Disconnect

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Paese: Stati Uniti
Anno: 2012
Supporto: DVD
Salvato in 11 liste dei desideri

€ 6,99

Punti Premium: 7

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
DVD

Altri venditori

Mostra tutti (6 offerte da 6,89 €)

Un avvocato infaticabile vive incollato al cellulare tanto da non riuscire a trovare tempo da dedicare alla moglie e ai due figli adolescenti. Una coppia in crisi usa internet come via di fuga da un matrimonio ormai finito. Un ex-poliziotto vedovo si scontra ogni giorno con il figlio che pratica bullismo in rete ai danni di un compagno di classe. Una ambiziosa giornalista crede di potere fare carriera usando la storia di un ragazzino che si esibisce su siti per soli adulti. Sono sconosciuti, vicini di casa, colleghi, e le loro storie si incrociano alla disperata ricerca di un contatto umano.
4,5
di 5
Totale 2
5
1
4
1
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Ffortunato

    21/01/2015 20:26:28

    Non amo molto i film dove ci sono più storie che si intrecciano tra di loro perché spesso gli ingredienti, per quanto buoni, fanno fatica ad amalgamarsi come si deve. Questo film fa eccezione. Bello, attuale, un po' da teenager rischia, tra 10 anni o poco più, di apparire obsoleto e superato perché ricco di moltissimi elementi della contemporaneità. Da vedere.

  • User Icon

    Mr Gaglia

    08/07/2014 15:01:37

    Smartphone, tablet, I-Pad, Facebook, forum e chat room. Il nuovo dizionario della lingua universale è il motore da cui partono le vicende di Disconnect: un bellissimo film a metà strada tra il thriller ed il dramma sociale. Il regista sorprende per come intrecci tre racconti di disperazione frutto della tecnologia, forse non ancora assimilata dalla società circostante e con cui tutti abbiamo a che fare. Oltre che ad essere strumento di lavoro e mezzo di comunicazione amicale sempre più invasivo, internet presenta il suo conto quando la troppa interconnessione e dipendenza dal medium conducono alla violazione della legge creando nuovi reati. Bullismo virtuale, sfruttamento e furti di identità sono i fulcri su cui ci si concentra, passando in rassegna gli effetti devastanti a cui conducono. Le vicende riferite slegate, ma accomunate dall'intersezione dei personaggi, vedono coinvolte una coppia in crisi, un adolescente introverso vittima di uno scherzo su Facebook e una giornalista. In tutti e tre i casi le relazioni umane sono assenti e sostituite da quelle virtuali. La moglie in rete si illude di trovare il conforto e le attenzioni negate dal marito; l'adolescente vive l'ebbrezza del primo amore che irrompe nel suo mondo di solitudine (attraverso lo scherzo dei cyberbulli che sostituiscono i genitori assenti) e la giornalista, che trova il suo mezzo di realizzazione personale. Poiché le apparenze dominano il virtuale e le identità sono rimesse continuamente in discussione, il ribaltamento di ruoli tra vittime e carnefici si riversa anche nella dimensione reale. La tensione percorre l'intera opera e trova sbocco in una lunga sequenza che, giocando con il "rallenty" si prende amorevolmente gioco dello spettatore. Da non perdere!

  • Produzione: Filmauro, 2014
  • Distribuzione: Terminal Video
  • Durata: 115 min
  • Lingua audio: Italiano (Dolby Digital 5.1);Inglese (Dolby Digital 5.1)
  • Lingua sottotitoli: Italiano per non udenti
  • Formato Schermo: 1,78:1
  • Area2
  • Contenuti: interviste; note di regia; trailers; spot tv
  • Hope Davis Cover

    Attrice statunitense. Inizia la carriera in teatro e debutta al cinema in ruoli minori, in particolare nella commedia Mamma, ho perso l'aereo (1990) di C. Columbus. Il suo primo ruolo da protagonista è in L'amante in città (1996) di G. Mottola, film indipendente in perfetto stile Sundance, che la consacra come attrice indie. Bionda e asciutta, impersona spesso la donna cinica e tenace bistrattata da partner fatui, rendendo adorabili e veri personaggi potenzialmente antipatici, come per esempio nel suo secondo film da protagonista, Prossima fermata Wonderland (1998) di B. Anderson, altra produzione indipendente in cui è la fidanzata di P.S. Hoffman. Recita in oltre 20 film, in produzioni e ruoli eterogenei: Mumford (1999) di L. Kasdan, Cuori in Atlantide (2001) di S. Hicks, A proposito di Schmidt... Approfondisci
Note legali