Categorie

Benoît B. Mandelbrot, Richard L. Hudson

Traduttore: S. Frediani
Editore: Einaudi
Collana: Saggi
Anno edizione: 2005
Pagine: XX-296 p. , ill. , Brossura
  • EAN: 9788806169619

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Giuseppe

    04/08/2015 21.41.57

    Testo decisamente sopravvalutato. Purtroppo non riesco proprio a condividere quanto detto da chi mi precede, che anzi mi ha motivato alla lettura, ma di un opinione fa parte la franchezza. Innanzitutto non apprezzo il tratto stilistico dell' autore che con non poca faziosità vuole bacchettare un po tutti, dagli accademici ai professionisti della finanza ai politici ... lasciandosi prendere la mano più di quanto uno studioso dovrebbe. In secondo luogo, ed è la cosa più importante, il testo e disseminato di errori omissioni e grossolane semplificazioni che rendono veramente troppo semplicistiche le obbiezioni portate con la pretesa, più volte sbandierata, di dimostrare la totale inadeguatezze di tutta la cosiddetta "teoria moderna/ortodossa della finanza". Innanzitutto lamento una gestione troppo semplicistica dei problemi legati alle non normalità ed all'ipotesi di mercati efficienti. Il testo sarà si divulgativo quindi è giusto tralasciare il rigore ma non si può essere troppo pressappochisti specie se si pretende di smontare teorie dando lezioni a molti. Peraltro diversi dei problemi lamentati sono stati affrontati da successivi sviluppi 'ortodossi' che vengono troppo sottovalutati o completamente ignorati. Un po troppo comodo per chi pretende di scalzare in un sol colpo decenni di letteratura. Come note positive vi è da dire innanzitutto che una teoria alternativa è buona cosa, soprattutto questo mi ha spinto alla lettura, anche se poi oltre a qualche parallelismo grafico e molte metafore non e che venga descritto chissà che armamentario, più che altro accenni. Per il resto vi sono un buon numero di interessanti aneddoti storici. In definitiva, se non avessi saputo chi fosse l'autore l'avrei considerato un anticonformista (come in effetti e, ma dilettante). Sapendo che l' autore e un notevole matematico devo pensare che la sua grandezza non si manifesti in quest'opera che, come giudizio complessivo, mi ha deluso.

  • User Icon

    Giampiero

    27/10/2008 21.56.44

    Il grande "matematico delle nuvole", con una chiarezza espositiva chiara e rigorosa (forse per chi ha già un minimo di conoscenze di statistica), propone un'approccio alternativo allo studio dei mercati. La critica più interessante alla Finanza moderna, a mio avviso va ricondotta all'introduzione delle dipendenza di lungo periodo, in quanto per quel che concerne le non normalità della distribuzione dei rendimenti i modelli attuali hanno sopperito a tale lacuna; per concludere mi posso solo augurare che nella società esistano tante personalità come il Prof. Mandelbrot.

  • User Icon

    Roberto

    24/06/2006 15.34.49

    Un libro che mette in discussione le attuali metodologie d'investimento con spirito critico. Senza ipocrisie e senza avere la pretesa di aver scoperto la "formula matematica" per guadagnare in Borsa l'autore fornisce valide alternative alla comprensione della dinamica dei mercati.

  • User Icon

    Roberto Malnati

    14/10/2005 12.17.41

    Per chi si occupa di finanza a livello personale e per chi vuole comprendere le dinamiche più intime dei mercati é una pietra miliare. Per chi invece si occupa di finanza a livello "professionale" questo é un libro eretico da ritirare dal mercato e da bruciare, perché mette in discussione l'ortodossia corrente. La stessa ortodossia che associa ad eventi assolutamente straordinari e irripetibili i movimenti estremi di mercato. Libro imperdibile e da leggere assolutamente come "Giocati dal caso. Il ruolo della fortuna nella finanza e nella vita" di Taleb Nassim N. e "Anche i Nobel perdono" di Nicholas Dunbar

Vedi tutte le 4 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione