Divorare il cielo - Paolo Giordano - copertina

Divorare il cielo

Paolo Giordano

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: Einaudi
Collana: Supercoralli
Anno edizione: 2018
In commercio dal: 8 maggio 2018
Pagine: 430 p., Rilegato
  • EAN: 9788806222277
Salvato in 544 liste dei desideri

€ 20,90

€ 22,00
(-5%)

Punti Premium: 21

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
spinner
PRENOTA E RITIRA

Divorare il cielo

Paolo Giordano

Caro cliente IBS, da oggi puoi ritirare il tuo prodotto nella libreria Feltrinelli più vicina a te.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: 02 91435230

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


Divorare il cielo

Paolo Giordano

€ 22,00

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

Divorare il cielo

Paolo Giordano

€ 22,00

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

Altri venditori

Mostra tutti (3 offerte da 22,00 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

A dieci anni da La solitudine dei numeri primi, Paolo Giordano torna a raccontare la giovinezza, poi l'azzardo di diventare adulti, in un romanzo potente e generoso.

«Sorprende [...] la capacità di dare forma a un mondo con un linguaggio così esatto. Nulla, nel romanzo, suona fuori tono: testimonianza di un'operazione di raffinamento e spoliazione, di riduzione all'essenziale.» - Davide Casati, La Lettura - Corriere della Sera

«Un romanzo bellissimo sul credere e sul desiderare, sull’amicizia totalizzante della giovinezza, e sull’irrimediabile solitudine della giovinezza.» - Donna Moderna

La prima volta che Teresa li vede stanno facendo il bagno in piscina, nudi, di nascosto. Lei li spia dalla finestra. Le sembrano liberi e selvaggi. Sono tre intrusi, dice suo padre. O tre ragazzi e basta, proprio come lei. Bern. Tommaso. Nicola. E Teresa che li segue, li studia, li aspetta. Teresa che si innamora di Bern. In lui c'è un'inquietudine che lei non conosce, la nostalgia per un'idea assoluta in cui credere: la religione, la natura, un figlio. Sono uno strano gruppo di randagi, fratelli non di sangue, ciascuno con un padre manchevole, carichi di nostalgia per quello che non hanno mai avuto. Il corpo li guida e li stravolge: la passione, la fatica, le strade tortuose e semplici del desiderio. Il corpo è il veicolo fragile e forte della loro violenta aspirazione al cielo. E la campagna pugliese è il teatro di questa storia che attraversa vent'anni, quattro vite, un amore. Coltivare quella terra rossa, curare gli ulivi, sgusciare montagne di mandorle, un anno dopo l'altro, fino a quando Teresa rimarrà la sola a farlo. Perché il giro delle stagioni è un potente ciclo esistenziale, e la masseria il centro esatto del mondo.

L'amicizia fra maschi, la ribellione a Dio e ai padri, il desiderio e la rivalità: Divorare il cielo è un grande romanzo sul nostro bisogno di trasgredire, e tuttavia di appartenere costantemente a qualcosa o a qualcuno. Al centro c'è una generazione colma di vita e assetata di senso, che conosce tutto eppure non si riconosce in niente. Ragazzi con un piede ancora nel vecchio millennio, ma gettati nel futuro, alla disperata ricerca di un fuoco che li tenga accesi.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

3,77
di 5
Totale 100
5
31
4
36
3
18
2
9
1
6
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Isa

    17/05/2020 19:58:19

    Angosciante, ma molto coinvolgente. Non avevo mai letto nulla di Giordano e mi pento di non averlo fatto prima. I personaggi sono davvero intensi, non particolarmente piacevoli, ma umani fino all'eccesso. Sembra di essere all'interno della storia.

  • User Icon

    luca

    17/05/2020 18:50:12

    Dopo aver letto "la solitudine dei numeri primi " , da cui ne sono rimasto deluso, ho voluto prendere in mano un'altra opera di Giordano che mi ha altrettanto deluso. I protagonisti per lo meno mi sono piaciuti di più così come la storia ,non ho compreso talvolta le loro scelte.

