Traduttore: F. Fiore
Editore: Einaudi
Anno edizione: 2000
In commercio dal: 28 marzo 2000
Tipo: Libro tecnico professionale
  • EAN: 9788806141813
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Descrizione

Nell'agosto del 1991, alcuni albanesi a cui l'Italia aveva promesso l'asilo politico furono rimpatriati. Haberle parte da questa sorta di inganno politico per interrogarsi su un principio che, spesso considerato di natura squisitamente filosofica, ha invece importanti risvolti giuridici ed è un fondamento di ogni Stato costituzionale, il principio della verità. La sua opera passa in rassegna testi di varia natura: non solo quelli costituzionali ma anche quelli letterari, poiché autori come Goethe o Shakespeare hanno affrontato il problema con altrettanto rigore e profondità della scienza. Per stimolare la ricerca e la riflessione non solo tra giuristi e addetti ai lavori.

€ 8,78

€ 10,33

Risparmi € 1,55 (15%)

Venduto e spedito da IBS

9 punti Premium

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile
 
 
 


scheda di Canavese, E. L'Indice del 2000, n. 11

Secondo Tocqueville, "le repubbliche democratiche rendono il dispotismo superfluo, perché è la maggioranza che stringe un formidabile laccio intorno al pensiero". L'antico problema della tirannia delle opinioni della maggioranza, i rischi delle "menzogne mediatiche" e delle falsificazioni scientifiche rese possibili dai pervasivi, moderni mezzi di comunicazione, stimolano oggi le riflessioni di uno dei maggiori costituzionalisti tedeschi, Peter Haberle, sul rapporto tra Stato costituzionale e verità. Se i regimi totalitari fondano la loro forza su verità preordinate e monopoli dell'informazione, lo Stato costituzionale moderno è, innanzitutto nelle sue premesse filosofiche e culturali, un "forum della ricerca della verità": ai dogmi delle ideologie di Stato contrappone la libera circolazione delle idee. Lo Stato costituzionale si fonda quindi "su verità provvisorie, rivedibili, che assume in linea di principio al plurale e non al singolare e per decreto". La stessa sopravvivenza dello Stato democratico presuppone tuttavia la condivisione da parte di tutti i cittadini di alcuni valori fondamentali, di alcune "verità giuridiche" irrinunciabili (quali la dignità dell'uomo, la libertà, la tolleranza), e richiede a tal fine la predisposizione di meccanismi che siano in grado di prevenire le menzogne pubbliche, la frode collettiva, senza soffocare "il libero mercato delle idee". Quale il punto di equilibrio, s'interroga Haberle? Una domanda affascinante e attuale: impegnati nella sofferta e difficile costruzione di una democrazia pluralistica, diversi sistemi politici - i paesi dell'Europa orientale e dell'America centrale, il Sud Africa - s'interrogano oggi sul loro passato e istituiscono "commissioni per la verità"; e anche in Italia problemi di rielaborazione del recente passato e di strutturazione dei mezzi di informazione sono all'ordine del giorno.

Emanuele Canavese