Categorie

Giuseppe Furno

Editore: Longanesi
Collana: La Gaja scienza
Anno edizione: 2016
Pagine: 298 p. , Rilegato
  • EAN: 9788830444881

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Lorso57

    26/08/2016 17.37.11

    Dopo l'ottima prova fornita con "Vetro" l'autore cambia completamente registro ma continua a fare centro. Ottimo giallo, ben scritto e congegnato, che si legge in un lampo, ansiosi di arrivare alla conclusione della vicenda che si svolge in una Roma d'agosto egregiamente tratteggiata.

  • User Icon

    Fabio

    01/08/2016 12.02.15

    Scrive bene Furno,con una prosa limpida e accattivante e uno stile pulito e classico. Non sono poi tanti gli scrittori capaci di cambiare genere con tanta disinvoltura."Vetro" ,romanzo d'esordio ,è un romanzo storico ambientato a Venezia ai tempi della battaglia di Lepanto,mentre "La DEA della Fortuna" è un noir ambientato a Roma,città natale dell'Autore,ai giorni nostri,durante un torrido ferragosto. La storia si svolge sullo sfondo della città,descritta benissimo nelle sue atmosfere solari e decadenti,con particolari semplici ma estremamente veri,come il silenzio della città vuota di traffico,le passeggiate al parco di Monte Mario,l'improvviso passaggio dal traffico caotico del raccordo anulare alla quiete e solitudine della campagna. I personaggi sono molto realistici e vitali,sembra di vederli e non ci sono li intrecci scontati fra malavita e politica o le violenze eccessive e gratuite di tanti altri romanzi che hanno sfruttato e spremuto il cliché di "Romanzo Criminale",dove tutti sono dannati,crudeli e sanguinari e il male si respira in ogni pagina. Qui è tutto molto più normale e per questo convincente,il bene coesiste con il male,come nella vita reale e le passioni umane sono il cuore della storia. Consigliata la lettura.

Scrivi una recensione