Il diritto di sognare

Gaston Bachelard

Traduttore: M. Bianchi
Editore: Dedalo
Collana: La scienza nuova
Anno edizione: 2008
Pagine: 200 p., Brossura
  • EAN: 9788822002396

€ 14,45

€ 17,00

Risparmi € 2,55 (15%)

Venduto e spedito da IBS

14 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Aggiungi al carrello
I saggi raccolti in questo volume, scritti da Bachelard tra il 1942 e il 1962, testimoniano il suo ininterrotto percorso di ricerca di una sintesi tra pensiero razionale e immaginazione. Da un lato, si colloca la scienza, realizzazione progressiva della ragione; dall’altro, vi sono gli ostacoli che la frenano, conferendo al progresso un carattere discontinuo. L’immaginazione costituisce appunto uno di questi ostacoli, espressione del sentimento, dell’irrazionalità, dell’istinto. Bachelard, figura emblematica dell’epistemologia francese, si presenta in questo libro non come un filosofo, ma come un pensatore che si concede il diritto di sognare. Il suo obiettivo dichiarato è di trasmettere l’intensità del mondo, restituendo la filosofia alle sue visioni primitive. A questo scopo, fa riferimento anzitutto alle sue personali passioni: la letteratura, la poesia, l’arte. Sulla base di una nuova e originale prospettiva critica, propone una rilettura dei lavori di poeti come Baudelaire, Rimbaud, Mallarmé, Eluard; dei pittori Chagall, Monet, Segal, degli scultori Waroquier e Chillida; degli incisori Marcoussis e Flocon; degli scrittori Poe, Balzac, Brosse. Soltanto scrittori e artisti ci aiutano, secondo Bachelard, ad accedere a un mondo di primitiva bellezza.