Traduttore: E. Mortarini
Curatore: G. Vasta
Collana: Sguardi
Anno edizione: 2008
Pagine: 67 p., ill. , Brossura
  • EAN: 9788833919324
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Usato su Libraccio.it - € 4,86

€ 7,65

€ 9,00

Risparmi € 1,35 (15%)

Venduto e spedito da IBS

8 punti Premium

Disponibile in 2 gg lavorativi

Quantità:
Aggiungi al carrello

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Cristiana

    22/01/2014 16:14:18

    Che ci sarà di poetico e di ammirevole in una passeggiata ultraprotetta e ultrasicura sia pure su una corda e a grande altezza? ...mah? Il librettino non me lo ha chiarito e neppure fatto intuire; invece mi ha annoiato parecchio grazie alla supponenza dell'autore. Mi ero fidata dell'intervistatore ma si è rivelato uno specchietto per le allodole ( o per i polli come me: scrivo per evitarvi l'esperienza..)

  • User Icon

    maurizio crispi

    12/06/2009 08:17:45

    Davvero straordinario Philippe Petit, l'ultra-funambolo, che in questo libro (la trascrizione esatta di una conferenza-incontro con un gruppo torinese impegnato in una ricerca di spiritualità, con la moderazione di Michele Serra) ci spiega che le sue "passeggiate" (come ama definirle) sono innanzitutto una faccenda di testa, prima ancora che una performance fisica. Bisogna innanzitutto volere e credere, è una faccenda di fede, dunque - spiega Petit. Camminare sul filo per lui è una specie di "religio" nel senso dei Latini (dal verbo "religare", cioè unire. Nella sua esperienza, Philippe Petit parte da un punto noto e sa che dovrà compiere una traversata sino ad un punto ignoto e che, da quel momento, quei due punti saranno per sempre uniti, anche quando le luci si saranno spente e quel filo d'acciaio teso sul vuoto, su cui lui ha camminato con semplicità sarà stato smontato. Nelle semplici parole con cui si esprime, Philippe Petit dimostra di essere davvero un uomo straordinario che ha compiuto imprese storiche e mirabolanti che rimangono per sempre nei nostri cuori, come quella in cui nel 1974 ha camminato su di un filo teso tra le due torri gemelli. Ora le Twin towers non ci sono più, ma il ricordo della sua impresa lascia un marchio profondo di fede e speranza in un mondo che questi due valori sembra non possederli più. Philippe Petit è un uomo straordinario, perchè afferma con il carisma che gli deriva dall'aver compiuto queste imprese, che se uno vuole può sviluppare il talento per compiere qualsiasi cosa gli piaccia fare: ciò che è importa sono la determinazione e l'applicazione, la volontà e la costanza: armati di queste qualità, e avendo anche fede in se stessi, secondo lui, si può arrivare dovunque. Philippe Petit ci trasmette un messaggio di grande spiritualità, pur dichiarando di non essere credente. Il decano Morton della chiesa newyorkese di Saint John the Divine che da quasi 25 anni lo ospita nella sua chiesa ha detto significativamente "Philippe non crede in Dio. Dio però crede in Philippe".

  • User Icon

    gianluca guidomei

    01/11/2008 16:53:06

    Camminando su di una fune sospesa nel vuoto, tra le Twin Towers, la Torre Eiffel, il ponte sospeso di Sidney, la cattedrale di Notre-Dame e a Gerusalemme unendo la zona ebraica a quella araba, Petit mette a disposizione degli uomini la sua creatività, per far comprendere loro che la parola impossibile non esiste. Crede che valga la pena vivere la vita solo con il cuore di un poeta, ognuno a modo suo. Si definisce un fuorilegge, perchè...:" Se volete scolpire il vostro destino, forgiarlo come farebbe un fabbro, dovete affidarvi al vostro intuito ed essere dei fuorilegge. Questo non significa porsi al di fuori della legge della società, uccidere la gente; tuttavia, secondo la mia modesta opinione, per essere un grande artista si deve essere in grado di chiudersi nel proprio mondo. E se si fa qualcosa con tutta quella passione e se si è prigionieri del proprio mondo, il pubblico assisterà a qualcosa di incredibile, vedrà un creatore pazzo all' interno di una bolla. Se invece si fa il contrario, se si fa scoppiare la bolla e ci si presenta davanti al pubblico cercando di farlo applaudire, si può fare qualcosa di comunque interessante ma si rischia di essere superficiali, perchè è come se si dicesse alla gente < Amatemi, applauditemi >." Philippe Petit non ha paura della morte, semplicemente non ci crede, non si aspetta nulla, ma vive con passione, tenacia e intuizione. Non crede in Dio, ma nasconde una fede incredibile nella forza di volontà degli uomini. Non è un irresponsabile che rischia la vita, se ogni volta non fosse sicuro di riuscire ad arrivare dall' altra parte, non farebbe tutto ciò. In fondo la sua filosofia è assolutamente religiosa:" Per camminare su una corda tesa si ha certamente bisogno del corpo, ma prima di tutto è necessario generare una sorprendente energia di solidità e di fede: bisogna credere."

Scrivi una recensione