DISPONIBILITA' IMMEDIATA

-15%
Estasi culinarie - Muriel Barbery - copertina

Estasi culinarie

Muriel Barbery

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Editore: E/O
Anno edizione: 2016
In commercio dal: 21 gennaio 2016
Pagine: 145 p., Rilegato
  • EAN: 9788866326991
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Nella lista dei desideri di 6 persone

€ 7,48

€ 8,80
(-15%)

Punti Premium: 7

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
spinner
PRENOTA E RITIRA
* Servizio momentaneamente attivo solo nella Regione Lazio. Scopri il servizio

Estasi culinarie

Muriel Barbery

Caro cliente IBS, grazie alla nuova collaborazione con laFeltrinelli oggi puoi ritirare il tuo prodotto presso la libreria Feltrinelli a te più vicina.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: {{item.Store.Phone}}

Fax: {{item.Store.Fax}}

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


Estasi culinarie

Muriel Barbery

€ 8,80

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: {{shop.Store.Phone}} / Fax: {{shop.Store.Fax}} E-mail: {{shop.Store.Email}}


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

Estasi culinarie

Muriel Barbery

€ 8,80

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

{{shop.Store.Phone}}


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Nel signorile palazzo di rue de Grenelle, già reso celebre dall'"Eleganza del riccio", monsieur Arthens, il più grande critico gastronomico del mondo, il genio della degustazione, è in punto di morte. Il despota cinico e tremendamente egocentrico, che dall'alto del suo potere smisurato decide le sorti degli chef più prestigiosi, nelle ultime ore di vita cerca di recuperare un sapore primordiale e sublime, un sapore provato e che ora gli sfugge, il Sapore per eccellenza, quello che vorrebbe assaggiare di nuovo, prima del trapasso. Ha così inizio un viaggio gustoso e ironico che ripercorre la carriera di Arthens dall'infanzia ai fasti della maturità, attraverso la celebrazione di piatti poveri e prelibatezze haute cuisine. A fare da contrappunto alla voce dell'arrogante critico c'è la nutrita galleria delle sue vittime (i familiari, l'amante, l'allievo, il gatto e anche la portinaia Renée), ciascuna delle quali prende la parola per esprimere il suo punto di vista su un uomo che, tra grandezze pubbliche e miserie private, sembra ispirare solo sentimenti estremi, dall'ammirazione incondizionata al terrore, dall'amore cieco all'odio feroce. Il romanzo d'esordio di Muriel Barbery.
3,06
di 5
Totale 30
5
5
4
10
3
2
2
10
1
3
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Elisa T.

    23/06/2019 21:01:54

    Come l'eleganza del riccio, anche in questa storia viene dedicata una buona parte all'empatia, in questo caso sul letto di morte di un famosissimo critico culinario. Anche in questo caso l'autrice punta l'attenzione alle persone, ai loro pensieri e alle loro sensazioni. Un punto di vista particolare che arricchisce ogni personaggio. Consigliato

  • User Icon

    valix1980

    24/01/2019 19:18:10

    Non mi è piaciuto. Molto meglio l'eleganza del riccio. Noioso, lento. Non consigliato!

  • User Icon

    Ch

    20/09/2018 19:39:27

    Libro molto scorrevole, un piacevole viaggio attraverso i sapori e le emozioni che essi suscitano fino al ricordo che il più grande gastronomo della Francia cerca disperatamente. Il valore delle cose semplici contrapposto all'ambizione e alla negazione delle emozioni stesse.

  • User Icon

    rossella

    20/09/2018 16:08:17

    Buona l'intelaiatura che sorregge la trama,interessante lo svolgimento. Lo stile di scrittura è assai evocativo e, in questo caso, parla alla nostra sensorialità in modo davvero efficace. Personalmente , però, trovo questo tipo di opere esercizi di stile, carenti dal punto di vista della rappresentazione dei sentimenti.

  • User Icon

    PV

    26/12/2014 08:24:39

    Bel libro: intelligente, originale, nonostante il tema - la cucina - negli ultimi quindici anni fin troppo sfruttato, scritto benissimo. E c'è anche una "morale": al termine del suo ultimo giorno di vita, dopo una affannosa ricerca del sapore unico e primario, l'arrogante, sofisticato, implacabile critico gastronomico, riscopre la semplicità, il sapore che, da bambino, gli donava momenti indimenticabili. Un ben libro che coniuga la complessità delle descrizioni con la semplicità del finale.

  • User Icon

    Maunakea

    05/04/2011 23:03:20

    Non mi è piaciuto, e dire che la trama, il cibo, la golosità, l'idea del critico, tutto in questo libro mi diceva che dovevo leggerlo. Non è questione di esser noioso, vari racconti che girano intorno alla figura del critico morente, ma è proprio la conclusione, il finale, l'arrivo del suo ultimo anelito e qui mi femro per non spoilerare, che trovo delidente a tratti irritante e, no, proprio stupido. Quindi 1 e mi liberererò pure del libro che ha la stessa verbosità ovviamente dell'eleganza del riccio ma in quel caso era meno fastidiosa. Pubblicato in precedenza come "Una golosità"

  • User Icon

    Kobal L. I.

    04/03/2010 20:51:11

    Scrittrice francese, docente universitaria di filosofia, vive a Kyoto. Ecco illustrate le linee generali del libro per le menti più acute. Fatta questa premessa, a me sinceramente non è piaciuto, nè com'è strutturato nè com'è scritto nè com'è narrato e non comprendo altresì tutto il gran parlare che se n'è fatto. Dando un'occhiata alle opere e agli autori che le case editrici italiane snobbano, c'è davvero da chiedersi se c'è rimasta ancora una mente dietro i progetti "imprenditoriali". K.L.I. recensione di: inquietudinedikobal

  • User Icon

    Mario

    17/01/2010 23:41:17

    Libro poco interessante, scialbo,non mancano tuttavia pagine descrittivamente belle. Mi ha convinto ancora meno de "L'eleganza del riccio",romanzo molto più maturo sotto molti punti di vista, ma del resto qui l'autrice era al suo esordio narrativo.

  • User Icon

    pasquale

    17/01/2010 16:15:14

    Decisamente non all'altezza dell'eleganza del riccio. Meno male che' e' stato scritto prima quindi ci fa ben sperare per il futuro dell'autrice. Voto 4

  • User Icon

    angela

    19/11/2009 19:16:59

    Vorrei che qualcuno mi aiutasse a capire questo libro, tanto che non sono riuscita nemmeno a finirlo. Ho letto anche l'eleganza del riccio, non mi è parso questo capolavoro che la stampa ci ha raccontato, ma almeno la vita della portinaia mi è sembrata interessante.

  • User Icon

    sergio

    12/11/2009 19:48:07

    pomposo e ricercato come "l'eleganza del riccio", ma decisamente più noioso......... Bisogna capirla: è il suo primo libro.

  • User Icon

    ale bedica

    06/11/2009 13:06:48

    Adoro la Francia.Il colore della Provenza,l'odore di Arles ed il rumore di Avignone. Mi piace tanto che non ci tornerò mai più. Mi circondo allora di ogni cosa che me la ricordi. Uso saponette alla lavanda,bevo pastis Ricard,ascolto incessantemente dischi di Brel e della Hardy e vedo films di Louis Malle. Ma sopratutto la cerco (e la trovo) nei libri. Gli scrittori francesi sono tutti sciovinisti ed ogni loro romanzo sembra uno spezzone del cinegiornale Luce. Le estasi culinarie ne sono un esempio ideale.

  • User Icon

    Roberta

    01/10/2009 11:05:52

    A parte la velocita' con cui si legge non mi e' piaciuto molto. Forse e' piu' adatto a chi e' un'appassionato di cucina e puo' capire cosa si prova nell'assaporare determinate pietanze. Ora sto leggendo "L'eleganza del riccio" e mi sembra meglio

  • User Icon

    jane

    24/06/2009 16:26:54

    Per certe descrizioni ricorda "La prima sorsata di birra" di Delerm, ma meno frammentario, più colto ed elegante. E' l'antefatto dell'"Eleganza del riccio" : il celebre critico gastronomico, davvero cinico ed egoista, in punto di morte è alla ricerca del sapore "perduto". Alla sua voce si aggiungono quelle di chi l'ha conosciuto e adorato (pochi) o, più spesso, odiato. Più che una vera e propria trama è un insieme di evocazioni, basate sui 5 sensi, di cibi, sapori,odori, gesti,esperienze, dall'infanzia alla maturità; sono quasi radiografie o vivisezioni che arrivano alla psicanalisi. La lingua è ricercata, raffinatissima, sontuosa : la prosa della Barbery è "nettare e ambrosia, un inno alla lingua". La conclusione,ironicamente, dopo un tale tripudio dei sensi, doveva essere banale, ma così lo è troppo.

  • User Icon

    Cristina

    14/04/2009 13:22:32

    Magistrale il metodo narrativo,sublimi le descrizioni dei sapori provati dal protagonista...sembra di essere un ingrediente del piatto descritto! Peccato,e da qui il voto basso,per il finale:banale e superficiale,dalla delusione mi è scivolato il libro dalle mani...non ho ancora letto "L'eleganza del riccio",spero vivamente in un finale più degno delle capacità di questa pur bravissima scrittrice!

  • User Icon

    Giusy

    05/04/2009 08:59:00

    Ho trovato la narrazione dei gusti, dei sapori, dei profumi, raccontata in maniera mirabile. Il ricordo di certi particolari "bocconi" assaggiati in gioventù dal critico mi ha fatto tornare in mente le stesse sensazioni provate quando per la prima volta assaggiai il vero cioccolato. L'ho trovato solo un po' "scollato", con così tante voci narranti non deve essere stato facile...

  • User Icon

    MCF

    26/02/2009 16:31:52

    Questo libro descrive gli ultimi giorni di vita di un critico gastronomico che cerca disperatamente di ricordare a quale alimento appartiene un sapore che gli è piaciuto particolarmente. Ripercorre quindi tutta la vita, soffermandosi su tutti i cibi apprezzati in un tripudio di colori e descrizioni esilaranti che celebrano il gusto di molluschi, sorbetti e gelati senza disdegnare gli alimenti più semplici, come il pane, l’olio, i pomodori. Mi piace molto lo stile raffinato, direi musicale, a volte, che usa e la ricerca meticolosa degli aggettivi e degli esempi più adatti a descrivere sensazioni e pensieri.Mi hanno colpito anche le sue riflessioni: nel capitolo dedicato al pesce crudo, per esempio, dice che "la perfezione è il ritorno"; il ritorno all'essenziale, alla natura, ma con tutta l'esperienza e la cultura maturata nei secoli: porta l'esempio dello chef che vede in un pezzo di salmone crudo la porzione di carne da staccare che corrisponde ai requisiti di massima perfezione in termini di consistenza, morbidezza, apparenza. Secondo me, è bravissima e non saprei dire quale dei suoi libri mi è piaciuto di più; forse "L'Eleganza del Riccio" ha una trama più ricca ed è di conseguenza più avvincente.

  • User Icon

    cristina

    25/02/2009 10:33:59

    non ho ancora letto "l'eleganza del riccio", ma spero vivamente che non somigli a questo abbozzo di romanzo, noioso e inconcludente, frettoloso e manieroso. la trama è resa meglio dalla recensione di copertina che non dal romanzo stesso! ad esempio, da dove si evincono il nome del critico moribondo e questi presunti rapporti forti con gli altri personaggi narranti?

  • User Icon

    Chiara

    04/02/2009 08:58:58

    Un libro piacevolissimo, gustoso (è proprio il caso di dirlo) e raffinato. E' vero: ci sono degli esercizi di stile, senza dubbio, ma sono apprezzabili e interessanti da esaminare dal punto di vista della tecnica di scrittura, oltre che godibili rileggendoli a poco poco. Ovviamente alla fine ho cercato e ho DOVUTO anche io mangiare... ...beh, non diciamo cosa, altrimenti che GUSTO c'è nel leggerlo? Chiara

  • User Icon

    Silvia

    27/01/2009 02:11:27

    Per ora questo mostro sacro tanto osannato non mi ha convinta anche se aspetto che arrivi il momento giusto per leggere L'eleganza del riccio per formarmi un'opinione più completa. L'idea è originale come anche l'espediente di frammentare la narrazione secondo il punto di vista dei diversi personaggi (espediente che però inizia ad essere un pò troppo diffuso tra gli scrittori francesi) però alla lunga rischia di scadere nel pretenzioso.

Vedi tutte le 30 recensioni cliente
  • Muriel Barbery Cover

    Pur essendo nata a Casablanca il 28 maggio 1969, è di fatto una scrittrice francese. Ha esordito con il romanzo Une gourmandise, pubblicato nel 2000 da Gallimard, e in Italia da E/O nel 2008 con il titolo Estasi culinarie.Nel 2006, ancora con Gallimard, ha pubblicato L'Élégance du hérisson - L'eleganza del riccio (edito nel nostro Paese da E/O nel 2007 per la prima volta e ripubblicato nel 2012 in edizione economica), che si è rivelato un grande caso letterario in Francia e non solo.Il romanzo è stato infatti uno dei successi editoriali più importanti degli ultimi anni e ha venduto più di 2 milioni di copie, restando in classifica per più di tre anni. Ha conquistato molti premi: nel 2006 il Prix Georges Brassens; nel 2007 il Prix... Approfondisci
| Vedi di più >
Note legali