Divo Giulio. Andreotti e sessant'anni di storia del potere in Italia

Antonella Beccaria,Giacomo Pacini

Editore: Nutrimenti
Collana: Igloo
Anno edizione: 2012
In commercio dal: 3 maggio 2011
Pagine: 287 p., Brossura
  • EAN: 9788865941010
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Descrizione
"É inimmaginabile per chiunque la quantità di Male che bisogna accettare per ottenere il Bene", afferma il Divo ritratto nel fortunato film di Paolo Sorrentino. E Giulio Andreotti, l'uomo in carne e ossa, di male ne ha attraversato tanto o, quantomeno, tante sono state le realtà opache che hanno accompagnato la sua storia. Fin dai tempi della Seconda guerra mondiale e dei suoi rapporti con i servizi segreti alleati, proseguendo con la stagione dei dossier, l'esplosione del terrorismo, le coperture degli stragisti neofascisti, l'allestimento di apparati non ortodossi, come Gladio e l'Anello, fino alle clientele necessarie per raccogliere consenso e ai rapporti ambigui con la mafia. Difficile dire se il Divo Giulio sia stato il maggiore statista italiano del Novecento o il grande Belzebù che si è nutrito della parte più oscura della storia nazionale. Quello che è certo è che ripercorrere la sua vicenda significa attraversare tutti i maggiori scandali italiani dal dopoguerra a oggi, dal golpe Borghese al delitto Moro, dalla P2 a Michele Sindona, fino all'omicidio del giornalista d'assalto Mino Pecorelli. Questa biografia di Giulio Andreotti, rigorosa e documentata, ricostruisce per la prima volta senza pregiudizi e senza timori l'intera storia politica, quella ufficiale e quella inconfessabile, del 'grande vecchio' dell'Italia del Novecento, tracciando un percorso inquietante dentro le ombre più dense della prima Repubblica.

€ 11,90

€ 14,00

Risparmi € 2,10 (15%)

Venduto e spedito da IBS

12 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    paolo'63

    10/04/2018 15:27:10

    Ottimo testo che elenca in ordine cronologico, a volte con sottile e disincantata ironia, le "malefatte" del Divo, dalla guida politica dell'Ufficio Zone di Confine tra gli anni Quaranta e Cinquanta del Novecento ai processi per l'omicidio Pecorelli e per il concorso esterno in associazione mafiosa, con i quali ha termine la sua carriera. Da leggere tenendo presente uno dei motti più celebri del Divo: "il potere logora chi non ce l'ha".

Scrivi una recensione