Chiudi

Aggiungi l'articolo in

Chiudi
Aggiunto

L’articolo è stato aggiunto alla lista dei desideri

Chiudi

Crea nuova lista

Stripe PDP Libri IT
Salvato in 123 liste dei desideri
L' eredità dell'abate nero. Secretum saga
5,35 € 9,90 €
LIBRO USATO
Usato di: Libraccio venduto da IBS
+50 punti Effe
9,90 € 5,35 €
Disp. immediata Disp. immediata
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
5,35 € Spedizione gratuita
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Usato
Memostore
9,90 € + 5,00 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Usato Usato - Condizione accettabile
ibs
9,40 €
disponibile in 7 settimane Non disponibile
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
9,40 €
disponibile in 7 settimane Non disponibile
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
5,35 € Spedizione gratuita
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Usato
Memostore
9,90 € + 5,00 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Usato Usato - Condizione accettabile
Chiudi
L' eredità dell'abate nero. Secretum saga - Marcello Simoni - copertina
Chiudi
Chiudi

Promo attive (0)

Descrizione


Nella Firenze del Quattrocento si aggira un oscuro personaggio dalle origini ignote di nome Tigrinus. Il suo destino è intrecciato a quello dei potenti signori della città: i Medici.

Firenze, 21 febbraio 1459. Il banchiere Giannotto Bruni viene ucciso in circostanze misteriose nella cripta dell'abbazia di Santa Trìnita. L'unico testimone è Tigrinus, un giovane ladro di origini ignote, dai capelli neri striati di bianco, che paga caro l'avere assistito al delitto: immediatamente arrestato con l'accusa di omicidio, solo l'inspiegabile intervento di un uomo molto influente riesce a sottrarlo alla morte. Ma a quale prezzo? Da quel momento in poi Tigrinus sarà braccato e costretto a fronteggiare i tentativi di vendetta di Angelo e Bianca, il figlio e la nipote della vittima, convinti che meriti la forca. Mentre cerca di sfuggire ai parenti di Giannotto, il ladro scopre però qualcosa di decisivo per il proprio destino: la morte del banchiere è legata a un tesoro che si trova su una nave proveniente dall'Oriente. Per aver salva la vita, Tigrinus dovrà stringere un patto con il potente Cosimo de' Medici e affrontare un incredibile viaggio per mare, alla ricerca di un uomo sfuggente e imprevedibile. Un uomo che pare conoscere tutto sul suo misterioso passato... Un uomo chiamato l'abate nero.

Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2017
19 giugno 2017
347 p., Rilegato
9788822704474

Valutazioni e recensioni

4,33/5
Recensioni: 4/5
(24)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(12)
4
(9)
3
(2)
2
(1)
1
(0)
Nemociccio
Recensioni: 2/5
Storia piatta e scontata

L'inizio fa pensare ad una bella storia in ambiente storico medioevale, avvincente pronta a montare sempre piu. La descrizione dei contesti storici fa ben sperare ma dopo pochissime pagine tutto diventa pianto, scontato e alla fine non c'è più storia, Non solo capisci come finirà ma capisci anche che non devi aspettarti nulla di "movimentato dal finale. Deluso alla mia prima lettura di questo autore

Leggi di più Leggi di meno
marta
Recensioni: 5/5

La sua scrittura è perfetta, un tuffo nel nostro ormai troppo spesso maltrattato italiano, l'uso sapiente di termini antichi in un lessico moderno, una costruzione perfetta della storia, personaggi ricchi, ben delineati, avventura, ottime descrizioni paesaggistiche, la suspense e l'investigazione...non manca proprio nulla!

Leggi di più Leggi di meno
Fedex
Recensioni: 5/5

Libro davvero intrigante, al punto che non vedo l'ora di iniziare il secondo capitolo. Simoni, una volta di più, dimostra di avere la capacità di trascinare il lettore nella storia senza annoiare. Sono molto interessanti le personalità di tigrinus e Bianca, da un lato un uomo che porta in sé venature d'oriente e occidente, dall'altra una donna impavida. Davvero notevole.

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

4,33/5
Recensioni: 4/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(12)
4
(9)
3
(2)
2
(1)
1
(0)

Voce della critica

“Angelo rincasò con il sole ancora alto, dopo essersi fatto accompagnare da Teofilo Capponi fin oltre le botteghe del Ponte Vecchio con la scusa di discutere alcuni dettagli dell’accordo. Si sentì al sicuro soltanto quando fu davanti al portone del palazzo, ad accarezzare il desiderio di quiete assoluta”. (p. 101)

Siamo a Firenze, in pieno Rinascimento. Un ladruncolo da quattro soldi, Tigrinus, entra nella cripta dell’abbazia di Santa Trinità per rubacchiare quello che trova, ma contrariamente alle sue aspettative diventa spettatore in tempo reale di un omicidio. A farne le spese è un noto banchiere di Firenze, Giannotto Bruni, un uomo colto, potente e molto ricco. Tigrinus non vede in volto l’assassino, ma ascolta bene il battibecco che precede la pugnalata fatale. Peccato però che l’omicida riesca a fuggire, mentre lui viene arrestato e rischia di essere messo alla gogna in tempi brevi. Tutte le accuse sono contro di lui e i familiari della vittima, come la polizia del tempo, vogliono chiudere immediatamente il caso. Solo un uomo, molto potente, gli crede ed è proprio il grande Cosimo de’ Medici a volerlo tenere in vita. Ma a quale prezzo? Tigrinus si imbatterà in un percorso di minacce e ricatti, alla cui base c’è più di un tesoro prezioso…c’è la pura verità.

"Fu allora che Angelo notò l’appressarsi minaccioso di un terzo armigero. Temendo il peggio, riuscì finalmente ad afferrare la cugina per un braccio e a trascinarla via. <>, le sussurrò all’orecchio, cercando di ammansirla. <>.” (p. 29)

Thriller storico veloce e avvincente, in cui i fatti si susseguono linearmente e permettono alla lettura di scorrere rapida fino alla fine in poche ore. I richiami ai vecchi quartieri e ai personaggi storici della Firenze del 1400 denotano una grande ricerca di scrittura e di linguaggio da parte di Marcello Simoni, un classico ormai per questo scrittore. Un piccolo neo è legato alle avventure nel viaggio in mare, che vengono un po’ messe da parte rispetto all’intera vicenda, ma che avrebbero dato un tocco ancora più avvincente a tutta la trama.

“Niccolò Vitelli camminava tra la folla del mercato vecchio. Sforzandosi di non pensare alle perle del Malabar. Quella bisbetica di monna Bianca era stata attenta a rivelargli solo lo stretto necessario per ingraziarselo, ma lui aveva sufficiente esperienza per immaginarsi il resto” (p. 225)

Recensione di Marco Cattaneo

Leggi di più Leggi di meno

Conosci l'autore

Marcello Simoni

1975, Comacchio

Ex archeologo, laureato in Lettere, svolge il lavoro di bibliotecario. Ha pubblicato diversi saggi storici, ha partecipato all’antologia 365 racconti horror per un anno, a cura di Franco Forte (2011). Altri suoi racconti sono usciti per la rivista letteraria «Writers Magazine Italia». Con Il mercante di libri maledetti (Newton Compton 2011), il suo primo romanzo, ha vinto il Premio Bancarella. Nel 2012 sempre con Newton Compton ha pubblicato La biblioteca perduta dell'alchimista, nel 2013 Il labirinto ai confini del mondo e L'isola dei monaci senza nome. Del 2014 è L'abbazia dei cento peccati, e nello stesso anno il suo racconto "La prigione delle anime" appare nell'antologia Delitti di Capodanno, sempre per Newton Compton. Nel 2016 esce per Einaudi Il marchio dell'inquisitore,...

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Chiudi

Aggiungi l'articolo in

Chiudi
Aggiunto

L’articolo è stato aggiunto alla lista dei desideri

Chiudi

Crea nuova lista

Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore