Enigmi astrofisici. Dal Big bang al multiverso

Corrado Ruscica

Editore: Macro Edizioni
Formato: EPUB
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 494,39 KB
  • EAN: 9788878691100
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Disponibile anche in altri formati:

€ 5,90

Venduto e spedito da IBS

6 punti Premium

Scaricabile subito

Aggiungi al carrello Regala

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Descrizione
Da cosa ha avuto origine l'universo? Che cosa c'era prima del Big Bang? Quale sarà il destino del cosmo? Esistono altri universi al di fuori del nostro? Assieme alla necessità di rispondere alle grandi domande esistono, da un lato, problemi di natura teorica, cioè la ricerca di teorie che siano in grado di spiegare certi fenomeni fisici o alcuni dati osservativi, e dall'altro problematiche di tipo sperimentale, ossia la difficoltà di realizzare esperimenti in laboratorio che siano in grado di studiare un particolare fenomeno fisico da cui sia possibile verificare o smentire una teoria. In tal senso, un esempio ci viene dato dai fisici delle particelle attualmente impegnati a verificare l'esistenza o meno dell'ormai famoso bosone di Higgs. Si tratta dell'ultimo tassello mancante che fu introdotto negli anni '60 dal fisico teorico Peter Higgs per spiegare nell'ambito del modello standard il meccanismo che determina l'origine della massa delle particelle elementari. La non esistenza del bosone di Higgs rappresenterebbe un grosso problema per la fisica poiché implicherebbe che tutte le particelle si muovano alla velocità della luce, un fatto che non si osserva in natura. Di fatto, una delle motivazioni scientifiche che ha portato alla realizzazione del più grande collisore di particelle, il Large Hadron Collider (LHC) del Cern, è proprio quella di condurre una serie di esperimenti per tentare di osservare questa particella elusiva alla quale si dà la caccia da oltre quarant'anni. Ad oggi, due esperimenti di LHC che utilizzano i rivelatori ATLAS e CMS hanno ulteriormente limitato l'intervallo dei valori della massa che dovrebbe avere il bosone di Higgs, ottenendo così dei risultati che sebbene preliminari non sono comunque sufficienti per trarre delle conclusioni definitive sull'esistenza o meno dell'altresì nota "particella di dio". La caccia dunque continua...