  • User Icon

    chiara

    17/05/2020 15:25:29

    Il libro cattura il lettore, tanto che il dramma dei protagonisti sembra di viverlo, è impossibile rimanerne indifferenti a quel che succede.Ciò porta a prendersi un piccolo break dalla lettura, piccolo, perché non riesci a starci lontano a lungo, senti il bisogno di sapere cosa succederà!

  • User Icon

    Tizia

    17/05/2020 09:12:47

    Un libro interessante, con atmosfere che si sentono e si vedono. Però mi sembra manchi qualcosa alla storia per farla emergere sopra la media. Dello stesso autore ho preferito altri libri. Comunque consigliato.

  • User Icon

    francesca

    14/05/2020 08:13:25

    Consiglio a tutti la lettura di questo libro perché è uno dei miei libri preferiti. L’ho letto in un solo giorno. Parla di amicizia, di amore, di giovinezza ma anche del diventare grandi ed affrontare la vita. Bello.

  • User Icon

    Fiorina

    12/05/2020 17:26:28

    bello

  • User Icon

    Virgilia

    12/05/2020 13:57:48

    Una voce credibilissima che ti trascina lungo tutta la narrazione. Ecco, in questo libro di Paolo Giordano un tempo sospeso. C'è la Puglia mentre la giovinezza lascia il posto alla vita adulta. Bello il racconto dei 4 ragazzi tra nostalgia e volontà di emergere. Ottima prova stilistica che mi ha fatto pensare trascinandomi l'universo meraviglioso fatto di parole ed emozioni. Consiglio ampiamente il libro.

  • User Icon

    Chiara

    01/05/2020 16:03:12

    Brutto. Irritanti i personaggi, intollerabile la loro stupidità . Mi dispiace ma non lo consiglio per nulla. La protagonista non si riscatta nemmeno alla fine, resta prigioniera dell'infatuazione perversa verso l'orrendo Bern, portando avanti proprio un sogno comune che li divise, anziché esserne finalmente libera.

  • User Icon

    MikyTo

    19/04/2020 11:28:52

    Non male come storia, ma a mio parere troppo articolata, senza arrivare al dunque.

  • User Icon

    Tonio

    14/04/2020 13:04:14

    Un libro emozionante su temi di grande attualità... da leggere tutto d'un fiato

  • User Icon

    Antonio

    13/04/2020 10:05:36

    Ho letto questo libro in cerca di una conferma e non sono rimasto deluso dalle mie aspettative: Paolo Giordano non ha proprio nulla da dire. Il vuoto cosmico di questo romanzo pasticciato è l’ennesima prova di un autore più che mediocre osannato nei salotti ciarlieri di certa cultura. Scrittura confusa e limacciosa, storia sconclusionata e priva di verve, manifesto di una Letteratura decrepita e asfittica.

  • User Icon

    Barbara

    04/12/2019 12:40:02

    Ho scelto di leggere questo libro memore di "La solitudine dei numeri primi" che mi era piaciuto molto. Ed in effetti ci ho ritrovato la stessa scrittura fluida e magnetica e la stessa tristezza. Ci ho trovato peró anche troppo dolore che assieme agli estremismi delle esperienze di vita dei protagonisti mi fanno dubitare se consigliare o meno la lettura di questo libro. L' amore, il sesso, il desiderio di avere un figlio, il rispetto per la natura, la fede vengono vissuti in maniera estrema dai personaggi. Dall'inizio alla fine è un dolore che si somma ad altro dolore, un eccesso che viene superato dall'eccesso successivo. Troppo per i miei gusti. Eppure la necessitá di sapere mi ha portato fino alla fine ed è stato proprio il finale a salvare il libro. La scelta di Teresa, che finalmente prende in mano la sua vita, mi ha fatto commuovere.

  • User Icon

    Giada

    07/10/2019 09:45:26

    Libro molto bello, coinvolgente ed intenso nella sua fragilità. I personaggi sono definiti da proprie caratteristiche e la storia è ben costruita e densa di colpi di scena.

  • User Icon

    paola antonelli

    03/10/2019 09:29:07

    Un romanzo che affronta la giovinezza, il suo totalitarismo e le sue incongruenze.

  • User Icon

    Dalila

    24/09/2019 22:39:48

    Paolo Giordano è un autore che mi ha sorpreso, avevo letto in passato La solitudine dei numeri primi che non mi era piaciuto per niente anzi l'avevo veramente detestato, invece divorare il cielo si conferma una delle migliori letture del 2018. Parla di un gruppo di ragazzini in Puglia che durante l'estate si ritrovano e le loro vite si intrecciano. Da lì in poi seguiamo cosa succede a questi protagonisti nel percorso di decine d'anni. Infatti parallelamente le loro vite seguiamo anche l'evolversi della storia italiana. Il romanzo prende un tema fondamentale della letteratura molto classico, ovvero la perdita delle illusioni. Perché ognuno dei ragazzi man mano che cresceranno andranno a perdere i propri ideali. Ho adorato la scrittura di Giordano che riesce a creare una una atmosfera quasi notturna. Insomma una lettura assolutamente consigliata!

  • User Icon

    maria

    24/09/2019 13:08:16

    I personaggi e la storia sono costruiti molto bene e del tutto totalizzanti, è una storia in cui ogni frase è densa e va assaporata. Era da molto che non leggevo un libro così coinvolgente psichicamente ed emotivamente. Mi ha fatto anche molto riflettere sull'amore, sulla morte, sui dogmi morali, sui fanatismi alienanti ma a volte necessari nella ricerca di un senso. Penso sia il romanzo dell'autore che ho personalmente apprezzato di più

  • User Icon

    SabinaMut

    23/09/2019 23:17:18

    "Divorare il cielo" . Titolo perfetto , copertina bellissima, scrittore Paolo Giordano, questi tre elementi mi avevano catturata ancor prima di iniziare la lettura. Diciamo che per restare in tema, questo libro l'ho proprio divorato e lui ha divorato me. È una lettura bellissima, potente ma che fa male e a volte mi ha costretta a fermarmi dalla lettura . È la storia di tre ragazzi ,Bern, Tommaso e Nicola che crescono come fossero fratelli in una masseria. Saranno allevati dal loro padre secondo i dettami della religione. A loro si unirà Teresa durante un'estate mentre era in vacanza nella casa vicino alla masseria. Farà parte di quel gruppo e instaurerà un rapporto particolare particolare con Bern. Da qui si intreccia una storia fatta principalmente di ideali, dove Bern ne è il protagonista indiscusso. Assolutamente da leggere.

  • User Icon

    filena

    23/09/2019 20:05:12

    Dopo aver letto la solitudine dei numeri primi e aver amato lo stile di Paolo Giordano ho deciso di leggere anche quest'altro suo libro. Molto profondo e intriso di tematiche importanti, questo libro è stato per me uno dei più belli letti quest'estate. La vita dei quattro ragazzi viene seguita dalla loro adolescenza all'età adulta, seguendo anche le loro battaglie, i loro problemi e il loro dolore. La lettura è stata tutt'altro che noiosa, con uno stile di scrittura che amo e che mi ha fatto divorare questo libro.

  • User Icon

    Luca

    23/09/2019 11:06:30

    Un libro che mi ha accompagnato in innumerevoli spostamenti, facendomi perdere la concezione del tempo. Scritto molto bene, nonostante una struttura della trama non per tutti. Unica piccola pecca, un finale non troppo sviscerato.

  • User Icon

    Marta

    22/09/2019 14:33:41

    Una bella storia, molto poetica che ti lascia con il cuore a pezzi. Bellissimo, davvero.

Vedi tutte le 100 recensioni cliente

C’è un po’ di tutto in Divorare il cielo. La spensieratezza delle vacanze da adolescenti. La forza struggente di sentimenti capaci di divorare l’anima. I drammi e le contraddizioni di una giovinezza anticonformista. L’eccesso di spiritualità e di una natura vissuta in maniera estrema.

Tutto raccontato con gran ritmo e incontrollata turbolenza emotiva da Teresa.

Dalla regolarità della vita torinese alle rituali vacanze in Puglia. Nuovi legami ed esperienze al limite dell’esoterico. Bern, figlio non figlio, fratello non fratello, tanto inaccessibile da risultare irresistibile. Il fascino misterioso di inconsueti concetti di spiritualità. E l’estremo rispetto per la Natura, prima di tutto.

Poi si cresce. I legami sembrano sgretolarsi per poi tornare a saldarsi in maniera ancor più solida. La masseria al centro di tutto. E ancora quella sorta di rispetto accecante, fin fastidioso, nei confronti dei ritmi della natura; roba che, a confronto, il biodinamico risulta pratica invasiva.

Ma ormai anche la vita di Teresa è diventata quella roba lì. Forse per convinzione, forse per compiacere Bern e i suoi compari. Una simbiosi apparentemente perfetta tra donna, uomo e natura; dov’è quest’ultima, però, a dettare i ritmi.

Vent’anni di Teresa scanditi a ritmo notevole alternando episodi vissuti in prima persona a racconti in flashback; il tutto a comporre un puzzle letterario avvincente e ben congegnato. Personaggi interessanti, quelli che ruotano intorno alle figure di Teresa e Bern. E tanti risvolti amari in una storia sentimentalmente tutt’altro che lineare.

Passa in fretta, il libro di Paolo Giordano, come i bei libri. E lascia in bocca il gusto agrodolce di quando non capisci bene se il finale sia ciò che avresti voluto oppure no. Perché, va bene tutto, ma per fare una cosa del genere non devi essere proprio in quadro…

Due anni fa ho avuto l’onore di partecipare al Premio Strega e il privilegio di farlo senza avere reali possibilità di vittoria, cosa che mi ha permesso di osservare il rito e i suoi effetti con il necessario distacco: nel corso di quei mesi mi colpì in particolare un fatto: quando la favorita era Teresa Ciabatti con La più amata, nella “bolla” del campo letterario, critico ed editoriale, che si allarga fino a blogger e lettori fortissimi, stavano tutti per Paolo Cognetti e Le otto montagne; quando però poi Cognetti ha vinto, sono tornati tutti ciabattiani. Il fatto è tanto più curioso perché si trattava in entrambi i casi di romanzi eccellenti, firmati da autori di solida fama letteraria: pure, la loro stessa letterarietà veniva messa in dubbio non appena si profilava all’orizzonte la possibilità di un successo commerciale. Le stesse persone che si sperticavano in elogi per lo stile icastico e puntuale del Cognetti dei libri minimum fax, ora erano in prima fila ad affibbiare a quello (invero ancora più compiuto) del Cognetti Einaudi e “stregato” la degradante etichetta di midcult.

Devo in effetti l’idea di questo pezzo a un redattore di linus, Ivan Carozzi, che notava come un romanzo solido come Divorare il cielo di Paolo Giordano fosse passato sotto silenzio nella “bolla”.
Ora, è vero che un libro che va in classifica può anche infischiarsene della bolla; pure, Divorare il cielo è talmente superiore, per la forza con cui tiene assieme trame e sottotrame, e per la pura capacità scenografica dell’autore, a tanti più celebrati romanzi usciti nello stesso periodo, da far venire il sospetto che esista, in Italia, uno stigma del successo, sorta di opposto morboso di quella “stairway to stardom” che gira così bene nel mondo anglosassone.

Vanni Santoni

Sono 430 pagine di scrittura densa, magmatica, questo nuovo romanzo di Paolo Giordano. Una scrittura che scorre lenta e piena sopra la curva degli eventi, tanto da rimanerci invischiati per alcuni giorni.

Quattro protagonisti, una storia suddivisa in tre parti, quasi tutta ambientata in una masseria in Puglia, vicino a Ostuni. Intorno alla vicenda personale dei quattro ragazzi, molte storie più grandi di loro e di noi. Torna al romanzo di formazione Paolo Giordano - dopo aver conquistato una fama fulminea forse effimera con La solitudine dei numeri primi – ma da uomo di scienza prima che di lettere, lo fa con un romanzo intenso e gravido, scritto con la precisione del thriller, dove però il delitto è soltanto la vita comune di quattro ragazzi.

Teresa all’inizio del racconto è una giovanissima studentessa di Torino, che passa le sue vacanze estive nella grande villa di sua nonna, in Puglia. È guardando fuori dalla finestra della sua torre d’avorio che scorge per la prima volta Bern, Nicola e Tommaso. Sono nudi e nuotano nella sua piscina, hanno scavalcato la recinzione di notte, vengono dalla masseria che si trova a poche centinaia di metri da casa sua.

La masseria attrae Teresa come il miele velenoso attira la mosca dell’ulivo. Tra quegli antichi muretti a secco, oltre il tratturo, ci sono Cesare e sua moglie, e poi ci sono di volta in volta ragazzini sempre nuovi, non proprio fratelli tra di loro, ma quasi. Sono i bambini dati in affidamento alla coppia. Nella masseria con Bern, Nicola e Tommaso, Cesare applica alla lettera le sacre scritture e recita lunghi sermoni, obbligando tutti al lavoro nei campi. La masseria è una Chiesa delle origini, un Eden prima che si compia il peccato originale. Almeno finché non arriva tra loro la ribellione.

La storia inizia in questa maniera, come inizia la storia del mondo, con una donna a sconvolgere la tranquillità della natura. E prosegue come prosegue la storia del mondo, tra amore, colpe e tradimenti. Nel mezzo c’è il racconto della vita nei campi coltivati con il metodo biologico, l’utopia di un gruppo di giovani che producono senza consumare risorse idriche o energetiche, c’è l’integralismo di chi difende gli ulivi secolari dalle ruspe, ma anche un’incessante, spossante, avvilente lotta contro la natura ostile: il raccolto rovinato dalla grandine, la Xylella, gli embrioni che non attecchiscono e quelli che invece crescono e si moltiplicano in ventri di ragazze minorenni.
Nel nugolo di queste quattro vite, tutte intrecciate e dipendenti, tutte conficcate l’una nell’altra pur avendo radici sottili e volatili, l’autore riesce a tracciare una storia potente e drammatica. Sin dall’inizio l’odore acre della morte si insinua nel racconto: il giardino dell’Eden ha in sé la gioia e anche il dolore, la benedizione e la dannazione. L’amore è imperfetto, è questo il messaggio più forte che ci restituisce questo romanzo, lo dice bene Paolo Giordano quando la sua riflessione si allarga alla vita di tutti.

Questa volta l’autore estende e approfondisce - portandolo all’estremo - il tema che gli è più caro: la fuga e il rifiuto della società borghese. Per farlo, con Divorare il cielo, arriva dritto fino al ventre del mondo.

Recensione di Annalisa Veraldi

  • Paolo Giordano Cover

    Nell'anno accademico 2006-2007, ha conseguito la laurea specialistica in fisica delle interazioni fondamentali presso l'Università degli studi di Torino. Ha vinto una borsa di studio per frequentare il corso di dottorato di ricerca in fisica delle particelle, presso la Scuola di dottorato in Scienza e alta tecnologia del medesimo ateneo. È autore del romanzo La solitudine dei numeri primi (Mondadori, 2008 - Premio Campiello Opera Prima, Premio Fiesole Narrativa Under 40 e Premio Strega 2008).Un suo racconto è incluso nell'antologia Dignità! Nove scrittori per Medici Senza Frontiere (Feltrinelli 2011).Tra gli altri suoi romanzi ricordiamo Il corpo umano (Mondadori 2012),  Il nero e l'argento (Einaudi 2014) e Divorare il cielo (Einaudi 2018).La solitudine... Approfondisci
Note legali