Cromorama. Come il colore ha cambiato il nostro sguardo. Ediz. a colori

Riccardo Falcinelli

Scrivi una recensione
Editore: Einaudi
Anno edizione: 2017
In commercio dal: 26 settembre 2017
Pagine: 480 p., ill. , Brossura
  • EAN: 9788806235932

nella classifica Bestseller di IBS LibriArte, architettura e fotografia - Arte e design industriale e commerciale - Design grafico

pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 20,40

€ 24,00
(-15%)

Venduto e spedito da IBS

20 punti Premium

Quantità:
LIBRO

Altri venditori

Mostra tutti (3 offerte da 24,00 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Perché le matite gialle vendono di più delle altre? Perché Flaubert veste di blu Emma Bovary? Perché nei dipinti di Mondrian il verde non c'è mai? E perché invece Hitchcock lo usa in abbondanza?

Nella società delle immagini il colore informa, come nelle mappe. Seduce, come in pubblicità. Narra, come al cinema. Gerarchizza, come nelle previsioni del tempo. Organizza, come nell'infografica. Valorizza, come nei cosmetici. Distingue, come negli alimenti. Oppone, come nella segnaletica stradale. Si mostra, come nei campionari. Nasconde, come nelle tute mimetiche. Si ammira, come nelle opere d'arte. Infine, nell'esperienza di ciascuno, piace. Tutto questo accade grazie a qualche tecnologia. In primis quella dei mass media, che comunicano e amplificano le abitudini cromatiche. Il pubblico osserva, sceglie, impara; finché queste consuetudini non standardizzano la percezione e il colore comincia a parlare da solo, al punto da sembrare un fatto naturale. Intrecciando storie su storie, e con l'aiuto di 400 illustrazioni, Falcinelli narra come si è formato lo sguardo moderno, attingendo all'intero universo delle immagini: non solo la pittura, ma anche la letteratura, il cinema, i fumetti e soprattutto gli oggetti quotidiani, che per la prima volta ci fa vedere in maniera nuova e inconsueta. Tutte le società hanno costruito sistemi simbolici in cui il colore aveva un ruolo centrale: pensiamo al nero del lutto, al rosso del comunismo o all'azzurro del manto della Madonna. Ciò che di straordinario è accaduto nel mondo moderno è che la tecnologia e il mercato hanno cambiato il modo in cui guardiamo le cose, abituandoci a nuove percezioni. Visto su uno smartphone, un affresco risulta luminoso come una foto digitale. Le tinte cariche e brillanti dello schermo sono ormai il parametro con cui valutiamo la purezza di ogni fenomeno cromatico. Chi ha conosciuto il colore della televisione, insomma, non può piú vedere il mondo con gli occhi del passato. Magari non ne siamo consapevoli, ma abbiamo in mente il giallo dei Simpson anche di fronte a un quadro del Rinascimento. Cromorama ci racconta come oggi il colore sia diventato un filtro con cui pensiamo la realtà. Perché le matite gialle vendono di piú delle altre? Perché Flaubert veste di blu Emma Bovary? Perché nei dipinti di Mondrian il verde non c'è mai? E perché invece Hitchcock lo usa in abbondanza?
4,89
di 5
Totale 18
5
16
4
2
3
0
2
0
1
0
  • User Icon

    Alessandra

    11/03/2019 18:43:52

    Il 2019 è iniziato da poco e ho già la sensazione di aver trovato il libro dell'anno. È un testo fondamentale per chiunque, anche per i non addetti ai lavori. Il linguaggio è semplice e diretto e grazie agli esempi e alle immagini, si comprende pienamente quello che l'autore vuole comunicare. Quando avrete finito di leggere Cromorama, vedrete il mondo in maniera completamente diversa.

  • User Icon

    S.

    11/03/2019 11:14:19

    Il libro è molto molto interessante, la prima parte del libro si concentra più sull’aspetto storico dei colori e come sono nati, mentre la seconda più sui colori applicati al design, personalmente ho preferito la seconda parte, ma dopo averlo letto nel suo insieme si ha una concezione ed una percezione proprio diversa è molto più approfondita dei colori che vediamo tutti i giorni, ed è bello proprio per questo, 4 stelle e non 5 perché le note a piè pagina inserite dall’autore essendo molto lunghe rallentano tanto la lettura del libro ma non fatevi scoraggiare

  • User Icon

    Armando

    11/03/2019 10:22:17

    Tutti i colori in un libro. Questo libro è la bibbia del grafico, un compagno fondamentale per capire tutte le dinamiche della stampa e della scelta dei colori. Indispensabile per chi si avvicina a questo mondo ma anche fondamentale per chi è già dentro.

  • User Icon

    luisa r.

    05/03/2019 21:03:44

    Dopo averlo letto, lo ritengo un testo fondamentale. Trattato organico sui colori, lettura appassionante e spesso sorprendente, concepita in modo innovativo a partire dal layout. L’autore racconta i colori con uno stile divertente e arguto, che cambierà in modo radicale il modo in cui li vediamo (o non vediamo) e li pensiamo.

