Categorie
Traduttore: Y. Mélaouah
Editore: Feltrinelli
Collana: I narratori
Anno edizione: 2003
Pagine: 312 p.
  • EAN: 9788807016356
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 13,60

€ 16,00

Risparmi € 2,40 (15%)

Venduto e spedito da IBS

14 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Aggiungi al carrello

€ 8,64

€ 16,00

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

Cosa succede se un dittatore brasiliano decide di fuggire al suo ruolo e alle «folle massacranti»? Semplice: si procura un sosia in tutto e per tutto identico a lui, lo colloca al suo posto e si trasferisce in Europa, godendosi la bella vita. E se il sosia si stanca di recitare in segreto e, innamorato del cinema, decide di diventare attore? In questo caso non gli resta che fuggire a Hollywood e trovare un altro sosia che lo rimpiazzi. E se quest'ultimo si innamora e progetta di fuggire con la donna amata? Nessun problema, a patto che trovi un sostituto, o ancora meglio una coppia di sostituti (due gemelli), che possano continuare la sua opera di copertura del dittatore reale. Ma in tutto questo turbinio di originali e modelli identici all'originale, che fine farà il vero dittatore? La sua sorte è stabilita da un inesorabile destino, che non potrà non avverarsi…
Il nuovo romanzo di Daniel Pennac propone una storia semplice e nello stesso tempo complessa: alla trama apparentemente lineare si affiancano molteplici digressioni e vicende collaterali, che intrecciandosi creano un romanzo composito, in cui si fondono fantasia e realtà, finzione e autobiografismo. Il libro è diviso in sei parti. Dopo l'iniziale racconto della parabola esistenziale del dittatore "agorafobico" Manuel Pereira da Ponte Martins, la seconda parte, "Quello che so di Teresina", rappresenta una parentesi autobiografica nella vita dell'autore che racconta come il romanzo sia stato ispirato da un viaggio nelle regioni interne del Brasile. La terza, "La finestra", narra invece il destino del primo sosia, che lascia Teresina per diventare un grande attore ma morirà, solo, in una sala cinematografica durante la proiezione de Il grande dittatore. L'autobiografismo torna a mescolarsi alla narrazione nelle due sezioni successive, "La tentazione dell'Interno" e "L'opinione di Sonia", la cui protagonista è una figura femminile. Si tratta di Sonia, la maschera che trova il corpo senza vita del sosia nel cinema. Con un passaggio insolito, la donna passa dallo statuto di personaggio a quello di persona reale e diventa una disegnatrice, che Pennac e la moglie Minne incontrano a Parigi per saperne di più sul sosia. Inframmezzate a riflessioni e ricordi personali, si susseguono le chiacchierate, gli incontri dell'autore con il proprio personaggio fattosi persona in carne ossa, ben decisa a fare le pulci al romanzo che la racconta. Dopo avere raccontato la propria storia, Sonia chiede a Pennac di svelare che fine abbia fatto il secondo sosia. Ecco dunque che con l'ultima parte del romanzo, "Da un sosia, l'altro", l'intera vicenda giunge all'epilogo, il cerchio si chiude e si riannodano le molteplici fila della narrazione. Romanzo originalissimo nei temi e nella struttura, Ecco la storia è una storia piacevole, ricca di ironia, vivacizzata dai continui scambi di ruolo dei personaggi e delle voci narranti. Ma è anche e soprattutto una riflessione sull'identità, sul beffardo gioco di maschere della vita e un raffinato metaromanzo sui fattori che contribuiscono alla nascita dei personaggi e delle storie.

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    francesco luddeni

    14/05/2012 15.10.53

    Letti altri libri di Pennac, interessanti e divertenti; ma questo è veramente rivoltante (per usare un eufemismo...)

  • User Icon

    walker

    31/08/2011 22.24.11

    Non capisco tutte queste recensioni negative.Io questo libro personalmente l'ho adorato:stupenda la storia del sosia del dittatore e molto interessante la parte autobiografica.Preferisco di gran lungo questo libro a quelli del ciclo di malaussene.

  • User Icon

    Emilio

    26/04/2006 16.19.54

    E' un progetto rivoluzionario e riuscitissimo. Non c'è da stupirsi se qualcuno non lo ha compreso fino in fondo. L'eccezionalità è, che, nella sua originalità, rimane comunque perfettamente fruibile ed emozionante, come è sempre Pennac

  • User Icon

    serena

    17/09/2005 12.06.38

    ho letto molti commenti negativi su questo libro...sl per il fatto che è decisamente diverso dalla saga malaussen non significa ceh sia da buttar via!io l'ho trovato decisamente divertente, spassoso, anke se, cm ha detto qualcuno, a volte tende troppo alla digressione...ma ki vuole, e ki può, riesce tranquillamente a seguire il filo!complimenti a pennac...davvero grande!

  • User Icon

    fabio j.

    16/10/2004 10.07.43

    A me il ritmo lento del romanzo è piaciuto ed il finale è geniale. Pennac è uno scrittore che si mette in discussione e tenta qualcosa di nuovo: massimo dei voti!

  • User Icon

    gioclara

    10/07/2004 00.34.40

    conosco tutto di pennac (tranne le storie x bimbi) è uno dei miei scrittori preferiti tranne che per un titolo, signmori bambini, a mio rigurado non a livello delle altre sue opere. dopo aver letto ecco la storia rimane uno dei miei scrittori preferiti anche se lui non c'era nel romanzo. si, era autobigrafico in parte, ma lui, il daniel del"crastaing lo urlava senza alzare la voce", il daniel del "diritto a tacere", il daniel del "il peggio nel peggio è l'attesa del peggio", non c'era. ho cercato di trovarlo, tra una storia e l'altra, ma avevo solo una grande confusione. mi sono divertita, però...la storia, l'impostazione, la stesura è molto originale e particolare... bisogna avere pazienza per leggerlo tutto, ma è uno di quei libri che temprano un Lettore(o meglio un aspirante Lettore!!!), un'sperienza di lettura non sempre piacevole ma utile e perchè no interessante. per chi, nei libri si prova.

  • User Icon

    Dan

    08/07/2004 14.26.22

    Il primo libro di un autore lo si legge a cuore aperto, senza pregiudizi, senza aspettarsi nulla in particolare e allo stesso tempo aspettandosi tutto...bisognerebbe mantenere sempre quello spirito. Richiedere la "ripetizione" mi sembra molto riduttivo ma perfettamente in linea con i tempi che corrono. Peraltro i "voli pindarici" nella narrazione di P. ci sono sempre stati, è cambiata solo la forma; si passa dal reale alla finzione fino a non distinguerle più, cosa che trovo assolutamente geniale. L'idea è bella e lo sviluppo supera ogni immaginazione, non sai mai cosa aspettarti dalla pagina successiva e nonostante le mille direzioni che prende la narrazione alla fine il cerchio si chiude perfettamente. E’ un bellissimo libro e lo consiglio a tutti coloro che propendono all’evoluzione.

  • User Icon

    Paolo

    08/03/2004 19.39.10

    E' un libro stupendo, e poi, inutile mentirlo, non a tutti può piacere. Le prime 50-60 pagine risultano un po' difficili da capire, devi entrare nel mirabolante meccanismo di questo metaromanzo, poi ti coinvolge e si finisce benissimo. Certo, va detto, è un libro tanto bello quanto conturbante e rivoluzionario: in questo sta la sua bellezza, in questa digressione (ed anche nello stile di Pennac, sempre uguale e sempre impeccabile). Stupenda la descrizione della coscienza del secondo sosia mentre muore al cinema e guarda The gret dictator, è il pezzo più bello del libro insieme al finale e alla figura di Sonia. Non c'è che dire, a me è piaciuto molto. E' il romanzo della maturità di Pennac. Un romanzo che è un finissimo ed avventuroso gioco di specchi della vita.

  • User Icon

    pulciotta

    03/03/2004 17.32.05

    ho letto tutto di pennac e mi è piaciuta molto la saga malaussene, signori bambini non è eccezionale ma buono come un romanzo è molto interessante ed anche divertente ma questo...veramente deludente! non l'ho finito anche se mi riprometto di farlo ma se l'ho lasciato...non penso migliori anche andando avanti!

  • User Icon

    Matty

    30/01/2004 14.26.40

    Ho letto tutti i libri di Pennac e tutti mi sono piaciuti, tanto che oggi lui è il mio autore preferito. E decisamente non ho trovato nulla di male in questo libro. Premetto che non è certo uno dei migliori, ma è sicuramente molto meglio di altri miliardi di libri in circolazione e sono contento che sia stato in vetta alle classifiche. E la storia è perfetta. L'idea c'è ed è stata realizzata. Molto interessante anche la parte autobiografica e il capitolo finale. E' un autore che scrive quello che sente e come si sente di raccontarlo. E se a qualcuno non piace... peccato!

  • User Icon

    Andrea

    20/01/2004 23.00.38

    Anch'io all'inizio ci ho messo un po' di tempo per prendere il via...bisogna entrare nel meccanismo, perchè non è certo un romanzo classico, anche rispetto alla ormai collaudata ma fantastica saga Malaussene. Ma poi, lo ho trovato davvero fantastico e il modo con cui Pennac arriva al punto finale, spalmando la storia strato su strato, è geniale.

  • User Icon

    Emanuela

    12/01/2004 15.43.31

    Noioso... E' la prima cosa che mi viene in mente ripensando al libro. Non sono nemmeno riuscita a finirlo!!!

  • User Icon

    Claudio

    31/12/2003 18.26.42

    ... quanti commenti! Allora dico anche io la mia. L'ho comprato a Ottobre e l'ho finito due giorni fa (e ho detto tutto)... certo scritto (tradotto) bene, l'idea è carina, la digressione è suggestiva, anche la copertina è bella... ma "Ecco la Storia" si avvicina solo minimamente allo stile dell'autore. Non completamente da buttare via: interessanti i richiami all'origine del cinema e la figura del dittatore di chaplin è - soprattutto di questi tempi - una caricatura interessante. Chissà quanti sosia ci sono al nostro governo! Buon Anno Nuovo a tutti. Ciao, ben

  • User Icon

    Franco

    25/11/2003 15.55.26

    La fortuna di Pennac (e di conseguenza la sfortuna nostra in quanto acquirenti) è di essere famoso per altri lavori che ho reputato quasi tutti eccezzionali. Fosse il suo primo libro, e dipendesse da me, sarebbe anche l'ultimo. Non si ha mai la sensazione, andando avanti nella storia, che possa migliorare e, infatti, non migliora. Prezzo oltremodo esagerato.

  • User Icon

    Silvia

    13/11/2003 17.32.56

    Non sono rimasta delusa perche' mi aspettavo un altro romanzo alla Malaussene, ma perche' e' un romanzo slegato, che sembra cercare artifici per puntellarsi fino alla fine (per esempio l'invenzione di Sonia personaggio/essere reale). Troppo indulgente verso se stesso questa volta Pennac

  • User Icon

    Mack

    01/11/2003 21.40.08

    Un libro sull'arte di scrivere, gradevole anche se un po' incompiuto. Deliziose le analisi dei personaggi. Ottimi gli spunti di riflessione e approfondimento sula vita in america latina e sulla Cinematografia del 900

  • User Icon

    Angela M.

    21/10/2003 04.02.44

    Peccato. Poteva essere bello, ma non ci è riuscito.

  • User Icon

    Elisabetta

    10/10/2003 17.24.44

    Pennac assai deludente! Già "Ultime notizie dalla famiglia" concludeva mediante un'opera prettamente commerciale la bellissima di saga di Malaussene, ma quest'ultimo romanzo è indegno dello scrittore francese.

  • User Icon

    Gianni Davico

    29/09/2003 15.12.43

    è un romanzo gradevolissimo, leggero, avvincente - da consigliare sopratutto a chi non conosce ancora Pennac e non è condizionato dalla saga di Malaussene. il difetto che gli si può trovare è la troppa "voglia di digressione", che rischia di far perdere il filo.

  • User Icon

    laura

    27/09/2003 21.41.59

    non conoscevo l'autore ed era il primo libro che leggevo......sarà anche l'ultimo,non sono riuscita a finirlo.... e pensare che è in cima a tutte le classifiche di vendita mah!

Vedi tutte le 36 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione