del resto non sarebbe qualcosa di nuovo, quante volte nella sua storia la letteratura ha voltato pagina!... Quella pagina Gombrowicz l'ha strappata. Sfido i risentiti a provare a reincollarla!... Personalmente, da quando ho scoperto Gombrowicz, non posso più farne a meno.

  • User Icon

    Andrea Muratore

    30/01/2021 16:22:38

    La sozzura, il sudiciume, l’escremento delle passioni, le cose, la sciocchezza, la vanità degli uomini. E Witold Gombrowicz. Un Cèline metafisico e un Bernhard che si incazza con più decoro. Corro in libreria a comprare un altro suo libro. Non bisogna, credo, aggiungere altro.

  • User Icon

    Monica Sitzia

    13/01/2021 10:17:12

    Un altare all’attitudine metacognitiva del protagonista che si traduce in sensazioni, visioni anticipatrici di connessioni e ricerca di assonanze tra oggetti e ossessioni. Utilizzando il registro di Witold Gombrowich, mi son sentita molto “teiera”, ma senza scoraggiarmi troppo. In fondo, si tratta di una grande metafora dell’ansia spasmodica di conoscenza-comprensione-ordine del senso delle cose. Destino vuole che non si disponga del senso delle cose. Esistono pensieri spaventosi; in fondo, non è necessario preoccuparsi. Alla fine, basta un pollo lesso a pranzo.

  • User Icon

    Pasquale

    12/05/2020 15:54:32

    Di Gombrowicz avevo già letto Pornografia, e lo avevo trovato intrigante. In questo romanzo, invece, non ho trovato poi tanto di quel che la quarta di copertina lasciava presagire. Una storia strana, che è difficile poter riassumere, e che mi ha trasmesso solo inquietudine e poca curiosità. Ho trovato difficile leggerlo per un peso che faceva calare sull'animo (come stare in apnea). Non è stata una lettura piacevole, quindi non lo consiglio se cercate uno svago. Gombrowicz viene elogiato come uno dei più grandi del Novecento, ma, probabilmente per un mio limite personale, non riesco affatto a coglierne la grandezza.

  • User Icon

    Edmund Koehler

    11/05/2020 20:29:17

    Consiglio a tutti la lettura di questo grande libro. Un capolavoro.

  • User Icon

    furetto60

    04/03/2020 09:53:46

    Opera noiosa e presuntuosa, sopravvalutata e di un autore a sua volta sopravvalutato. Dove sta la decantata profondità di pensiero? La denuncia sociale? La rivolta dell'ego? Solo con tanta fantasia, e forzosamente, si può intravedere.

  • User Icon

    vlad

    13/12/2019 06:19:26

    Caos, percezione e... un buco nel cranio.

  • User Icon

    Tulse Luper

    29/08/2019 17:02:06

    Un Libro per l’Estate .... perchè solo l’Estate, o meglio Agosto, può consentire alla mente, dettandole i tempi necessari, di poter assimilare o, meglio, ingurgitare (e, poi, necessariamente, espellere) l’atrocità di questo incredibile romanzo (?), la cui trama (?), quasi da film giallo, richiama ed annoda in maniera (talora) soffocante l’assolutamente credibile assurdità della narrativa beckettiana e la vertiginosa crudeltà del miglior Bernhard (non per niente, il mio Scrittore d’elezione). Perché leggerlo, dunque? Per riflettere, ancora una volta, deglutendo un po’ a fatica, sul (non)senso di un’esistenza, la nostra, fatta di tante piccole/grandi coincidenze e collegamenti, il più delle volte creati ad hoc dalla nostra mente per superare la noia, l’impossibilità o la difficoltà di rapporti con l’altro, da ultimo anche il timore della morte…… e, poi, anche solo per la curiosità che inevitabilmente non può che suscitare la magnifica Munchiana copertina scelta da “Il Saggiatore”! Un Libro che può anche risultare sgradevole ma che rimane, a mio parere, ad oltre cinquant’anni dalla sua prima pubblicazione, uno dei pochi esempi del tardo Novecento, assolutamente unici per singolarità d’espressione, di cosa significhi, ancora oggi, realmente, saper Scrivere. P.S. ho appena saputo che nel 2015 Zulawski (e chi se no?) ne ha tratto un film che, ovviamente, per ovvie ragioni, non tenterò mai di vedere...

Vedi tutte le 8 recensioni cliente

“Cosmo” deriva dalla parola greca che significa “ordine, armonia”. Tutto il contrario della situazione in cui si trovano i due giovani protagonisti, Witold e Fuks, che si rifugiano lontano dalla città e dai rispettivi problemi (per il narratore la famiglia, per Fuks il capoufficio) affittando una camera in un luogo fin da subito denso di misteri.  Ancora prima di entrare, si trovano una scena orribile davanti agli occhi: un passero impiccato a un fil di ferro agganciato a un ramo. Chi potrebbe macchiarsi di un delitto così insensato? A quale scopo? Colpiti da tanta crudeltà, i due stravaganti affittuari cominciano a guardarsi intorno, alla ricerca di indizi o di possibili collegamenti. La pensioncina è modesta, la famiglia che vi abita sembra tranquilla, ma nei gesti quotidiani tradisce una certa impazienza. La fissazione dei due giovani li rende attenti al minimo segno, alle linee immaginarie che uniscono certi punti, a oggetti inutili buttati a caso ma che improvvisamente acquistano un nuovo significato, per chi sa osservare e per chi sa associare. Quando compare un elemento incompatibile con le loro teorie del tutto arbitrarie, ecco che, più che il cosmo, si affaccia con prepotenza sempre maggiore il caos.

A questo si aggiunge un altro aspetto. Nel sistema chiuso della pensione, il contrasto fra Katasia, quarantenne con le labbra deturpate da un incidente, e la bella Lena dalla boccuccia delicata, genera un sottile gioco di rimandi che fa nascere un erotismo nascosto e morboso, senza alcuna possibilità di esprimersi alla luce del sole ma che trova una via sotterranea. E ancora non abbiamo presentato la variabile impazzita che si scatena a un certo punto. Leon, il padre di Lena, si comporta in modo sospetto e parla in un modo altrettanto sospetto, con il suo perfido tirirì fischiettato a più riprese. Quando l’allegra comitiva decide di partire per una gita in montagna, pur di allontanarsi dal clima ormai diventato soffocante della pensioncina, la follia di Leon si manifesta apertamente.

«E all’improvviso, ecco risuonare: “Berg!”. […] “Come?” “Berg!” “Cosa, berg?” “Berg!” “Ah già, aveva accennato a due ebrei… a una barzelletta sugli ebrei”. “Macché barzelletta sugli ebrei! Bergamento col berg nel berg – capisce? – Bembergamento col bemberg… Tirirì»

Parola inventata di sana pianta, buona per tutti gli usi, il berg di Leon si carica di una forza (erotica) repressa che non lascia presagire niente di buono, una porta d’accesso in più al caos che si profila all’orizzonte. L’universo di Witold resta così inafferrabile, incomprensibile e destinato all’assenza di senso.

Un libro perturbante, Cosmo, l’ultimo scritto dal grande autore polacco, nel 1965, che il Saggiatore ripropone in una nuova traduzione che restituisce brillantezza a una lingua capace di scardinare il mondo così come lo conosciamo. Come avviene in altri grandi libri del Novecento, l’improbabile indagine non conduce a niente, se non a un finale incapace di risolvere la situazione. Si torna daccapo, al punto di partenza, dove, per riprendere le parole di Michele Mari, la vita continua, regolare, spietata.

Recensione di Clara Domenino

Torna in libreria dopo anni di assenza dai cataloghi Cosmo di Witold Gombrowicz (prima uscita: 1965) per i tipi del Saggiatore, con la traduzione di Vera Verdiani, a cura e con una bellissima postfazione di Francesco Cataluccio. Assenza appena «interrotta» dalla trasposizione cinematografica nel 2015, quando un altro polacco che girava in Francia, il «maudit» Andrzej Zulawski, vinceva a Locarno il premio alla regia per il suo terminale Cosmos. Due personalità affini, scrittore e regista, che si sono confrontati con il caos e l’ordine prima di morire.

E così torniamo a leggere questa labirintica soggettiva dello sguardo, un occhio che si apre appena un attimo dopo aver ricevuto il battesimo del risveglio, un occhio che si muove come la steadycam di Shining all’inseguimento del piccolo Danny, pedinando le sue imprevedibili rotte lungo il «nostro frammentario, caotico, trascurato, abietto e vile rapporto con ciò che ci circonda».

Mimesi dell’esperienza di conoscenza, questo oscuro e bizzarro romanzo poliziesco, che Gombrowicz definiva «un romanzo sulla fabbricazione della realtà», è l’episodio tardo ed estremo di un percorso epistemologico, diciamo pure macronarrativo, iniziato negli anni Trenta – acme della nuova letteratura modernista – e di un autore che da Ferdydurke (1938) a Transatlantico (1953), dai racconti di Bacacay (1957) a Pornografia (1960) fu amato dai «novissimi» neo-avanguardisti, Sanguineti in testa.

I due giovani Witold e Fuks, sospinti dal vento della noia in un’estate polacca slavata di disperazione, biancastra, sovraesposta di luce e insensatezza, sono in viaggio, entrambi in fuga provvisoria da Varsavia, il primo dai genitori, il secondo dal terribile capufficio Drozdowski. La visione di un passero impiccato lungo la strada e poi l’incontro con due bocche speciali nella casa dove alloggeranno – una è la bocca bellissima di Lena, l’altra è quella sfigurata di Katasia – scateneranno una serie di complicazioni, «combinazioni possibili» e conseguenze che seguiranno una logica aleatoria, una «realtà che si fa scrivendo».