  • User Icon

    Gianluca Pignalberi

    17/01/2019 20:15:19

    Ho comprato questo libro, un po' in ritardo rispetto alla data d'uscita, ben sapendo che non sarebbe stata una delusione ma una conferma. Avevo già avuto modo di leggere altri libri di Falcinelli (e di vedere i suoi design per Minimum Fax) ma, onestamente, non mi aspettavo un'opera simile. Libro tanto denso di informazioni quanto una stella di neutroni, piccola perla di design con rimandi a margine che adoro, prosa sempre chiarissima. Ti credo che gli sia costato otto anni di lavoro (come dice nei ringraziamenti). Lettura irrinunciabile sia per i professionisti che per i semplici curiosi dell'argomento.

  • User Icon

    Leonardo

    25/12/2018 17:50:35

    Libro interessante e ben scritto. Ricco di immagini e molto documentato

  • User Icon

    Gaetano

    23/09/2018 13:42:27

    “Cromorama” di Riccardo Falcinelli è qualcosa di più di un normale saggio, è un viaggio nel colore, nella concezione che abbiamo di esso e di come quest’ultima sia cambiata o si sia consolidata nei secoli. Osservando un oggetto spesso ci chiediamo, anche inconsciamente, del perché sia proprio di quel colore e non di un alto. Un esempio non proprio banale lo espone Falcinelli nell’apertura del suo libro, parlando di un oggetto che tutti abbiamo facilmente nelle mani: una matita, in particolare una “matita gialla”, domandandosi perché anche se ormai in commercio si trovano matite di ogni colore e forma, la matita per eccellenza nella nostra concezione è gialla. Da questa prima domanda e dalla soluzione che ne darà si apre questo fantastico libro che di pagina in pagina ti prende, grazie alle riflessioni e alle curiosità, con la scorrevolezza di un romanzo perché in fondo quelle raccontate da Falcinelli sono tante storie che diventano un’unica grande storia che fa parte di noi. Infine anche la costituzione stessa del libro, da’ valore e leggibilità allo stesso, per prima cosa ogni capitolo è caratterizzato da un colore diverso che può essere letto sia nel contesto ma anche singolarmente, ognuno di questi capitoli è inserito in una delle 4 parti in cui si sviluppa il libro; inoltre ad arricchire il tutto vi sono 400 illustrazioni e 2 appendici con modelli e concetti scientifici accennati nel libro stesso.

  • User Icon

    Giulia

    22/09/2018 13:41:24

    Felicissima di averlo comprato! Davvero un libro interessante e bello, ovviamente anche da un punto di vista estetico.

  • User Icon

    Matteo

    21/09/2018 18:29:57

    Il volume di Falcinelli ci porta nelle pieghe del colore attraverso affascinanti percorsi che mirano a evidenziare i significati che nei secoli sono stati attribuiti a ciascun colore. La tesi di fondo è che questi significati mutano nel tempo e a seconda degli occhi che osservano un determinato colore; inoltre, tali significati non sono solo una costruzione psicologica individuale, ma dipendono anche in larga misura dall'immaginario collettivo. Queste tesi di fondo sono argomentate attraverso la menzione di numerosi aneddoti sulla storia dei colori e con accostamenti arditi tra prodotti dell'arte "alta" e della cultura "bassa", secondo una prospettiva aliena da manichee e schizzinose distinzioni di valore tra i due ambiti. Particolarmente pregevole è infine la fattura del volume, chiaramente - anche se ciò non è detto esplicitamente - ideata dall'autore stesso: centinaia di immagini sono inframmezzate al testo e lì richiamate mediante dei numerini a margine, dove compaiono - scelta bizzarra, ma assolutamente funzionale - i riferimenti bibliografici scritti in verticale accanto al testo a cui si riferiscono, senza perciò interromperlo con parentesi o segni di nota. Un libro di pregevole fattura e di affascinante lettura.

  • User Icon

    Silvia

    21/09/2018 09:53:13

    Bellissimo. Magnifico. Interessantissimo. L'ho letto due volte e penso che presto lo leggerò di nuovo perchè adoro il mondo dei colori e l'autore ha il dono di scrivere e raccontare una storia che affascina e conquista fin dalla prima pagina: si parla di arte, musica, cinema, natura, moda, marketing, chimica, storia, medicina, ecc. e si scoprono notizie molto interessanti e intriganti.

  • User Icon

    stefano

    20/09/2018 21:09:25

    Libro bellissimo e interessante di saggistica sul mondo dei colori, Il testo è illustrato e devo dire che tratta i vari colori in modo molto accativante. Leggendolo ho scopertto tantissime cose che non sapevo e che non ho trovato in altri testi. Lo consiglio spassionatamente e poi l'autore è anche italiano.Il testo potrebbe anche essere tradotta in altre lingue per dimostrare che abbiamo anche dei grandi saggisti.

  • User Icon

    Antonella

    20/09/2018 13:41:22

    Ho trovato questo libro molto interessante, mi ha aperto un mondo su come i colori influenzino le nostre scelte, e su come la disposizione dei colori per esempio in una pubblicità, manifesto etc non è mai a caso, ma vuole portare a qualcosa ...il tutto lavora in modo inconscio. E' scritto in mnaiera scorrevole, con tante immagini che riportano a quanto scritto, per cui si viene accompagnati pari passo tra testo e figure in questo viaggio nel mondo del colore. Tanti aneddoti molto interessanti.

  • User Icon

    Filippo M

    19/09/2018 17:20:12

    Benemerita RAI (per una volta): “Quante storie”, il programma di Augias, mi ha fatto scoprire questo saggio, l’autore (brillante conferenziere, tra l’altro) me l’ha fatto amare. Un brillante excursus nella storia, nella geografia, nella simbologia, nella fisica, nella chimica, nella tecnologia, nella percezione, nel gusto del colore (e dei colori). Il colore: ora sembra essere tutt’uno con la materia alla quale è (o era) associato, ora si stacca dalla materia per diventare un codice che ne semplifica la chimica; oppure è simbolo prezioso di qualcos’altro. Esistono colori base? Perché in alcuni quadri prevale il blu? I colori a tinta unita sono poi così diffusi? Perché il color malva si diffonde a partire dalla metà del 1800? Alcuni colori sono (o erano) più costosi di altri? Cromorama è davvero caleidoscopico, ricchissimo e (per me) impossibile da riassumere. Infatti non mi ci provo neppure. Un libro da leggere e rileggere, da guardare e riguardare.

  • User Icon

    erika

    13/08/2018 13:05:25

    interessantissimo e spiegato in maniera chiara

  • User Icon

    cecilia

    10/08/2018 22:09:16

    Molto interessante insegna a guardare tutto con occhi diversi. Una scrittura accessibile, accattivante e competente

  • User Icon

    Laura

    18/05/2018 14:12:56

    Libro veramente interessante, affatto banale anzi e scritto molto bene.

  • User Icon

    angelo

    26/12/2017 09:44:23

    Ingredienti: il significato dei colori nella storia, nella società e nella psicologia, il loro utilizzo sempre più consapevole nell’arte, nella moda e nel cinema, le classificazioni delle tinte create nel tempo (naturali, artificiali, primarie, complementari), le ripercussioni dei colori sugli altri sensi, sul marketing e sulla linguistica. Consigliato: a chi vuol sapere perché le matite sono gialle e i camici medici verdi, a chi vuol usare meglio il colore come strumento di comunicazione.

  • User Icon

    Rosetta

    22/11/2017 08:41:38

    Splendida idea, non ho resistito e l'ho preso al volo. Sono davvero curiosa di scoprire le sue teorie.

Vedi tutte le 18 recensioni cliente
Indice

Parte Prima. Sguardi
I. Giallo industriale. La società del design
II. Rosso unito. L'occhio del XXI secolo
III. Nero articolato. Possibilità del colore industriale

Parte Seconda. Storie
I. Azzurro costoso. Coloranti e pigmenti della modernità
II. Porpora simbolico. Idee e miti del mondo antico
III. Indaco spettrale. L'epoca delle rivoluzioni
IV. Blu Bovary. Vestirsi per amare e per significare
V. Malva modernità. La nascita del consumo e del divismo
VI. Verde illegale. La favola dei primari
VII. Ciano litografico. Breve storia delle tecnologie cromatiche
VIII. Grigio armonico. Grandi ideali per la vita quotidiana

Parte terza. Artefatti
I. Marrone neuronale. Come il cervello costruisce il colore
II. Viola spezzato. La luminosità e le tinte
III. Celeste simultaneo. I contrasti cromatici fondamentali
IV. Rosso significante. I colori delle cose
Verde aspro. Colori da bere e da mangiare
V. Beige coloniale. E altri problemi di marketing
VI. Bianco morale Miti d'oggi, nati ieri
VII. Verde vertigine. «La donna che visse due volte»

Parte quarta. Percezioni
I. Arancione bollente. Vedere la temperatura
II. Turchese registrato. Il copyright sulle percezioni
III. Rosa pesca. Il problema dell'incarnato
IV. Blé omerico. Un'ipotesi per la percezione
V. Giallo Giuda. La tecnologia e lo sguardo

Epilogo

Nota iconografica
Elenco iconografico
Bibliografia
  • Riccardo Falcinelli Cover

    Riccardo Falcinelli, grafico, vive a Roma.È autore con Marta Poggi dei graphic novel Cardiaferrania (minimumfax 2001) e Grafogrifo (Einaudi, 2004) e del racconto Il maiale (La qualità dell'aria, minimumfax 2004). Del 2007, con Marta Poggi, è L'allegra fattoria. Sette racconti per adulti cattivi (minimum fax). Approfondisci
Note legali