Editore: Chiarelettere
Formato: EPUB con DRM
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 2,23 MB
  • Pagine della versione a stampa: 198 p.
    • EAN: 9788861909694
    pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

    Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

    Disponibile anche in altri formati:

    € 9,99

    Venduto e spedito da IBS

    10 punti Premium

    Scaricabile subito

    Aggiungi al carrello Regala

    non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

    Descrizione
    Un nuovo progetto di Stati Uniti d’Europa. Verso una vera integrazione politica e militare.
     
    “Ogni libro è prezioso. Ma alcuni libri lo sono più di altri: quelli che vanno contro il loro tempo. Come questo.”
    Dall’introduzione di Lucio Caracciolo

    Un’Europa piccola, divisa, incerta. Senza un’idea che la tenga insieme ed esposta alle turbolenze che arrivano dagli altri continenti. La questione – con la nuova presidenza Trump – è più che mai aperta e urgente: siamo ancora protetti dall’ombrello militare americano?
    La risposta è in questo volume: la difesa comune europea non è più una scelta, piuttosto una necessità. Ma siamo in grado noi da soli di sostenerla? E come possiamo, garantendola, avanzare verso l’integrazione geopolitica del continente?
    Gli autori, ciascuno dal proprio punto di vista, offrono un’analisi indicando al contempo la direzione del percorso che dovrebbe portare a una vera integrazione. Da un’attenta rassegna degli strumenti militari europei oggi a disposizione risulta di cruciale importanza lo sviluppo di un’industria militare più avanzata e diffusa per sopperire all’attuale situazione di grave debolezza. Il finanziamento di un esercito comune, oltre al forte valore simbolico, darebbe impulso a tutta l’economia e sarebbe l’unica condizione capace di garantire la creazione degli Stati Uniti d’Europa.
    Con una difesa forte e autonoma saremmo finalmente in grado di avere una politica estera comune, diversamente dovremo dipendere ancora dalla protezione americana e subire il nuovo ordine mondiale che si va profilando.