«Sto annotando dei fatti. Questi e non altri. Perché proprio questi? Guardo la parete. Puntini, pustole. Ne emerge qualcosa, come una figura. No, la figura svanisce, è svanita, restano il caos e quella sporca profusione». Il dissidio fra caos e cosmo, fra «lusso del disordine» e gli «indizi» di un ordine è lo specchio di un altro dissidio, quello tra «sozzura» e «angelicità». Se, per dirla con Lacan, il soggetto del desiderio si nasconde nel linguaggio, allora il «berg», la parola (forse di origine yiddish?) d’impossibile traduzione, alla maniera del dantesco «Pape satan aleppe», è l’allarme linguistico di una irriducibilità dell’«inconscio fisico». Gombrowicz prende in parola Freud quando, per spiegare la pulsione, utilizza l’immagine di una «bocca che bacia se stessa». Le due bocche, che prima si sovrappongono e poi creano una specie di essere transgenico, una mutazione orale che ossessiona il protagonista, sono proprio incarnazione della pulsione, che ha trovato la sua naturale via di comunicazione con l’esterno.

Se i due ragazzi, immaginando indizi inesistenti (una freccia disegnata sul muro indicherebbe dove indirizzare le loro indagini), inverano le stesse supposizioni, ciò accade perché dalla bocca l’immaginazione sfrenata – dominio, onnipotenza – ha collaudato il suo esperanto: da questo varco ora tutto è possibile. Come in Doppio sogno di Schnitzler, il tradimento immaginato è più di un’onda cerebrale, è emanazione fotonica, è incarnazione di atti e passioni. È l’erotismo delle cose che chiama all’azione i due onanisti (come in Ferdyduke) annoiati: il loro viaggio – e da un certo punto in poi il viaggio del solo Witold – è quello dell’investigatore nel labirinto dei possibili, nel mistero che fa esclamare: «come si fa a sapere qualcosa, non si sa mai nulla, niente è mai certo». È il richiamo della pulsione, lo spazio dell’informe, del caos, che può rompere la paralisi dell’inazione: è un esilio primigenio, l’esclusione da quella specie di big bang dei fenomeni della realtà: «Possibile che niente possa mai essere realmente espresso [...] possibile che non si riesca a riprodurre il balbettio dell’attimo nascente?».

Il romanzo, poi, deflagra con l’irruzione di Leon, con il suo linguaggio allarmato, patologico, balbuziente. «Oh oh oh oh, dov’è la fiaschina mammina, facciam la piscettina, mungere il cognac, patapum patapàm!». L’esplosione del determinismo allucinato, che presiedeva alle investigazioni dei due improbabili Holmes & Watson, avviene proprio a partire dalla comparsa in scena dell’ex-banchiere perverso: perché è Leon il vero angelo della follia. È per via della disarticolazione del linguaggio, grazie al virus della parola – ancora pillole per bocca potremmo dire – rappresentata dal «berg», che si «introducono i [...] fantasmi nel mondo reale». Con Leon Cosmo rivela la sua natura di generatore di angosce, ectoplasmi deviati che polverizzano ogni barriera fra interno ed esterno. Vale la pena, dunque, di rileggere con attenzione questo capolavoro di letteratura sì parodistica e carnascialesca, ma anche critica, clinica: letteratura di crisi, per una crisi affatto provvisoria, ma anzi, destinata a durare quanto dura l’essere umano e il suo esilio dalla perfezione del proprio piacere. La realtà è questa: distanza, apprendistato alla perdita. Come dice Heidegger: «L’angoscia rivela il Niente».

Filippo Polenchi

  • Witold Gombrowicz Cover

    Scrittore polacco, appartenente all'aristocrazia rurale di origine lituana. È da tempo considerato uno dei maggiori scrittori polacchi del ventesimo secolo, e fu attivo dal 1930 fino alla sua morte.Sorpreso dalla guerra in Argentina, dove si era recato in crociera, vi rimase fino al 1963. Tornato in Europa, visse un anno a Berlino, poi a Parigi e dalla fine del 1964 si stabilì a Vence. La sua vena satirica si traduce spesso sul piano linguistico in una feroce parodia delle convenzioni letterarie. Gran parte della sua opera narrativa ruota attorno tema dell'immaturità: la giovinezza viene da G. contrapposta alla maturità e alla vecchiaia, ma il conflitto fra le due umane condizioni è espresso nella tensione costante fra caos e forma. Il romanzo nel quale l'autore... Approfondisci
Questo prodotto lo trovi anche in:
Note legali
Chiudi