Recensioni L' educazione sentimentale

  • User Icon
    17/11/2013 18:42:11

    All'inizio, e per buona parte del romanzo, il protagonista, Frédéric Moreau, mi ha suscitato un'istintiva antipatia; mi sembrava uno smidollato, un individuo le cui buone o cattive azione fossero determinate dagli eventi esterni e mai dalla sua volontà. Poi, mettendo da parte i miei pregiudizi, ho capito che si trattava di un giovane di vent'anni libero e benestante, dunque senza preoccupazioni di natura materiale, e alla ricerca del soddisfacimento del proprio piacere inteso come unica via per la felicità. In lui ho visto quale può essere la natura di un ragazzo di quell'età. E attraverso le sue storie amorose la natura, anch'essa sempre attuale, di varie tipologie di donne. Per quanto riguarda lo stile, non ho apprezzato le lunghe e dettagliate descrizioni che mi facevano perdere il filo del racconto; mentre ho apprezzato il linguaggio veritiero e mai edulcorato dell'autore anche a riguardo di situazioni scabrose, il che rende il romanzo davvero moderno. Va detto, infine, come spesso il racconto prenda delle svolte improvvise e impensabili, una cosa decisamente inconsueta. Ad ogni modo, un romanzo che lascia il segno e che va a lungo meditato, specie se lo si legge da giovani.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    19/06/2010 19:48:08

    il romanzo è molto bello, molto descrittivo e ricco di particolari. forse è il numero di personaggi che mi ha fatto rallentare la lettura. può essere un quadro della francia ai tempi dell'autore

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    11/06/2008 20:46:45

    Se fossimo obbligati a portare un solo libro su un isola deserta, questo è il libro da portare, lo porteremmo non solo perchè avremmo molto tempo libero a disposizione ma perchè oltre al cielo, al mare, al sole e alle stelle, il tempo che trascorre inesorabile resterebbe il nostro unico compagno e potremmo amarlo solo attraverso le pagine del libro..

    Leggi di più Riduci