Categorie

Michael Hjorth, Hans Rosenfeldt

Traduttore: R. Nerito
Editore: Einaudi
Anno edizione: 2013
Pagine: 668 p., Brossura
  • EAN: 9788806208394
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    micge

    14/01/2017 13.45.12

    Ho comprato questo libro in virtu' delle eccellenti recensioni qua scritte , e dopo aver letto il primo libro con Sebastian Bergman protagonista; devo dire che mi ha un po' deluso, non lo ritengo da 5 stelle ... gli autori hanno una buona capacita' di creare una trama avvicente anche se non originalissima ( quella del copycat , del serial killer che emula il maestro ) ; quel che stona, per me, e' l' eccesso di azione , e alcune vistose incongruenze , ad es. la facilita' con cui questi assassini seriali comunicano tra loro e con tutto il genere umano e la facilita' con cui entrano ed escono dal braccio di massima ( ? ) sicurezza; inoltre lo si puo' definire forse un thriller , ma non giallo, almeno nell' accezione stretta del termine ...insomma bello ma non bellissimo...

  • User Icon

    Alberto

    18/11/2016 21.59.08

    Bellissimo giallo uno dei migliori letto negli ultimi anni e di gialli ne leggo parecchi !!!! Peccato non ci sia piu traccia di questi 2 autori dal 2013 :(

  • User Icon

    Claudio

    03/05/2014 14.15.44

    Lo spunto non è particolarmente originale (serial killer psicopatico in isolamento che tuttavia, riuscendo a mettersi in contatto con l'esterno .........) ma H & R imbastiscono la storia di un'indagine solida sia per l'intreccio che per le introspezioni di ogni singolo personaggio (l'unico che forse indispettisce per la sua imbecille mediocrità è il direttore del carcere). Il finale aperto, attendibile in quanto si tratta di una serie, mi lascia una sola preoccupazione: tra due anni mi ricorderò tutto bene per gustarmi una nuova impresa di Sebastian?

  • User Icon

    FRANCESCO

    27/01/2014 17.13.41

    Gran bel giallo. Ben congegnato ed avvincente ma il meglio è il protagonista: Sebastian. Cattivo, scorbutico, intrattabile,bugiardo,antipatico a tutti eppure geniale e generoso. Una vera scoperta. Aspetto il terzo romanzo della serie.

  • User Icon

    fuzz

    28/09/2013 18.01.11

    Gran bel romanzo ! migliore del precedente " Oscuri segreti" gia' molto bello. Trama avvincente , con parecchi colpi di scena, mai ferma e con le vicende di vita personale dei protagonisti molto ben caratterizzate. Questo Sebastian Bergman e' una splendida canaglia , ma alla fine si riscatta ampiamente. Proprio bello , lo consiglio e aspetto il prossimo romanzo .

  • User Icon

    chiara

    27/09/2013 14.37.16

    La storia riprende il punto finale del precedente romanzo. In certi momenti ho ritrovato le atmosfere del silenzio degli innocenti, anche se il CATTIVO è meno raffinato di Hannibal e la poliziotta è piuttosto ingenua . Prima di vedere Sebastian un po' sensibile e socievole forse dovranno passare ancora molte puntate della sua storia!!!! Da leggere ... in attesa del terzo!

Vedi tutte le 6 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione