Categorie

Ian Rankin

Traduttore: A. Rusconi, I. Zani
Editore: TEA
Collana: Teadue
Anno edizione: 2010
Formato: Tascabile
Pagine: 477 p., Brossura
  • EAN: 9788850220786
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it € 5,18

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    paolo

    03/10/2016 17.24.01

    Buon poliziesco con trama abbastanza avvincente e con finale che non te lo aspetti.

  • User Icon

    eLiSa

    23/03/2012 22.39.22

    Anche questa volta rankin non si smentisce e fabbrica un libro in cui le storie si intrecciano in modo inaspettato e imprevedibile.. da leggere, come del resto anche tutti gli altri di questa serie..

  • User Icon

    Claudio

    13/04/2010 09.36.27

    Ambientato durante il G8 di Edimburgo del 2005, l'ispettore Rebus e la sua collega Siobhan Clarke si ritrovano tra le mani un indagine delicata e 3 casi che durante la narrazione danno l'impressione di incrociarsi o di allontanarsi a seconda che dei nuovi indizi che vengono alla luce. Solo alla fine, come per la migliore tradizione gialla, il quandro complessivo si chiarisce anche se come sempre nei romanzi di Rankin anche risolvendosi, le questioni rimangono aperte. Qui si parla di G8, di manifestazioni no global, di rapporti ambigui tra i paesi ricchi e quelli poveri e di rapporti sempre delicati per chi subisce violenze e non si da per vinto. Chi deve indagare è spesso in difficoltà di fronte a queste ramificazioni e blocchi che posso venire anche dal loro interno. Leggere Rankin è sempre un piacere.

  • User Icon

    serbet

    15/11/2008 17.14.04

    Io lo trovo eccellente, come gli altri suoi libri peraltro. Nessuna pagina è di troppo, il plot non è affatto banale e Rankin è una spanna sopra molti altri scrittori. Diciamo che rispetto alla Bartlett o alla Vargas è molto meno ironico, anzi la sua Scozia di ironico ha proprio poco. Ma questo non è un difetto, è il suo stile.

  • User Icon

    Enzo

    26/07/2008 20.20.59

    Ho letto tutti i libri di Rankin e amo Rebus, Shiv ed Edimburgo quasi quanto Petra, Garzòn e Barcellona ma arrivato alla fine di questo libro ho l'impressione di essere stato trascinato per quasi cinquecento pagine in qualcosa di slegato, inconcludente e poco appassionante. Restano personaggi ed atmosfere ma in conclusione sono d'accordo con Franca.

  • User Icon

    paolo

    24/06/2008 12.11.54

    All'altezza del migliore Rankin, peronaggi trattati con molto spessore, ognuno ha alle spalle storie che andrebbero raccontate, uomini e donne che si muovono conoscendo il male inevitabile del vivere, ma con in fondo la voglia di migliorare. Un giallo che racconta la vita.

  • User Icon

    simone

    09/04/2008 09.08.04

    L'Ispettore John Rebus è tutto quello che non vorrei essere: indisponente, alcolizzato, autodistruttivo, incapace di mantenere relazioni durature, solitario, presuntuoso,... Ma l'ispettore John Rebus è anche quello che vorrei essere: coerente, lottatore, intransigente, pulito, ricercatore della verità e della giustizia ad ogni costo, utopista, professionista, umano. John Rebus e Siobhan Clarke sono tutto quello che vorrei essere e il loro esatto contrario. Devo confessare che ogni libro, che ha come protagonista Rebus, è una completa immersione nel mondo di Edimburgo, nella Scozia, in posti, culture e paesaggi che adoro. Anche questo libro l'ho trovato molto bello. Pur tuttavia questo non deve essere il primo libro che si legge perchè ci si può ritrovare spiazzati: bisogna conoscere il rapporto tra Cafferty e Rebus, bisogna sapere chi sono Ellen e Bain, bisogna conoscere un po' della storia precedente dei protagonisti. Certo non è condizione necessaria, ma è meglio, anche perchè si rischierebbe di non leggere mai più niente di Rankin e sarebbe un peccato clamoroso.

  • User Icon

    franca

    30/03/2008 15.33.21

    Brutto: tanto rumore per nulla.

Vedi tutte le 8 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione