Divorare il cielo

Paolo Giordano

Editore: Einaudi
Collana: Supercoralli
Anno edizione: 2018
In commercio dal: 8 maggio 2018
Pagine: 430 p., Rilegato
  • EAN: 9788806222277

22° nella classifica Bestseller di IBS Libri - Narrativa italiana - Moderna e contemporanea (dopo il 1945)

pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Descrizione

A dieci anni da La solitudine dei numeri primi, Paolo Giordano torna a raccontare la giovinezza, poi l'azzardo di diventare adulti, in un romanzo potente e generoso.

«Sorprende [...] la capacità di dare forma a un mondo con un linguaggio così esatto. Nulla, nel romanzo, suona fuori tono: testimonianza di un'operazione di raffinamento e spoliazione, di riduzione all'essenziale.» - Davide Casati, La Lettura - Corriere della Sera

«Un romanzo bellissimo sul credere e sul desiderare, sull’amicizia totalizzante della giovinezza, e sull’irrimediabile solitudine della giovinezza.» - Donna Moderna

La prima volta che Teresa li vede stanno facendo il bagno in piscina, nudi, di nascosto. Lei li spia dalla finestra. Le sembrano liberi e selvaggi. Sono tre intrusi, dice suo padre. O tre ragazzi e basta, proprio come lei. Bern. Tommaso. Nicola. E Teresa che li segue, li studia, li aspetta. Teresa che si innamora di Bern. In lui c'è un'inquietudine che lei non conosce, la nostalgia per un'idea assoluta in cui credere: la religione, la natura, un figlio. Sono uno strano gruppo di randagi, fratelli non di sangue, ciascuno con un padre manchevole, carichi di nostalgia per quello che non hanno mai avuto. Il corpo li guida e li stravolge: la passione, la fatica, le strade tortuose e semplici del desiderio. Il corpo è il veicolo fragile e forte della loro violenta aspirazione al cielo. E la campagna pugliese è il teatro di questa storia che attraversa vent'anni, quattro vite, un amore. Coltivare quella terra rossa, curare gli ulivi, sgusciare montagne di mandorle, un anno dopo l'altro, fino a quando Teresa rimarrà la sola a farlo. Perché il giro delle stagioni è un potente ciclo esistenziale, e la masseria il centro esatto del mondo.

L'amicizia fra maschi, la ribellione a Dio e ai padri, il desiderio e la rivalità: Divorare il cielo è un grande romanzo sul nostro bisogno di trasgredire, e tuttavia di appartenere costantemente a qualcosa o a qualcuno. Al centro c'è una generazione colma di vita e assetata di senso, che conosce tutto eppure non si riconosce in niente. Ragazzi con un piede ancora nel vecchio millennio, ma gettati nel futuro, alla disperata ricerca di un fuoco che li tenga accesi.

€ 18,70

€ 22,00

Risparmi € 3,30 (15%)

Venduto e spedito da IBS

19 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Dario A.

    08/10/2018 03:19:02

    La gioventù, la scoperta, gli ideali, la ricerca di qualcosa per cui valga la pena ardere di passione; l'amore Inquieto, potente e magnetico. Per poter divorare il cielo e affrontare i propri fantasmi. Per poter andare avanti nonostante tutto, radicati nel terreno della vita ciclica ed imperturbabile, nella sua continuità assoluta e universale.

  • User Icon

    reghe70

    07/10/2018 08:21:10

    A questo libro non manca niente: amore, amicizia, disubbidienza, rapporto genitori figli, nord e sud, religione...ma tutti gli argomenti sono trattati in modo equilibrato. Un paio di passaggi un pò stiracchiati, ma non fa niente, a me Giordano piace anche per questo. Bello.

  • User Icon

    Fede

    22/09/2018 16:55:28

    Intenso e coinvolgente, fin dalle prime pagine mi ha trascinata all'interno della storia insieme ai protagonisti. Personalmente in alcuni punti ho faticato un po' a seguire alcuni "salti" temporali tra un capitolo e l'altro e avrei preferito un finale diverso, ma lo consiglio assolutamente!

  • User Icon

    Alice

    22/09/2018 15:36:27

    Ho davvero faticato per finire questo romanzo. La storia in sé non è male,ma a tratti l ho trovata pesante; e non sono riuscita ad affezionarmi a nessuno dei protagonisti, troppo antipatici!

  • User Icon

    Volpe

    22/09/2018 14:46:39

    Ho conosciuto Giordano con i suoi numeri primi molti anni dopo l'enorme successo del suo esordio, e priva di pregiudizi l'ho letto con piacere, sebbene fosse un testo non privo di difetti e ancora acerbo. Da allora l'ho seguito con "Il corpo umano", senza mai dimenticarmi il suo nome. E' stato impossibile non imbattermi quest'anno in "Divorare il cielo". L'ho amato. Tutto quello che ho trovato in mezzo alla violenza, alla rabbia e all'amarezza dei primi libri, quella traccia di umanità un po' soffocata sotto il sensazionale, il crudo, il troppo, ora emerge e pulsa tra la parole di questo romanzo. E' un'opera matura, delicata, gentile, seria. Credo veramente Giordano abbia trovato un suo equilibrio, e che non possa che migliorare.

  • User Icon

    Simona

    21/09/2018 21:10:37

    Forse un po' diverso dagli altri libri di Paolo Giordano, ma non per questo meno piacevole per chi ama l'autore. La storia appassiona, in parole povere vuoi sapere come va a finire e devo dire che mi è piaciuto come è stato chiuso il racconto. La scrittura come sempre scorrevole. L'unica nota negativa, a mio parere, è che nella parte centrale ci sono sequenze un po' lente in cui qualche pagina si poteva tagliare. In ogni caso, per me ha superato le aspettative.

  • User Icon

    Particolare

    21/09/2018 20:55:15

    Un libro molto scorrevole e ben scritto. Sicuramente la figura che vi affascinerà sarà Cesare, in tutti i suoi aspetti. Il protagonista maschile è molto strano ma ha un suo perché ed un suo fascino. Ci sono delle parti del libro che non mi sono piaciute molto, ma verso la fine tutto comincia ad avere senso, in ogni minimo dettaglio.

  • User Icon

    Cuore

    20/09/2018 13:55:01

    Dopo aver letto La solitudine dei numeri primi, io Giordano lo avevo abbandonato al suo destino. Nessuno dei suoi romanzi successivi mi aveva convinta a farsi leggere e andava bene così. Poi esce Divorare il cielo e sento che questo libro è diverso, sento che dovevo leggerlo. E sono felice della scelta fatta. Giordano è maturato, ha scritto una storia coinvolgente e profonda, mi ha appassionata tantissimo e mi ha tenuta incollata alle pagine come non mi accadeva da tempo. Bravo Paolo!

  • User Icon

    ale

    19/09/2018 16:06:27

    ho divorato questo libro.. non riuscivo più a smettere di leggere. ho passato 3 notti a leggere. la storia ti prende, intriga.. buona la trama con i suoi intrecci..

  • User Icon

    CATERINA

    18/09/2018 19:24:16

    Non ho ancora finito il libro e ammetto che la storia è molto dolce, ma a rischio di far accapponare la pelle a molti intenditori che amano Giordano dico che non apprezzo il suo modo di scrivere, mi lascia un senso di incompletezza. Mi Spiace, ciononostante ho letto tutti i suoi libri.

  • User Icon

    Pierluigi

    18/09/2018 16:52:37

    Vinta l'iniziale diffidenza verso un autore del quale, forse, si era fin troppo parlato ,ho deciso di fidarmi del mio istinto. Sarà stato il titolo (magnifico), sarà stata la copertina (molto bella)...insomma..."dovevo" leggere questo romanzo. Paolo Giordano ha scritto un libro bellissimo. Una scrittura potente ed ipnotica regala al lettore pagine memorabili. Ogni parola, ogni frase di questo libro è un'emozione. Struggente ed indimenticabile.

  • User Icon

    Giulia

    18/09/2018 13:36:47

    Ho letto recensioni contrastanti su questo libro e dunque mi ci sono avvicinata in modo prevenuto. Tuttavia è stata una delle letture più appassionate della mia estate : un libro che ti cattura fin dalle prime pagine e ti richiama continuamente a scoprire il divenire degli eventi. Trovo onestamente che questo libro , sebbene molto diverso , non abbia molto da invidiare a quelli precedenti. Per me da non lasciare sullo scaffale.

  • User Icon

    Li

    18/09/2018 06:05:10

    Giordano si conferma come una tra le più potenti voci del panorama italiano. Tra amore, amicizia e senso religioso, costruisce una storia potente e appassionante

  • User Icon

    Fra

    17/09/2018 20:47:46

    Un libro denso, questo di Paolo Giordano, dalla scrittura più matura e dai personaggi meglio caratterizzati, rispetto ai suoi precedenti, sebbene gli abbia apprezzati. Una storia da "divorare", che è un romanzo di formazione, crescita, amicizia, amore, ma anche molto altro. L'ambientazione è quella di una Puglia vera, di una masseria, della natura, della terra. E' un libro che parla della vita, che consiglio anche a chi è rimasto deluso da "La solitudine dei numeri primi".

  • User Icon

    Rosaria

    17/09/2018 19:58:14

    Mi capita raramente di piangere dopo aver terminato un libro, e questo non perché io non riesca ad empatizzare con i personaggi o a far mia la storia narrata dall'autore, ma semplicemente per via del fatto che, quella storia e quei personaggi, sono distati anni luce da me e dalla mia vita. Con "Divorare il cielo" ci sarebbe dovuto essere lo stesso distacco emotivo, considerando che le vicende che hanno per protagonisti Teresa, Bern, Tommaso e Nicola non le ho vissute e non credo che le vivrò mai. Ed invece non è stato così. Mi sono innamorata perdutamente di Bern, ho vissuto la sofferenza e i turbamenti di Teresa, ho vestito la gelosia di Tommaso e mi sono sentita un'esclusa esattamente come Nicola. Tutto questo per "colpa" della penna di Paolo Giordano che, a 10 anni dalla pubblicazione del celebre "La solitudine dei numeri primi", torna in libreria con un romanzo emotivamente travolgente che vi lascerà con il cuore a pezzi e con la consapevolezza che i sentieri che l'amore può percorrere sono davvero infiniti.

  • User Icon

    Antonio

    17/09/2018 17:35:45

    Leggere Giordano non è semplice. "Divorare il cielo" è un libro in cui c'è tutto. Tutto. Un libro che alla fine mi ha talmente spiazzato che ho avuto bisogno di un intero giorno per assimilarlo e razionalizzarlo, Leggendo "Divorare il cielo" sarà inevitabile non affezionarsi ai personaggi. Personaggi singolari, unici e per certi versi epici. Un libro toccante, entusiasmante, strascinante.

  • User Icon

    Sofia

    10/09/2018 14:06:50

    Leggo diverse stroncature con alcuni commenti pesanti: non sarà un capolavoro, il finale forse un pochino deludente, ma l'amore per la terra, l'amicizia ed il senso di appartenenza che si respirano nel corso del libro valgono la lettura. Ho trovato le descrizioni della masseria con i profumi ed i colori del sud molto belle. C'è di molto peggio in giro.

  • User Icon

    Eva

    06/09/2018 12:31:15

    Ho comprato questo libro ricordando quanto mi avesse entusiasmato "La solitudine dei numeri primi", ma non ha niente a che vedere. Si legge agevolmente, la lettura scorre, ma la trama è banale, lo stile narrativo è melodrammatico e molti dei fatti narrati sono assurdi. Ancor più assurdo il finale. Ben al di sotto delle mie aspettative. Non lo consiglio.

  • User Icon

    Emanuele

    01/09/2018 15:31:46

    Questo sarebbe un libro? Mio figlio di dieci anni avrebbe scritto una trama migliore, meno prevedibile e più profonda. È il primo libro che leggo di questo autore e non sono per niente inciriosito di leggere altro. È un libro che non lascia niente se non la gioia di averlo finito e dimenticato, Pessimo, un libro che se non c'era era meglio, purtroppo questo è il male moderno, troppa immondizia che finisce per nascondere anche le cose buone, se mai ce ne siano... Questo è uno di quei libri che toglie la speranza e mi fa ributtare sui classici.

  • User Icon

    Romina

    31/08/2018 13:46:43

    Un libro ben scritto. Una storia intricata che ti porta a volerlo leggere tutto d'un fiato. Belli i personaggi; interessante la trama sottesa. Un finale che ti lascia un pizzico di malinconia, abituati al classico "lieto fine". Assolutamente consigliato!

Vedi tutte le 51 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione

Sono 430 pagine di scrittura densa, magmatica, questo nuovo romanzo di Paolo Giordano. Una scrittura che scorre lenta e piena sopra la curva degli eventi, tanto da rimanerci invischiati per alcuni giorni.

Quattro protagonisti, una storia suddivisa in tre parti, quasi tutta ambientata in una masseria in Puglia, vicino a Ostuni. Intorno alla vicenda personale dei quattro ragazzi, molte storie più grandi di loro e di noi. Torna al romanzo di formazione Paolo Giordano - dopo aver conquistato una fama fulminea forse effimera con La solitudine dei numeri primi – ma da uomo di scienza prima che di lettere, lo fa con un romanzo intenso e gravido, scritto con la precisione del thriller, dove però il delitto è soltanto la vita comune di quattro ragazzi.

Teresa all’inizio del racconto è una giovanissima studentessa di Torino, che passa le sue vacanze estive nella grande villa di sua nonna, in Puglia. È guardando fuori dalla finestra della sua torre d’avorio che scorge per la prima volta Bern, Nicola e Tommaso. Sono nudi e nuotano nella sua piscina, hanno scavalcato la recinzione di notte, vengono dalla masseria che si trova a poche centinaia di metri da casa sua.

La masseria attrae Teresa come il miele velenoso attira la mosca dell’ulivo. Tra quegli antichi muretti a secco, oltre il tratturo, ci sono Cesare e sua moglie, e poi ci sono di volta in volta ragazzini sempre nuovi, non proprio fratelli tra di loro, ma quasi. Sono i bambini dati in affidamento alla coppia. Nella masseria con Bern, Nicola e Tommaso, Cesare applica alla lettera le sacre scritture e recita lunghi sermoni, obbligando tutti al lavoro nei campi. La masseria è una Chiesa delle origini, un Eden prima che si compia il peccato originale. Almeno finché non arriva tra loro la ribellione.

La storia inizia in questa maniera, come inizia la storia del mondo, con una donna a sconvolgere la tranquillità della natura. E prosegue come prosegue la storia del mondo, tra amore, colpe e tradimenti. Nel mezzo c’è il racconto della vita nei campi coltivati con il metodo biologico, l’utopia di un gruppo di giovani che producono senza consumare risorse idriche o energetiche, c’è l’integralismo di chi difende gli ulivi secolari dalle ruspe, ma anche un’incessante, spossante, avvilente lotta contro la natura ostile: il raccolto rovinato dalla grandine, la Xylella, gli embrioni che non attecchiscono e quelli che invece crescono e si moltiplicano in ventri di ragazze minorenni.
Nel nugolo di queste quattro vite, tutte intrecciate e dipendenti, tutte conficcate l’una nell’altra pur avendo radici sottili e volatili, l’autore riesce a tracciare una storia potente e drammatica. Sin dall’inizio l’odore acre della morte si insinua nel racconto: il giardino dell’Eden ha in sé la gioia e anche il dolore, la benedizione e la dannazione. L’amore è imperfetto, è questo il messaggio più forte che ci restituisce questo romanzo, lo dice bene Paolo Giordano quando la sua riflessione si allarga alla vita di tutti.

Questa volta l’autore estende e approfondisce - portandolo all’estremo - il tema che gli è più caro: la fuga e il rifiuto della società borghese. Per farlo, con Divorare il cielo, arriva dritto fino al ventre del mondo.

Recensione di Annalisa Veraldi