Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Doppio livello. Come si organizza la destabilizzazione in Italia - Stefania Limiti - ebook

Doppio livello. Come si organizza la destabilizzazione in Italia

Stefania Limiti

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: Chiarelettere
Formato: EPUB con DRM
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 799,53 KB
Pagine della versione a stampa: 480 p.
  • EAN: 9788861904590
Salvato in 10 liste dei desideri

€ 4,99

Punti Premium: 5

Venduto e spedito da IBS

spinner

Scaricabile subito

EBOOK

Compatibile con tutti i dispositivi, eccetto Kindle

Cloud: Sì Scopri di più

Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

L’Italia è un paese sempre in cerca della verità, incapace di fare i conti col proprio passato. Il doppio livello non è la fotografia di una mente diabolica che avrebbe deciso i destini del nostro paese. Il doppio livello è un progetto di potere, chiaro e organizzatissimo, il cui esito finale è sempre stato quello di camuffare e coprire con “false bandiere” il reale corso degli avvenimenti. Non un contropotere, ma il potere tout court: cinico, invisibile, violento. In questo libro trovate i nomi e le biografie di chi è coinvolto nella destabilizzazione che ha segnato il nostro paese, da Portella della Ginestra fino ai delitti eccellenti di Falcone e Borsellino passando per piazza Fontana, l’Italicus, piazza della Loggia, la P2, Gladio... Un lavoro di ricostruzione durato anni che, senza dietrologie, collega piste disseminate in decine e decine di procedimenti giudiziari. Un materiale enorme, fatto anche di testimonianze inedite e decisive come quella di un ex appartenente a Gladio che molto sa sulle dinamiche della strage di Capaci e sul perché la mafia c’entri solo in parte. L’autrice racconta la nascita della cosiddetta Rete atlantica e come sia stato possibile che uomini della Nato operativi nelle basi italiane e funzionari Cia abbiano stretto legami forti con appartenenti a gruppi neofascisti, da Ordine nuovo ad Avanguardia nazionale. Molti di questi diventeranno pedine dello stragismo. Il doppio livello cerca ambienti in cui infiltrarsi o da costruire ad hoc, come nel caso della P2. E uomini di fiducia, come Giulio Andreotti. Il libro dimostra che l’Italia è stata per anni eterodiretta, complice anche la fragilità istituzionale, e c’è già chi legge gli ultimi avvenimenti politici come una possibile ricaduta in un passato che a maggior ragione oggi non dobbiamo dimenticare
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4,5
di 5
Totale 8
5
6
4
0
3
2
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Domenico West

    07/05/2020 10:32:28

    Una meticolosa raccolta di dati e documenti rendono questo libro molto attendibile. Non che questo servisse per confermare ulteriormente la grande preparazione della giornalista Stefania Limiti. Inoltre il testo risulta scorrevole. Consiglio la lettura a tutti gli appassionati ma soprattutto ai giovani ricercatori.

  • User Icon

    STEFANO

    06/01/2019 11:03:43

    La giornalista con cura e dovizia nei particolari descrive un determinato periodo storico. Libro scorre bene, fonti ben documentate.

  • User Icon

    Freedom

    01/11/2018 11:00:52

    La massa di notizie e protagonisti può indurre il lettore ad un certo sconforto, ma è ciò che accade, a quanto pare, ed è necessario sapere. Libri come questo ed autori come Stefania Limiti vanno letti ed ascoltati sempre di più!

  • User Icon

    Massimo

    01/10/2018 17:38:03

    Il materiale è prezioso.Merita 5stelle anche solo per i due capitoli finali:"L'uomo del doppio livello" e "False bandiere a Capaci".Argomenti da trattare a scuola da parte di volenterosi insegnanti

  • User Icon

    Paolo

    01/10/2018 12:12:59

    Bellissimo libro . Molto dettagliato Brava come sempre . Consigliatissimo.

  • User Icon

    Giacomo

    20/05/2017 13:47:57

    Accurata e dettagliatissima indagine dei grandi piani congegnati per indebolire l'Italia da attori sia interni ed esterni al panorama nazionale. Fortemente consigliato.

  • User Icon

    leonidas

    08/02/2017 19:50:55

    Convengo col giudizio di cui sopra, manca una chiara chiave interpretativa...

  • User Icon

    farside66

    07/07/2013 11:36:26

    Il voto 3/5 è la media tra il 5 per la vastità delle fonti utilizzate e il 2 per la capacità di gestione e sintesi di dette fonti. Anche il lettore esperto, infatti, si trova disorientato dal diluvio di sigle, organizzazioni, entità dello "stato parallelo": SIFAR, SID, SISMI, SISDE, Supersid, Supersismi, Anello, Gladio, P2, Ordine Nuovo, Ordine Nero, Avanguardia Nazionale, Noto Servizio, Rete atlantica, Organizzazione O, Osoppo, Nuclei Difesa Stato, CIA, Magliana, Agenzia del crimine, mafia, BR ecc. ecc. Alla fine sembra una lotta di tutti contro tutti, senza una convincente interpretazione che riassuma modus operandi e strategie dello stato parallelo (a parte la destabilizzazione per stabilizzare, che è tesi peraltro non nuova). In mezzo a ciò, anche alcune inesattezze: la Digos nel 1970 non esisteva (p. 131), anche Maletti e Labruna erano nelle liste P2, non solo Casardi (p. 354), i Nuclei Difesa Stato erano stati già ampiamente scoperchiati nella prima istruttoria su Piazza Fontana senza aspettare Salvini negli anni 90 (p. 144). In conclusione: i lettori esperti devono assolutamente averlo nella loro libreria (pur con le avvertenze di cui sopra) per la miriade di dati e fonti citati; chi voglia farsi un'idea dei nostri poteri occulti è meglio si indirizzi su altri libri.

Vedi tutte le 8 recensioni cliente
  • Stefania Limiti Cover

    Stefania Limiti è nata a Roma ed è laureata in Scienze politiche. Giornalista professionista, ha collaborato con varie testate, in particolare con il settimanale «Gente», su temi di attualità e di politica internazionale. Inoltre ha lavorato per «l’Espresso», «Left», «La Rinascita della Sinistra» e «Aprile». Si è dedicata negli ultimi anni alla ricostruzione di pezzi ancora oscuri della storia italiana attraverso la lettura delle sentenze giudiziarie e interviste ai protagonisti. Segue con molta attenzione la questione palestinese e ha scritto I fantasmi di Sharon (Sinnos 2002), nel quale ricostruisce la strage nei campi profughi di Sabra e Shatila e le responsabilità libanesi e israeliane,... Approfondisci
Note legali
Chiudi