La cospirazione contro la razza umana - Thomas Ligotti - copertina

La cospirazione contro la razza umana

Thomas Ligotti

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Traduttore: L. Fusari
Editore: Il Saggiatore
Collana: La cultura
Anno edizione: 2016
In commercio dal: 26 maggio 2016
Pagine: 210 p., Brossura
  • EAN: 9788842822363
Salvato in 198 liste dei desideri

€ 20,90

€ 22,00
(-5%)

Punti Premium: 21

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
spinner
PRENOTA E RITIRA

La cospirazione contro la razza umana

Thomas Ligotti

Caro cliente IBS, da oggi puoi ritirare il tuo prodotto nella libreria Feltrinelli più vicina a te.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: 02 91435230

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


La cospirazione contro la razza umana

Thomas Ligotti

€ 22,00

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

La cospirazione contro la razza umana

Thomas Ligotti

€ 22,00

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

Altri venditori

Mostra tutti (2 offerte da 22,00 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

"La cospirazione contro la razza umana" è un horror esistenziale perturbante e onirico, dal quale sono stati tratti i dialoghi della prima stagione di True Detective, serie televisiva della HBO. In questo libro Ligotti non ha paura di affrontare la più terribile delle verità: i peggiori orrori non sono da ricercare nella nostra immaginazione, ma nella realtà di tutti i giorni, nelle tenebre imperscrutabili della condizione umana. Magmatiche e brucianti, eppure vischiose, miasmatiche, contagiose, le parole di Ligotti evocano dal buio orrori e terrori, incubi e ossessioni: tutto quanto è stato rimosso dalla coscienza contemporanea vive qui una seconda, pestilenziale esistenza. Chi non può sopportare il peso di questo orrore, avverte l'autore, può continuare a illudersi che sia un prodotto della fantasia, perpetuando la cospirazione cui il titolo si riferisce.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4
di 5
Totale 5
5
3
4
1
3
0
2
0
1
1
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Marco

    03/03/2020 14:01:35

    Può piacere ed essere condiviso da una piccola minoranza altrimenti l'umanità non esisterebbe. A me è piaciuto e condivito gran parte del pensiero degli autori citati, infatti non farò mai figli.

  • User Icon

    Sandro Gramm. '74

    05/07/2019 08:21:00

    Un saggio che è un grido di disperazione e dolore, un'oscura meditazione sulla condizione umana, un'atmosfera fortemente disturbante e nichilista contraddistingue tutto il testo. Opera un pò estrema anche per uno come me che non ha mai avuto una visione antropocentrica del mondo e dell'universo, e sono convinto che il concetto di vita eterna e il sopravvivere della Coscienza, non sia affatto così scontato per tutti gli uomini, animali o vegetali, non una regola fissa, ma una condizione da conquistare con fatica e conoscenza durante l'esistenza.Il nichilismo di Ligotti è invece molto efficace per costruire le giuste atmosfere dei suoi meravigliosi racconti, può non piacere il suo approccio così onirico e perturbante e il senso d'estraneità ad una realtà molto più complessa e spettrale di quanto riusciamo ad immaginare (in merito sono d'accordo al 100%), ma non si può oggettivamente negare per questioni puramente stilistiche che Ligotti non sia stato un grandissimo scrittore.

  • User Icon

    Edoardo

    29/12/2017 02:47:20

    Un flusso di pensieri, una serie di ragionamenti spaventosi e destabilizzanti, una visione nichilista ma "realista". Ligotti tratta della nostra esistenza usando ricercate metafore dell'orrore e citando grandi filosofi e pensatori (soprattutto quelli che a scuola non si studiano). Consigliatissimo.

  • User Icon

    Letore del fantastico

    25/10/2017 09:59:24

    Un saggio nichilista sulla storia evolutiva dell uomo . Chi celebra questo scrittore non conosce probabilmente grandi scrittori...

  • User Icon

    THomas

    01/06/2016 13:36:47

    Ordinato al volo su IBS!! Non l'ho letto ancora, ma sono felice che l'Italia dia la possibilità ai lettori di leggere questo straordinario autore! Grazie a chi (finalmente ) lo pubblica!

Vedi tutte le 5 recensioni cliente

(…) Thomas Ligotti scrittore bipolare: oscilla tra una consapevolezza tecnica eccessiva, tanto da volersi proporre come terzo nome del Pantheon dopo Poe e Lovecraft, e la percezione della scrittura come esercizio di pura agonia, dovuta all’orrore di cui è imbevuta la sua concezione del mondo. (…) Ligotti ci racconta il sorgere della coscienza quasi in un sequel della famosa scena degli scimmioni di 2001: Odissea nello spazio.

Lì nasce la tecnica, qui la consapevolezza della caducità. All’inizio, gli scimmioni sono terrorizzati dalle immagini e dai suoni soltanto nell’istante in cui li percepiscono; poi cominciano a essere terrorizzati in una maniera nuova e del tutto inaspettata; adesso sono terrorizzati da cose che non sono percepite direttamente dai loro sensi. La nascita della paura della morte. La nascita dell’ansia. L’errore irreversibile della natura: dotarci di coscienza. Ligotti gioca col paradosso. Punta a sovvertire le aspettative fin dal titolo: ci si aspetterebbe la solita cospirazione contro l’Uomo: il complotto per terminare la vita umana sulla Terra. Invece no. Non c’è attacco di marziani o rivolta di robot. La cospirazione ha come obiettivo l’insabbiamento del pessimismo. La cospirazione non è contro la razza umana perché vuole estinguerla; è contro la razza umana perché vuole evitare che si estingua. (…)

Il testo di Ligotti racconta anche della lotta tra i cani da guardia della coscienza contro gli epicurei del pessimismo: ossia tra gli individui che vorrebbero soltanto l’esaltazione di un ottimismo vitalistico contro le persone che indulgono alla lettura di scrittori pessimisti, nichilisti, esistenzialisti, assurdisti, cinici, e compagnia latrante. In tal senso, Ligotti è una sorta di hipster del pessimismo. Il pessimismo mainstream non gli va molto a genio. (…).

