L' eredità Ferramonti - Gaetano Carlo Chelli - ebook

L' eredità Ferramonti

Gaetano Carlo Chelli

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: Bibi Book
Formato: EPUB con DRM
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 374,58 KB
Pagine della versione a stampa: 150 p.
  • EAN: 9788899895488

€ 1,99

Punti Premium: 2

Venduto e spedito da IBS

EBOOK

Compatibile con tutti i dispositivi, eccetto Kindle

Cloud: Sì Scopri di più

Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Lo scrittore toscano è il primo narratore che sceglie di ambientare le proprie storie in una Capitale in piena trasformazione, in crescita come “l’mmoralità speculativa”, che vede la borghesia in ascesa muoversi scomposta e rampante. È la Roma di Gregorio Ferramonti, vedovo e soprattutto ricco. Svanita la speranza di vedere uno dei figli succedergli nell’attività, il vecchio mantiene intatta l’ingordigia d’avaro e vende il forno grazie al quale ha fatto fortuna. Da quel momento l’eredità è contesa fra i tre figli: Mario lo scavezzacollo viziato dalla defunta madre, “capace di ogni porcheria”, Pippo, ingenuo e sprovveduto alla mercé della moglie, e Teta, sottomessa all’avido marito Paolo Furlin. Attorno a tutti ruota lei, Irene Carelli, “dagli occhi profondi che illanguidavano all’ombra delle ciglia lunghissime”. Vuole la ricchezza, Irene, ed è disposta a tutto pur di vivere al di sopra del popolo che disprezza.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Gaetano Carlo Chelli Cover

    (Massa 1847 - Roma 1904) narratore italiano. Collaboratore della «Cronaca bizantina» e della «Domenica letteraria», pubblicò su vari periodici una dozzina di racconti. Fortuna postuma ha ottenuto, grazie anche alla trasposizione televisiva, il suo romanzo L’eredità Ferramonti (1883), primo di un irrealizzato ciclo sulla Vita romana. Nel solco della tradizione veristica, l’opera offre uno spaccato delle trasformazioni di Roma neocapitale: la saga di una famiglia di bottegai (in cui domina una figura di donna ambiziosa e ostinata) che mescola le proprie corruzioni private a quelle degli ambienti politici e finanziari. Più fiacco l’altro romanzo, La colpa di Bianca (1883). Approfondisci
Questo prodotto lo trovi anche in:
Note legali