Dei delitti e delle pene - Cesare Beccaria - ebook

Dei delitti e delle pene

Cesare Beccaria

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Formato: EPUB
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 1,23 MB
  • EAN: 9788869340741
Salvato in 4 liste dei desideri

€ 2,99

Punti Premium: 2

Venduto e spedito da IBS

EBOOK

Compatibile con tutti i dispositivi, eccetto Kindle

Cloud: Sì Scopri di più

Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Nel 1764 Beccaria pubblicò l'opera destinata a divenire simbolo dell'Illuminismo italiano: Dei delitti e delle pene. Nato dalla constatazione delle pecche del sistema giudiziario vigente, il saggio propone un metodo moderno, razionale, "illuminato" appunto, di comminare le pene ai colpevoli di reato allo scopo di renderle efficaci non solo per punire, ma anche per prevenire i delitti. Troviamo in Beccaria concetti che oggi, grazie a lui e all'Illuminismo in genere, sono entrati nel pensare comune della nostra società, come l'idea dell'innocenza degli imputati fino a prova contraria. Ma troviamo anche idee che a tutt'oggi in alcune parti del mondo sono ancora discusse, come l'erroneità della pena di morte. Secondo il filosofo, la pena capitale è da eliminare in quanto lo Stato che la infligge si rende a sua volta colpevole di un omicidio. Il diritto dello Stato, inoltre, come insegnano i contrattualisti, è la somma dei diritti dei suoi membri, e nessun membro cede col contratto sociale il diritto alla propria vita. Questo pensiero, come quello riguardante l'inopportunità e l'inefficacia della tortura, non si limitarono a rendere famoso Cesare Beccaria presso i contemporanei, ma ne fecero uno dei più importanti filosofi occidentali e ispirarono le riforme giudiziarie di sovrani illuminati come Caterina II di Russia. Edito da Bibliotheka Edizioni.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Cesare Beccaria Cover

    (Milano 1738-94) filosofo, economista e letterato italiano. Di nobile famiglia, amico dei fratelli Verri e collaboratore del «Caffè», fu autore di un celebre libro, Dei delitti e delle pene (1764), che ebbe un immediato ed enorme successo in Italia e in Europa, e suscitò vive polemiche; in esso, rifacendosi alle idee umanitarie dell’illuminismo francese, propugnò con logica rigorosa ed eloquenza commossa l’abolizione della tortura e della pena di morte. Nel 1770 pubblicò le Ricerche intorno alla natura dello stile, con cui intese dare alla dottrina retorica (ricollegandosi alle teorie sensistiche di Condillac) un fondamento psicologico. Tra gli altri suoi scritti si ricordano Dei disordini e dei rimedi delle monete nello stato di Milano nel 1762 (1762) e gli Elementi di economia pubblica (1804).... Approfondisci
Note legali