La Cospirazione è un utile bignamino per scoprire o riscoprire gran parte del pensiero pessimista finora prodotto, in particolare nella sua declinazione antinatalista. C’è anche spazio per l’eterno ritorno delle filosofie orientali nel pensiero pessimista occidentale. Buddismo, nel caso di Ligotti, anche se preso con le debite pinze. La maggior parte delle persone concludono la lettura del testo col desiderio di chiedere a Ligotti: «Ma allora perché non ti ammazzi?». Semplice: perché la soluzione non è il suicidio. L’unica cosa sensata da fare per porre fine alla maledizione della coscienza? Smettere di procreare.

D’altronde procreare è, per Ligotti, una necessità del passato, – produzione di aiutanti domestici e supporti carnali rimovibili per la memoria, – e può oggi essere considerata obsoleta. Una lettura necessaria per il pessimista ludico e ironico

Recensione di Francesco Paolo Maria Di Salvia

 

IN GIRO SI MURMURAT
Volodine, Ligotti, Lovecraft: tre letture assolutamente non da spiaggia   

Odiate l’estate? Lo spettacolo dei bagnanti vi suscita idee funeste? Se volete occupare la vostra sdraio nel modo meno spensierato possibile, proprio in questi giorni sono stati pubblicati in Italia due dei più tetri, visionari e disturbanti outsider della letteratura contemporanea: Antoine Volodine e Thomas Ligotti.
Volodine è il più noto tra i molti pseudonimi di uno dei più originali e apprezzati scrittori francesi viventi. Di lui non si sa molto, e alcuni lo considerano una specie di fou littéraire. All’inizio della sua carriera, negli anni 80, venne preso per fantascientifico ma Volodine guardava più a Lautréamont che a Asimov, e per chiarirlo ha elaborato non solo un proprio astruso mondo immaginario ribadito di libro in libro, ma anche uno specifico genere da lui battezzato post-esotismo.

“Angeli minori(L’orma editore, con ottima traduzione di Albino Crovetto) è forse il suo libro più noto ed esemplare: una raccolta di bizzarre figure monologanti, collocate in un universo postumano attraversato da riferimenti novecenteschi (una rivoluzione comunista,campi” non meglio precisati, élites capitaliste). I personaggi hanno nomi strani come Witold Yanschog o Alia Araokane, e raccontano storie secondo originali format orali chiamati “narrat”, “romånce”,“murmurat”.
Vivono soprattutto in Asia centrale ma a volte sembrano parlarci da una specie di oltremondo, alcuni di loro sono pluricentenari e capita si scambino la parola lasciando il lettore in uno stato di deplorevole confusione circa l’uso dei pronomi personali. Nel mondo apocalittico e catastrofico in cui vivono, gli “uomini” di Volodine stanno sparendo perché hanno smesso di riprodursi e quando lo fanno devono seguire insoliti protocolli non coitali.

Proprio su una decisa opzione “antinatalista” si basa il saggio di Ligotti intitolato “La cospirazione contro la razza umana” (trad. di Luca Fusari). Validissimo scrittore americano di racconti dell’orrore, molto amato tra i cultori del genere e diventato pop dopo avere ispirato “True detective”, Ligotti è anche un pensatore micidiale. Il Saggiatore ha pubblicato dei racconti e questo saggio filosofico tutt’altro che “tecnico”, godibilissimo per chiunque sia disposto a digerire una caterva di pessimismo programmatico tale che molti degli autori qui citati, da Schopenhauer a Michelstaedter, potrebbero passare per buonisti. La cospirazione del titolo è quella che perpetua la riproduzione umana con la scusa che “la vita va bene”.
Mettere in discussione questo assunto è l’obiettivo di un pensiero che si muove con scioltezza tra i grandi classici ma non teme incursioni nelle recenti frontiere della neuroscienza e della filosofia della mente. Con una scrittura gustosamente letteraria, non priva - grazie al cielo - di vette di umor nero, vengono smascherati i fondamentali tabù del pensiero, quei “truismi fuorilegge” tipo che la vita è insensata, la coscienza un errore cosmico e tutta la nostra cultura un edificio creato apposta per non farci pensare a cose simili.

Lovecraft è uno dei numi tutelari di Ligotti, e sembra giusto chiudere questa breve rassegna con un suo capolavoro, “Le montagne della follia”, ora ripubblicato con accurata puntualità sempre dal Saggiatore nella bella traduzione e curatela di Andrea Mostarbilini. Tra un tuffo e l’altro, il pessimistico bagnante potrà immergersi nel gelo empio di orrori protoplasmatici e nell’antico regno antartico dove ebbero inizio, secondo il solitario di Providence, i primordi della vita umana, inseguendo le tracce di un altro immenso e visionario romanzo polare, il “Gordon Pym" di Poe.

Recensione di Carlo Mazza Galanti

 

Note legali