Traduttore: C. V. Letizia
Editore: Adelphi
Collana: Fabula
Edizione: 3
Anno edizione: 2006
Pagine: 309 p., Brossura
  • EAN: 9788845921186
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 9,99

€ 15,72

€ 18,50

Risparmi € 2,78 (15%)

Venduto e spedito da IBS

16 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Fabio Andreozzi

    13/09/2013 19:07:04

    Mentre lo leggevo, mi capitava di scoppiare a ridere come uno scemo. Coinvolgente...

  • User Icon

    Alessandro

    21/07/2012 16:28:59

    Prosegue il gioco delle "Ceneri": invece di creare una storia tout-court, il buon Frank continua a raccontare la storia della propria vita, con tono confidenziale e un linguaggio da padre/amico. Se il contenitore è quindi lo stesso, il contenuto no: le vicende del prof McCourt, tra scenette buffe e racconti "di vita", non hanno nulla di particolarmente significativo od originale. Francamente questa lettura mi ha dato la stessa sensazione dell'ascolto di una persona che crede di far ridere ma non ci riesce affatto; e di fronte alla quale, però, "devo" ridere perchè di mestiere fa il comico.

  • User Icon

    mariavittoria

    10/01/2008 10:49:29

    Un libro che mi è piaciuto molto. L'autore sa trasmettere emozioni ed è capace di far sorridere scrivendo in modo leggero.

  • User Icon

    vincenzo

    26/11/2007 23:29:58

    Dopo aver felicemente narrato la sua infanzia irlandese e la sua vita di adulto americano, McCourt ci regala un aspetto particolare della sua esperienza: l’insegnamento. Lo stile è quello di sempre: scoppiettante ed immediato, ironico e sornione, ma l’effetto è del tutto differente. Il libro manca di una sua coerenza narrativa, si disperde in mille rivoli, in tanti bozzetti autoconclusivi privi di qualsiasi amalgama.; e mai offre un vero sguardo d’insieme o un approfondimento su un qualsiasi aspetto dell’insegnamento in America. Ricorda da vicino quegli album musicali editi in un momento di scarsa ispirazione costruiti tramite il riciclaggio degli scarti di album precedenti. Qualche buon spunto non sviluppato, tante ripetizioni, più che dei personaggi dei comprimari. L’interesse è tutto legato all’aspettativa creata dalle belle prove precedenti; è, in fondo, una lettura sulla fiducia, forse, in questo caso, mal riposta.

  • User Icon

    Lucia

    11/03/2007 18:06:32

    McCourt parla di se stesso, come uomo e come insegnante. Ne scaturisce un'autobiografia ironica e ricca di spunti di riflessione, nonchè una lettura piuttosto piacevole, scorrevole e godibile. Non un capolavoro, non il romanzo che ti rimmarrà nel cuore, ma comunque un libro ben scritto che fa sorridere e, a volte, riflettere.

  • User Icon

    Ernesto Genoni

    09/02/2007 15:12:03

    Nella pubblicazione si trovano diversi spunti di riflessione e divertenti anneddoti tutti immancabilkmente, per me, sintomatici e rilevatori di una classe docente ed un bacino di utenza scolastica, come dicevano anche altri simpatici estimatori del libro, alla ricerche di radici, alla ricerca afflosciata del proprio sè che gira intorno a gratificazioni di tipo elementare e godereccio: il panino. Il libro, con fare istrionico, e sottili pungenti riferimenti ad un effimero cela con "candore" la denuncia di ricorrenti incongruenze idtituzionali. L'appagamento con un panino ai peperoni, che il professore sottrae ad un allievo, è il classico colpo di scena, filone dominante del libro, che sottolinea una voglia di abbandono delle regole, per sfinimento, e libera fuga in momenti di evasione totale da un ambiente che non gratifica chi si impegna veramente.

  • User Icon

    andrea61

    10/01/2007 08:23:53

    Gradevole. Lo stile è piano, conversevole. La narrazione scorre sui fili della memoria pubblica dell’insegnante e di quella privata dell’immigrato irlandese. Principale è il racconto di una dissestata “carriera” professionale. Numerosi e simpatici gli aneddoti e le notazioni su un Prof e i suoi studenti impegnati ( e disimpegnati) nella ricerca di sè.

  • User Icon

    donato

    22/12/2006 12:07:49

    una lettura vivace, briosa, piena di spunti, di considerazioni profonde ed originali. una lettura estremamente piacevole e divertente, apprezzabile da tutti ma, in modo particolare, secondo me, da chi vive quotidianamente il rutilante mondo della scuola: fatti di alunni svogliati, pigri, originali, curiosi, taglienti e sinceri. sempre pronti a metterti di fronte a sfide nuove, prove diverse ogni giorno, e capaci, come pochi, di farti continuamente interrogare su chi sei veramamente. un libro fatto bene, scritto bene.

Vedi tutte le 8 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione

«In Che paese, l'Americaho raccontato la mia vita qui e i miei inizi di insegnante. Ma una volta uscito il libro mi è venuto l'assillo di aver dato troppo poco risalto all'insegnamento. In America i medici, gli avvocati, i generali, gli attori, i personaggi televisivi e gli uomini politici godono di prestigio e di vantaggi economici. Gli insegnanti no. L'insegnamento è la cenerentola delle professioni.» Ecco come Frank McCourt racconta, in uno sfogo accorato, la nascita del suo nuovo libro che ci svela un altro capitolo della sua vita: gli anni dedicati alla scuola.
Dopo l'infelice infanzia irlandese, narrata nelle Ceneri di Angela, e il trasferimento e l'incontro con la nuova realtà degli Stati Uniti, descritto in Che paese, l'America, lo scrittore decide di raccogliere in un libro i ricordi della sua trentennale esperienza professionale tra i banchi degli istituiti tecnici e i licei americani. Il risultato è un terzo romanzo autobiografico in cui la leggerezza, l'ironia e la comicità che caratterizzano lo stile narrativo di McCourt si fondono in una lettura piacevole, che emoziona, fa riflettere e sorridere. Come non appassionarsi di fronte al suo racconto del primo giorno di carriera «in cui – ricorda tra il malinconico e il divertito – rischiai di farmi licenziare per aver mangiato il panino di un alunno» (lanciato a tradimento e caduto a terra) sotto lo sguardo attonito degli studenti? Come non lasciarsi coinvolgere dai ritratti coloriti dei moltissimi rissosi e pestiferi alunni che incontrò sulla sua strada, di cui descrive con acume e grande profondità le imprese e la spesso assai complicata psicologia? Sarà facile seguire queste piccole e grandi disavventure di un insegnante originale, che si riconferma senza dubbio un grande scrittore, un autore che ha molto da raccontare e che lo fa nel modo migliore, riuscendo sempre a stupire e deliziare i suoi lettori.