Salvato in 4 liste dei desideri
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
La domenica vestivi di rosso
15,20 € 16,00 €
;
LIBRO
Dettagli Mostra info
La domenica vestivi di rosso 15 punti Premium Venditore: IBS
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
15,20 €
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Nuovo
Diraco Store
14,88 € + 4,90 € Spedizione
Disponibile in 1 gg lavorativi Disponibile in 1 gg lavorativi
Info
Nuovo
Multiservices
15,20 € + 5,50 € Spedizione
Disponibile in 5 gg lavorativi Disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Libreria Bortoloso
16,00 € + 5,49 € Spedizione
Disponibile in 5 gg lavorativi Disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Librightbooks
10,72 € + 5,30 € Spedizione
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Usato Usato - In buone condizioni
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
15,20 €
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Nuovo
Diraco Store
14,88 € + 4,90 € Spedizione
Disponibile in 1 gg lavorativi Disponibile in 1 gg lavorativi
Info
Nuovo
Multiservices
15,20 € + 5,50 € Spedizione
Disponibile in 5 gg lavorativi Disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Libreria Bortoloso
16,00 € + 5,49 € Spedizione
Disponibile in 5 gg lavorativi Disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Librightbooks
10,72 € + 5,30 € Spedizione
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Usato Usato - In buone condizioni
Chiudi
La domenica vestivi di rosso - Silvana Grasso - copertina
Chiudi

Prenota e ritira

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino. Scopri il servizio

Chiudi

Riepilogo della prenotazione

La domenica vestivi di rosso Silvana Grasso
€ 16,00
Ritirabile presso:
Inserisci i dati

Importante
  • La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
  • Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l’elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio Ufirst.
  • Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l’articolo verrà rimesso in vendita)
  • Al momento dell’acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio.
Chiudi

Grazie!
Richiesta inoltrata al negozio

Chiudi

Descrizione

Nera percorre la parabola ambiziosa e seduttrice di una ragazza di provincia nel 1968, e tanto insegue la scrittura, fino a raggiungere i caratteri cubitali della cronaca nera.

La protagonista del romanzo, registrata all'anagrafe come Vera - da Venera - si chiama in realtà Nera, perché l'impiegato dell'anagrafe era duro d'orecchie. E questo non è l'unico "errore" sotto il quale Nera viene al mondo in una famiglia di madre suicida e padre emigrante; infatti, a entrambi i piedi Nera ha sei dita. A parte questi due dettagli - uno che può essere sopportato e l'altro che può essere nascosto - Nera, in una famiglia di grassi e analfabeti, è intelligente e sinuosa come un gatto, e soprattutto è interessata a sedurre gli uomini: non per farci l'amore, ma per raccontarli. Per scrivere, si riduce a vivere, e la vita, subito, è quella risicata di un piccolo paesino in provincia di Catania, Vulcanello, dove vive con Natalina, figlia della sua madrina che, a sua volta e dopo la dipartita per diabete di quest'ultima, è diventata la madrina in carica. Così, in un crescendo di uomini sedotti e abbandonati, di corredi e lenzuola di lino e pizzi (che sono poi il lavoro di Natalina, che a mano a mano assume la statura di un Efesto nella sua fucina), Nera percorre la parabola ambiziosa e seduttrice di una ragazza di provincia nel 1968, e tanto insegue la scrittura, fino a raggiungere i caratteri cubitali della cronaca nera. Forse perché Nera fa teatro, sempre, con tutti, a partire da sé.
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2018
18 ottobre 2018
188 p., Brossura
9788831743129

Voce della critica

La scrittrice dalla chioma rossa e la signora in rosso. La fulva Silvana Grasso, penna lussureggiante e di grande tensione, e Nerina Garofalo, la sua ultima creatura, che la domenica veste di rosso e, neonata è arrivata in una famiglia che attendeva spasmodicamente un maschietto. Inevitabile pensare a una sovrapposizione, trasfigurata nella pagina, fra la fertilissima autrice siciliana e il suo personaggio sfrontato e sfrenato, carico di eros, ribellione alle convenzioni, trasgressione, marchiato da un dettaglio anatomico che la accompagna dalla nascita, sei dita dei piedi, peraltro magnetici agli occhi dei suoi amanti. Poco più di un quarto di secolo è trascorso dal debutto di Silvana Grasso, ma intatte sono la sua ricerca linguistica (che nel suo ultimo romanzo sconfinano nella scurrilità reiterata, con zero allusioni e zero reticenze), il suo trasporto per la letteratura che è passionale e cerebrale, la voglia di scrollare di dosso stereotipi folkloristici ai luoghi e ai cuori che racconta.

