-10%
Credere disobbedire combattere. Come liberarci dalle proibizioni per migliorare la nostra vita - Marco Cappato - copertina

Credere disobbedire combattere. Come liberarci dalle proibizioni per migliorare la nostra vita

Marco Cappato

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Editore: Rizzoli
Collana: Saggi italiani
Anno edizione: 2017
In commercio dal: 11 ottobre 2017
Pagine: 258 p., Rilegato
  • EAN: 9788817097048
Salvato in 23 liste dei desideri

€ 17,10

€ 19,00
(-10%)

Venduto e spedito da MAURONLINE

Solo una copia disponibile

+ 3,99 € Spese di spedizione

Quantità:
LIBRO

€ 16,15

€ 19,00
(-15%)

Punti Premium: 16

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO

€ 10,26

€ 19,00

Punti Premium: 19

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

Garanzia Libraccio
Quantità:
LIBRO USATO
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Dalla libertà scientifica a quella sessuale, dall'antiproibizionismo ai diritti dei disabili: una difesa appassionata del nostro diritto alla libertà

«L'obiettivo non è violare le regole, ma cambiare le regole»

Non cambi il mondo, e non difendi la democrazia, facendo sempre quello che ti dicono di fare. Occorre assumersi la responsabilità di contravvenire a leggi ingiuste senza aspettare che qualcuno gentilmente lo conceda. L’obiettivo non è violare le regole, ma cambiarle, la cosa giusta da fare quando la legge si scontra con il vissuto delle persone, trascurando diseguaglianze rese ancora più profonde dalle proibizioni. È questo che ha fatto Marco Cappato accompagnando in Svizzera dj Fabo, aiutandolo a porre fine alla sua sofferenza a costo di essere perseguito penalmente nel nostro Paese. Ed è questo – ha dichiarato – che farà ancora, per difendere il diritto di tutti di essere “liberi di sorridere, fino alla fine”. Eutanasia e fine vita, dunque, ma anche droghe, sesso, internet, genetica, scienza e diritti umani: contro le molte norme che in diversi campi minacciano la libertà e criminalizzano comportamenti diffusi e realtà sociali ineliminabili, Cappato si batte da anni con gli strumenti della disobbedienza civile e della nonviolenza – che indica non una semplice assenza di violenza, ma la costante opera attiva per convertire la violenza nel suo opposto – seguendo le orme di illustri personalità come Gandhi e di compagni di viaggio come Pannella. Intrecciando pratica e teoria, la sua storia radicale e le sue azioni – dall’arresto a Manchester per la campagna antiproibizionista alla difesa della ricerca sul genoma e le staminali, alla battaglia contro l’informazione manipolata e la limitazione della libertà digitale –, spiega oggi in questo libro perché disobbedire (civilmente) è lo strumento indispensabile per chi vuole migliorare il sistema e difendere la libertà di tutti, cominciando dai settori, la scienza in primis, dove la presenza dello Stato spesso non è soltanto inutile, ma controproducente. E perché occorre farlo in prima persona: “assumendoci la responsabilità delle nostre azioni, sperimentando alternative, creando conoscenza”.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

5
di 5
Totale 2
5
2
4
0
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Riccardo Alessio Oliva

    22/09/2019 17:21:21

    «Uno dei problemi dell'Italia è che in troppi si rassegnano ad accettare l'inaccettabile, a condizione che non si faccia troppo rumore, né a favore né contro. Non tutti, però, si sono rassegnati a obbedire col capo chino a una norma ingiusta e violenta.» Strepitoso già dal titolo. Un glossario di ciò che possiamo cambiare in questo Paese noi semplici cittadini con le nostri azioni concrete. Marco mi ha aperto un mondo con il concetto di disobbedienza civile. Già ho in mente di provarla: nella mia città ci sono molte svastiche; io e amici stiamo coprendole con disegni di quadrifogli che ci stanno in pieno! vere e proprie opere d'arte urbane. È illegale, ma è giusto, anche se non sono convinto che sia compatibile con quello di cui si parla nel libro. Dovrebbero leggerlo tutti gli italiani. Già la dedica dice tutto: «A tutti quelli che "tanto non cambia mai niente"». Una boccata d'aria fresca in mezzo ai vari salvini opportunisti. La politica alta, quella al servizio del cittadino, della comunità, delle scelte sensate, dell'amore.

  • User Icon

    ludovica

    05/05/2019 13:54:18

    Consiglio vivamente questo libro per chi ha intrapreso Giurisprudenza. Un libro vero, che fa riflettere, commuovere, arrabbiare.

Indice

Introduzione. La prima cella non si scorda mai

I. Democrazia: se la ami, disobbedisci
II. Eutanasia: a chi appartiene la mia vita?
III. Droghe: largo a scienziati e a sommelier
IV. Sesso: a ciascuno il suo
V. Internet: se la democrazia avrà un futuro
VI. Geni ed embrioni: si può sempre migliorare
VII. Ogm: al contadino facciamo sapere...
VIII. Diritti umani e scienza: se non per bontà, almeno per convenienza
IX. Pannella il ragionevole

Conclusioni
Appendice 1
Appendice 2
Note
Ringraziamenti

  • Marco Cappato Cover

    Marco Cappato (Milano 1971) è un politico italiano radicale promotore di numerose azioni di disobbedienza civile per la legalizzazione di eutanasia e droghe e per le libertà civili; è tesoriere dell’Associazione Luca Coscioni e coordinatore del Congresso mondiale per la libertà di ricerca scientifica.Per Rizzoli pubblica Credere disobbedire combattere nel 2017. Approfondisci
Note legali