Categorie

Umberto Veronesi

Editore: Einaudi
Anno edizione: 2010
Pagine: 160 p., Rilegato
  • EAN: 9788806201333
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

Il racconto autobiografico della vita di un uomo, la storia di un medico, figlio, marito e padre, oltre che scienziato, delle sue sconfitte e delle sue vittorie, dei suoi conflitti e delle sue paure. La sua voce è inoltre la testimonianza di tante altre vite e di molteplici altre vicende: quelle delle donne che ha ascoltato, incoraggiato e guarito e dalle quali a sua volta ha ricevuto supporto e “cure”; le esperienze di quelle sofferenze di cui è stato partecipe, a cui ha assistito e che ha, in qualche modo, custodito.
È inoltre una sorta di viaggio nell’animo e nella storia dell’universo femminile. Il racconto dei soprusi registrati nel corso della storia, delle lotte delle donne contro i pregiudizi, per riuscire ad affermarsi professionalmente e personalmente.
L’autore parte così dalla figura della mamma Erminia, persona semplice con un’istruzione essenziale, a cui deve l’insaziabile curiosità e l’amore per il sapere, figura determinante in ogni suo futuro rapporto con le donne, decisiva nella stima, il rispetto e la dedizione all’universo femminile. Partendo da queste immagini legate alla sua giovinezza ricorda poi alcune delle più importanti personalità femminili appartenenti al mondo della scienza, che la storia ha per lo più dimenticato, consegnando ingiustamente le loro conquiste ai colleghi uomini. Da Ipazia, filosofa a capo della scuola neoplatonica e geniale matematica, a Rosalind Franklin - scienziata alle cui scoperte è dovuta una svolta epocale negli studi di genetica - sconosciuta dal momento che due colleghi presero il merito delle sue conquiste, ottenendo il premio Nobel nel 1962. Fino alle icone femministe, alle loro battaglie contro pregiudizi sociali e culturali e alle più recenti vittorie con le assegnazioni dei Nobel a donne di scienza.
A queste storie di forza e caparbietà il noto oncologo lega quelle delle sue pazienti, grazie all’ostinazione delle quali ha potuto sostenere, insistere e battere il sentiero che correva in direzione contraria, rispetto a tecniche obsolete, a terapie estremamente invasive. Emblematica ad esempio è l’esperienza della donna dalla cui tenacia ha tratto la motivazione per effettuare la prima asportazione parziale del seno - intervento assolutamente pioneristico in ambiente medico - così come le vicende di tutte quelle donne che gli hanno trasmesso la motivazione necessaria a proseguire e perseverare nei suoi studi.
Un libro che racchiude le reazioni toccanti e le battaglie strazianti di donne innamorate della vita, ciascuna con il proprio modo di trovare conforto e ragione, di combattere la malattia. Il conforto nella fede, la giustificazione della malattia tradotta in abbandono e sottomissione alla volontà divina o quello nell’amore, in quella tensione naturale alla positività, capacità tipicamente femminile.
Questa lettura è un omaggio all’animo femminile alla sua forza e al suo coraggio, alla sua capacità di dedicare ragione ed emozioni a qualcuno, senza volere nulla in cambio: “Così ama i figli, i nipoti, un compagno, un marito, un’amica, un’idea, un valore, una missione, una professione”.
Un racconto delicato e toccante, testimonianza di una vita vissuta con intensità e dedizione.

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    angelo

    08/04/2015 10.30.19

    Ingredienti: la vita di un medico dalla sensibilità non comune, tante donne sconosciute ma straordinarie che ne hanno segnato la vita, la lezione imparata da ciascuna di esse, una lotta contro ogni tumore del corpo e dello spirito. Consigliato: a chi vuole conoscere un grande uomo (ancor più che un bravo scrittore), a chi cerca dieci (e più) motivi di ammirazione delle donne e punti di forza femminili.

  • User Icon

    Jany

    02/12/2011 08.52.10

    Finalmente un libro dalla parte delle donne - Non condivido tutte le scelte di Veronesi, ma questo libro oltre ad affrontare in maniera semplice temi difficilissimi ed attuali "di scelte di vita" è un incoraggiamento per tutte le donne a portare avanti con determinazione le proprie carriere professionali riportando esempi di donne, molte delle quali a me fino ad oggi sconosciute, che si sono distinte nella storia ed attualmente in materie scientifiche e sociali. Un grazie a Veronesi.