Dopo tanti anni il rischio di scivolare nei manierismi c’è. Ma nel romanzo di formazione ed emancipazione di una provinciale che finisce per essere La domenica vestivi di rosso (188 pagine, 16 euro), pubblicato dalla casa editrice Marsilio, Silvana Grasso sbanda appena appena, poi riprende la strada maestra. Riflessione sul romanzo e sul romanzesco, con fitti riferimenti alla letteratura e al teatro; racconto del turbolento Sessantotto in salsa siciliana, come eco di quello che accadeva altrove; campionario di amori e seduzioni (è Nerina a sedurre parecchi uomini, fino all’ultimo, il Professore; e sempre andando oltre tanti limiti, quasi a voler compensare la menomazione, a minimizzarla, a mostrarsi diversa, ma sempre in meglio), La domenica vestivi di rosso non ha la poesia de L’incantesimo della buffa, la prova migliore di Silvana Grasso nell’ultimo decennio, ma è comunque un romanzo metafisico e carnale («Un romanzo – scrive – deve invece molestare, molestare chi lo scrive, molestare chi lo legge, schiaffeggiarlo, bastonarlo, ridestarlo»), in linea con la sua produzione. C’è stata una naturale evoluzione rispetto alle prime e bellissime sue opere, quelle per l’editore Einaudi, con cui s’è affermata, ma di fondo c’è un’idea di mondo che attinge alla tradizione siciliana migliore, reinterpretata e rivitalizzata. L’alter ego Nerina, una vita contro pregiudizi e perbenismi, è orfana di madre (che s’è suicidata) e in qualche modo anche del padre (emigrato Oltreoceano). Vive nell’immaginaria Vulcanello con la madrina, Annina, obesa, poco loquace e con problemi di diabete, e con la figlia della madrina, Natalina, dedita al… ferro da stiro.

Bellezza prorompente dai capelli fulvi, che si muove sinuosa su tacchi a spillo, Nerina si contrappone alla normalità e alla sua ipocrisia, all’ignoranza del conformismo, a un ambiente bigotto e guardone. Quando seduce sembra quasi recitare, non s’innamora, si limita fin dalla giovinezza a concupire, ad ammaliare inesorabilmente, in genere uomini più maturi, fino all’ultimo, che chiamano il Professore, vive con un gatto, Platone, e, in attesa di completare da sempre la propria tesi di laurea, dà una mano a varie studentesse, scrivendo le loro. Dalla dialettica fra l’irrequieta e anomala Nerina (che cerca spunti e personaggi per un romanzo) e il sessantenne Professore scaturisce un finale che incanta nella sua tragicità, un finale degno di un classico.

Recensione di Giovanni Leti

Leggi di più Leggi di meno

Conosci l'autore

Silvana Grasso

1952, Macchia di Giarre

È nata a Macchia di Giarre, in Sicilia. Vive tra Gela e Giarre. È filologo classico, scrive racconti, romanzi, pièce teatrali e collabora con diverse testate. È stata assessore alla cultura del comune di Catania. Le sue opere sono state premiate con importanti riconoscimenti, tra cui: il Premio Mondello, il Premio Brancati, il Premio Vittorini, il Premio Flaiano Narrativa, il Premio Grinzane Cavour Narrativa italiana. Ha pubblicato: Nebbie di ddraunàra (La Tartaruga 1993), Il bastardo di Mautàna (Anabasi 1994, Einaudi 1997, ripubblicato da Marsilio nel 2011), Ninna nanna del lupo (Einaudi 1995, ripubblicato da Marsilio nel 2012), L’albero di Giuda (Einaudi 1997, ripubblicato da Marsilio nel 2011), La pupa di zucchero (Rizzoli 2001), Disìo...

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore