Donne all'assemblea

Aristofane

Curatore: R. Cantarella
Editore: Einaudi
Anno edizione: 1990
In commercio dal: 01/01/1997
Pagine: XIII-50 p.
  • EAN: 9788806117467
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:

€ 8,33

€ 9,80

Risparmi € 1,47 (15%)

Venduto e spedito da IBS

8 punti Premium

Attualmente non disponibile Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Lady Libro

    26/02/2012 21:31:32

    Non mi sarebbe mai passata per l'anticamera del cervello l'idea di leggere questa commedia, se non fosse per il fatto che è il copione dello spettacolo che reciterò con la mia compagnia teatrale. E'il mio primo, per così dire, "incontro ravvicinato" con una commedia greca, e devo dire che mi è piaciuto molto. La trama è originale per l'epoca in cui è stata scritta, e la storia è molto divertente anche se contiene naturalmente numerosi riferimenti della politica del tempo: problemi governativi in una Grecia che ormai ha perso la fiducia nelle proprie capacità amministrative a seguito di sconfitte in battaglia e nella società. Drammatico, comico, un po'sconcio ma molto piacevole e divertente. Mi ha troppo divertita l'idea "comunista" delle donne di mettere in condivisione tutti i beni, soprattutto gli uomini che, similmente, devono concedersi a tutte le donne che li richiedono, ma con l'obbligo preciso di andare prima con le più vecchie e brutte. Anche se i personaggi maschili sono pochi, è stranamente comico vederli accettare così di buon grado e tranquillamente il governo e le idee politiche femminili. E per sottolineare il completo fallimento politico dei maschi, il top della comicità è stato vederli discorrere in momenti bizzarri (mentre defecano, mentre vengono contesi e letteralmente "tirati" come una corda tra le donne più brutte...). Sarà strano da dire, ma la numerosa volgarità contenuta in quest'opera rende tutto godibilissimo. Credo che leggerò più volentieri le prossime opere greche che mi toccheranno in sorte.

Scrivi una recensione