  • User Icon

    Francesca

    20/01/2011 08.50.13

    In alcuni momenti si può avere la sensazione che la descrizione così idilliaca che l'autore fa del mondo femminile sia banale e ingenua. Specie in questi giorni in cui le notizie parlano di donne ben lontane da quelle descritte o immaginate nel libro. Ma poi si pensa a chi l'ha scritto: un uomo che ha dedicato tutta la sua vita al dolore delle donne, a salvarle, ad aiutarle a soffrire meno, che la ha conosciute nei momenti in cui tutta la vita di una donna vacilla sotto il peso di una malattia che la colpisce profondamente nel suo essere donna. E non si può altro che rimanere ammirati e anche voler essere contagiati dall'ottimismo di pensare che il futuro è donna. Si capisce che solo un uomo poteva scrivere cose simili sulle donne, perchè solo chi vede le donne dall'altra parte della vita, dalla parte maschile e le vede proprio con quegli occhi, può cogliere certe sfumature, capire la bellezza profonda dell'universo femminile. Una nota anche sullo stile: semplice, razionale, scientifico. Così anche quando non si è d'accordo con quello che Veronesi afferma, si è costretti dal suo stile a pensare al perchè non lo si è, a voler utilizzare il suo stesso schema mentale per dar forma al proprio disaccordo e quindi a cercare le ragioni profonde della propria cultura ed esperienza che portano ad avere certe opinioni piuttosto che altre. Questo l'ho trovato un esercizio mentale bellissimo, come un dialogo a distanza che si fa con l'autore, un grande arricchimento.

  • User Icon

    Antonella

    10/12/2010 12.45.58

    Questo libro denota la grande forza di un uomo che ha dedicato la sua vita agli altri. E' da leggere perchè esalta le donne e la capacità che hanno di riuscire a trarre beneficio da tutto quello che fanno, ma soprattutto perchè si può conoscere un uomo profondo e soprattutto un GRANDE MEDICO, come ce ne sono pochi.

  • User Icon

    ant

    30/10/2010 23.01.18

    Un libro fondamentalmente di ricordi e suggestioni di uno dei più famosi medici italiani. Quello che mi piacerebbe sottolineare di questo testo e che sicuramente mi ha più colpito, è questa voglia dell'autore e del dottore di rimarcare che se lui è riuscito ad arrivare al punto di professionalità e fama raggiunto ...fondamentalmente lo deve al ricordo del modo di fare di sua madre, semplice contadina del basso milanese, cn una grande forza d'animo e sopratutto tanto amore e rispetto verso tutti indistantamente dal ceto,rango,classe,sesso,prestigio, chiunque insomma. Veronesi parte da questo presupposto, il carattere di sua madre e da lì parte per narrare innumerevoli storie di donne che lui ha conosciuto,curato,apprezzato, stimato e in tutte estrapola questa capacità di riuscire ad arrivare alla sensibilità e allla voglia di combattere e di emergere solo con la forza del rispetto verso l'altro..e l'amore verso gli esseri viventi. Io da credente ho molto apprezzato questo modo di porsi più che laico di Veronesi, perchè esprime i suoi concetti senza mai quel sottofondo di critica o ironia verso chi non la pensa come lui("L'aborto è una sconfitta x tutti, è inutile esaltarsi per certe conquiste sociali, ma visto che molte donne poi sono costrette a farlo in situazioni e condizioni a dir poco particolari..allora è bene che ci siano struttre dove poterlo fare quantomeno in condizioni igieniche sicure") Mi è molto piaciuto il discorso che affronta Veronesi quando dice che lui sta provando a cambiare l'idea della medicina e del curare i malati passando da una impronta paternalistica della medicina(il paziente che fondamentalmente esegue le direttive del dott) ad una maternalistica(il dott che oltre alla cura fisica del malato si dovrebbe interessare anche delle problematiche che riguardano tuti gli asptti della degenza e dell malattia) Da sottolineare ancora e leggendo queste pagine si buon capire il perchè, sembra che Umberto Veronesi sia l'unico uomo a poter vantare il titolo di "Donna ad honorem

Vedi tutte le 5 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione