Editore: TEA
Collana: Teadue
Anno edizione: 2018
Formato: Tascabile
In commercio dal: 15 marzo 2018
Pagine: 294 p., Brossura
  • EAN: 9788850249374
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Descrizione
«Un libro generazionale ricco di umorismo e di battute, con un'attenzione quasi sociologica a quel mondo di "forever young"... la tipica atmosfera della contemporaneità giovanile notturna.» - Edmondo Berselli, la Repubblica

Tra passioni calcistiche e letterarie, immerso nella vita bohémienne di una Bologna seducente, che regala forti emozioni musicali e frequenti trasgressioni alcoliche, un giovane scrittore appena abbandonato dalla ragazza (che gli ha preferito un ultrà neonazista) riesce a far pubblicare il suo libro da un piccolo editore locale. Sembra un primo importante successo, ma è in realtà l'inizio di una serie di avventure al limite del surreale, con il protagonista costretto a promuovere da solo il romanzo, girando con una vecchia Panda nelle librerie di provincia e facendo fronte a ogni tipo di scherzo del suo destino bizzarro. Un romanzo dalla scrittura rapida e efficace, il ritratto di una Bologna giovane, piena di vita e di passioni.

€ 8,50

€ 10,00

Risparmi € 1,50 (15%)

Venduto e spedito da IBS

9 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Michele

    23/09/2018 20:15:19

    Romanzo carino e profondo con molte sorprese per il lettore. Non mi aspettavo un libro così bello e originale. Piacevole sorpresa.

  • User Icon

    davide

    18/09/2018 10:26:44

    Ambientato in una Bologna "allucinata", un romanzo divertente, tagliente, a tratti scalcinato. Mi ha ricordato i romanzi di Nick Hornby, sicuramente fa venir voglia di leggere altre opere dell'autore.

  • User Icon

    angelo

    24/06/2018 14:39:35

    Ingredienti: uno svogliato studente universitario bolognese, tre passioni-ossessioni che lo portano alla dannazione (musica, scrittura e donne), vari incontri con individui improbabili ma realistici (l’Orrido, il Kriminal, i Demoni), una vita fatta di sbronze, lavori precari, partite allo stadio, fumetti e…disfunzioni erettili. Consigliato: a chi è stato ventenne negli anni ’90, ai tifosi del Bologna, agli amanti dei Beatles e Bob Dylan, ai fans di Bukowski.

  • User Icon

    Gizzy

    10/11/2009 11:58:38

    Volete leggere qualcosa di spassoso e scorrevolissimo? Ecco qui il libro che fa per voi! Era davvero da tempo che non mi divertivo e rilassavo così nel leggere un libro. Aggiunta doverosa: il fatto che sia spassoso non vuol dire che sia una specie di "cinepanettone letterario" (ammesso e non concesso che i "cinepanettoni" facciano ridere qualcuno). Morozzi scrive davvero bene...Consigliato !

  • User Icon

    franx

    28/07/2009 09:10:33

    Molto molto divertente! Alcune trovate sono geniali!

  • User Icon

    Marco

    25/05/2009 23:55:18

    Bello, bello, bello, una piacevolissima compagnia e tante risate in un libro scritto con uno stile nuovo e piano di spunti interessanti.

  • User Icon

    Aldo

    07/01/2009 16:38:42

    Ragazzi, credo sia il libro più divertente, intelligente ed avvolgente che abbia mai letto!!! Avevo amici di fianco mentre lo leggevo e mi chiedevano se stavo bene perchè m,i venivano le lacrime dal ridere!!! Grandissimo Morozzi, finalmente ho avuto il piacere di scoprire (scusate il ritardo) uno degli autori italiani più bravi nel loro genere!

  • User Icon

    Oscar Grimaldi

    16/12/2008 13:09:27

    Morozzi è stato una piacevolissima scoperta. Consigliato agli appassionati di Welsh e Bukowski. Peccato che si perda un pò nel finale

  • User Icon

    Almodna

    01/09/2008 14:11:06

    Primo libro letto di Morozzi. Che dire: mi sono innamorato. Del modo di scrivere dell'autore, di Electra, della Betty e nientepopòdimenoche del mitico ORRIDO. Non provavo queste sensazioni dalla lettura di Irvine Welsh 'COLLA', con la differenza che qui si ride ancora più di gusto... Per tre giorni non vedevo altro che i protagonisti del libro scorrermi davanti agli occhi. COMPLIMENTI GIANLUCA!

  • User Icon

    Claudio

    21/01/2008 23:01:10

    Dai commenti mi aspettavo molto di più

  • User Icon

    Marcello T

    19/01/2008 14:03:56

    1° libro letto di Morozzi: non ho smesso di ridere per un mese pensando a Lajos. Mi ha fatto tornare indietro di 15 anni; grazie di cuore da un giovane 35enne. Come gia' stato detto: Morozzi dacci altri animali

  • User Icon

    Mauro

    10/09/2007 10:19:58

    Descrizione semidelirante ma del tutto verosimile delle (dis)avventure di un gruppo di amici-musicisti che navigano a vista in quello che potrebbe essere l'ambiente underground di una qualsiasi grande città italiana. I personaggi sono tutti a modo loro eccessivi, imprevedibili, schizofrenici nè più e nè meno come le situazioni che si trovano ad affrontare e che Morozzi descrive in un buon italiano pur nella necessità di raccontare di un ambiente dove probabilmente l'uso della lingua non è così accurato ma, grazie alla sua bravura, ne esce una fotografia piuttosto fedele di certe periferie urbane. Bel lavoro

  • User Icon

    Paolo

    08/09/2007 23:15:49

    Bel libro, estremamenedivertente, se poi avesse anche una trama potrebbe aspirare a essere un "gran libro". Probabilmente dice poco a chi non condivide le passioni del'autore, ma a chi può identificare qualche amico nell'Orrido o qualche locale frequntato nel Kademandorli (o peggi oancora nell'ARCI Zapata) può dire molto.

  • User Icon

    Ciccio

    07/06/2007 19:05:42

    MITICO!!!!

  • User Icon

    Jojablu

    15/02/2007 23:26:43

    e pensare che non siamo spariti dall'universo grazie ad Elettra... chi l'avrebbe mai detto. Divertente, molto divertente. Il bello è che non vuoi vedere come va a finire, ma vuoi stare in compagnia di Lajos e dei suoi amici il più possibile. In effetti, pensi, se certe cose fossero andate in maniera diversa, potresti anche tu essere tra di loro la sera in un locale o la domenica allo stadio. In sostanza un grande inno all'amicizia.

  • User Icon

    Franz

    09/01/2007 18:55:33

    ...io leggo pochissimo, ma questo libro me lo sono bevuto in un giorno! DIVERTENTISSIMO!!!

  • User Icon

    aldodieci

    23/12/2006 00:55:22

    2. Non è uno perchè fa ridere indiscutibilmente, e perchè Blackout era ben costruito e ben scritto. Qua si sprecate i 5 solo perchè avete fatto due risate? Ma se questo libro è uguale ai racconti usciti prima da fernandel!!! Il sapore è quello degli scarti, b-side e scene tagliate, rimontate per guanda. aspettiamo i prossimi e basta con sti studenti bolognesi mantenuti a

  • User Icon

    max

    05/12/2006 19:52:28

    Questo romanzo scoperto da pochi giorni è semplicemente spettacolare. Esilarante. Travolgente. Mi ha rubato una notte di sonno perchè non riuscivo a smettere di leggere la storia incredibile di Lajos (Detari) ed Elettra con ricco contorno di amici, nemici, ricchi premi e cotillons. Elettra o, per meglio dire, la soppressione dalla faccia della terra di tale sciagura umana (umana?) è una missione che potrebbe degnamente riempire una vita. Esagerato, esasperato, subdolo, furbo oltre ogni limite... Facci altri animali, Morozzi. Ti prego, facci altri animali!!!

  • User Icon

    diego

    06/11/2006 18:05:24

    Dopo una prova più che convincente e densa di suspence come "Black Out" è alquanto frustrante imbattersi in questo "incidente di percorso", dove il migliore John King e il padre putativo Irvine Welsh vengono masticati, mal digeriti e riproposti in in un contesto poco credibile..... Eppure l'ottimo Gianluca ha dato dimostrazione di potere/volere incendiare il famigerato piano padano con una naturalezza sconvolgente.... se solo volesse!!! Invece in questo caso c'è l'impressione di volersi accontentare, di fare il compitino alla ricerca di un sei stiracchiato e con lo scopo precipuo di muovere la classifica... proprio perchè conscio del fatto che il nostro può viaggiare ad altri livelli non mi sento di assolverlo dai suoi peccati... anche se le sue descrizioni di Bologna e suburbs sono così nitide ed emozionali che non fanno rimpiangere la lettura del libro.

  • User Icon

    Patroclo

    09/10/2006 13:20:08

    niente di particolarmente eccezionale od originale, ma un libro divertente che si legge in scioltezza, una sorta di "pendant" italiano di Nick Hornby. e poi si sente che l´autore é sincero, insomma che si diverte a scrivere quello che scrive, senza troppi autocompiacimenti.

Vedi tutte le 65 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione