Salvato in 113 liste dei desideri
attualmente non disponibile attualmente non disponibile
Info
Europe central
23,75 € 25,00 €
LIBRO
Venditore: IBS
+240 punti Effe
-5% 25,00 € 23,75 €
ora non disp. ora non disp.
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
23,75 €
disponibile in 7 settimane Non disponibile
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
23,75 €
disponibile in 7 settimane Non disponibile
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Chiudi
Europe central - William T. Vollmann - copertina
Chiudi

Prenota e ritira

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino. Scopri il servizio

Chiudi

Riepilogo della prenotazione

Europe central William T. Vollmann
€ 25,00
Ritirabile presso:
Inserisci i dati

Importante
  • La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
  • Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l’elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio Ufirst.
  • Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l’articolo verrà rimesso in vendita)
  • Al momento dell’acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio.
Chiudi

Grazie!
Richiesta inoltrata al negozio

Chiudi

Descrizione


In quest'opera apocalittica Vollmann ci immerge nell'incubo delle due grandi dittature totalitarie del XX secolo in guerra tra loro: l'Unione Sovietica e la Germania nazista. Nel libro vengono poste a confronto storie personali segnate dalle più terribili decisioni che individui posti in condizioni estreme siano mai stati chiamati a prendere. Il risultato è una rassegna sconvolgente e inedita delle azioni umane in tempo di guerra spesso basata su figure storiche realmente esistite; poeti, militari, traditori, artisti e musicisti: dal giovane tedesco che entra a far parte delle SS per denunciarne i crimini, ai due generali che collaborano con il nemico per motivi differenti, dalla poetessa Anna Achmatova al compositore Dmitrij Sostakovic a molte altre figure. L'autore cambia continuamente voce, punto di vista, protagonista, muovendosi sempre all'interno degli stessi ambienti: i gulag, la Guerra civile di Spagna, i processi farsa di Stalin, il bagno di sangue di Stalingrado, i campi di sterminio nazisti, i terrori che hanno preceduto e accompagnato la Seconda guerra mondiale. Due calamità come il nazismo e lo stalinismo sono state rese possibili dal culto delle Idee e dei simboli.
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2010
6 aprile 2010
1063 p., Brossura
9788804592648

Valutazioni e recensioni

4,5/5
Recensioni: 5/5
(4)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(3)
4
(0)
3
(1)
2
(0)
1
(0)
enrico.s
Recensioni: 5/5

"Un veicolo armato nemico! Un problema serio. Riuscii a scansarlo, però; sfuggii anche alle streghe nei campi di girasole. Sfondai una palizzata cadente, con la mia arma levata in aria, e attraversai di corsa un campo in fiamme coltivato a carri armati distrutti, verso una destinazione completamente oscurata dal fumo, ed ero così terrorizzato da non avere neppure paura" E' solo uno tra mille possibili esempi della prosa poderosa con cui Vollmann cavalca nel cuore di tenebra del novecento europeo; lo fa raccontando, più o meno verosimilmente, e comunque facendo largo uso di proprie interpretazioni, le vite, intrecciate l'una con l'altra con fili invisibili eppure apparentemente inestricabili, di personaggi realmente esistiti, alcuni celeberrimi, e altri di fantasia. Vollmann utilizza a piene mani tutti i mezzi espressivi a disposizione di un autore (un esperto in narratologia potrebbe parlare ore di fiction, metafiction, cambio del punto di vista e chi più ne ha più ne metta, ma chisseneimporta...) senza però che, e qui si rivela la stoffa del fuoriclasse, ciò divenga espediente fine a se stesso. Vollmann è scrittore tanto "oltre", tanto "fuori scala" per i parametri usuali, specie italioti, da non aver bisogno di dimostrare di essere, o di voler dimostrare di essere, un "intellettuale", un "uomo di cultura", e i trucchi del mestriere che impiega sono sempre creatori di significato e non svenevoli birignao. Romanzo grandioso, anche se l'autore ne parla come di "racconti" (ma scherza, non ascoltatelo) ...mille pagine che volano e alla fine ne avrei volute altre mille.

Leggi di più Leggi di meno
Emiliano
Recensioni: 5/5

Condivido gli altri commenti,ma a me,è piaciuto molto!! Consiglio,visto il tema, Le Benevole.

Leggi di più Leggi di meno
Margherita
Recensioni: 5/5

Un'opera apocalittica, sia nella forma che nella sostanza. E' come se fosse un'esperienza temporale. Sicuramente non per tutti, non per molti. Ma se l'istinto vi dice di provare, buttatevi a capofitto nel vortice della storia.

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

4,5/5
Recensioni: 5/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(3)
4
(0)
3
(1)
2
(0)
1
(0)

Voce della critica

Per il decennale della morte di David Foster Wallace si è assistito a un notevole proliferare di articoli, e conseguenti dibattiti social, non di rado caratterizzati dal fatto che la maggior parte di chi si esprime circa l’autore e il suo magistero lo conosce attraverso i suoi bellissimi saggi, i suoi eccellenti racconti o per lo spassoso reportage Una cosa divertente che non farò mai più, ma non ha letto Infinite jest , il romanzo-mondo che è fulcro e apice della sua opera, cosa che, specie in un paese in cui pure non si legge granché il suo diretto progenitore Pynchon (o tantomeno il “progenitore 2”: Gaddis) può causare rilevanti fraintendimeni: il parlarne come di un grande osservatore, di un uomo di straordinaria sensibilità o dell’alfiere dello stato d’animo dominante la nostra epoca. Tutte caratteristiche che senz’altro gli appartengono, ma che non sono che corollari alla sua capacità di scrittura: all’esattezza della sua prosa e alla complessità delle sue architetture narrative – e al fatto che avesse stabilito nel romanzo il dispositivo più efficace per l’analisi della realtà.

L’innamoramento per Wallace ha portato molti a non accorgersi di un coetaneo (classe 1959, laddove DFW è del ‘62) che mai gli fu da meno: quel William T. Vollmann autore, oltre a trattati sui temi più disparati – dalla violenza al riscaldamento globale, da Copernico all’Afghanistan –, dei Sette sogni, sette momenti chiave della storia d’America narrati in altrettanti poderosi romanzi. In Italia se ne erano visti due: La camicia di ghiaccio, oggi irreperibile, sull’arrivo dei vichinghi in Groenlandia, e Venga il tuo regno, sull’incontro tra gesuiti e irochesi in Canada.
Minimum fax ne ha ripreso i diritti, e i Sette sogni torneranno: nell’attesa, il lettore italiano può tuffarsi nel “mondo” di Europe central, cattedrale narrativa le cui colonne sono conficcate nella Germania e nella Russia della Seconda Guerra.

Vanni Santoni

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore