Categorie

Philip Roth

Traduttore: V. Mantovani
Editore: Einaudi
Collana: Super ET
Anno edizione: 2014
Formato: Tascabile
Pagine: 123 p. , Brossura
  • EAN: 9788806220006

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    luciano

    28/02/2016 16.12.38

    Poco più che settantenne il personaggio del racconto si " trasforma dalla sera alla mattina da uno che scoppiava di salute a uno che inspiegabilmente questa salute la stava perdendo". Da quel momento in poi si succedono una serie di interventi al cuore, ai reni, alla carotide... La sua ossessione per la salute, la malattia e la morte si acuisce: " Ora eludere la morte sembrava essere diventata l'unica preoccupazione della sua vita e la decadenza fisica tutta la sua storia." E nella sua vita non c'è più luce, per lui " esiste solo il nostro corpo e se avesse scritto una biografia l'avrebbe intitolata " Vita e morte di un corpo maschile" ". E' un bellissimo racconto anche se non condivido la totale mancanza, da parte del personaggio e dell'autore, della dimensione spirituale. Vi è solo un materialismo senza speranza, conta solo la giovinezza; ed è questo uno dei motivi che fa dire al personaggio. " La vecchiaia non è una battaglia: la vecchiaia è un massacro".

  • User Icon

    Giuseppe Russo

    23/05/2014 14.32.10

    Racconto lungo, più che romanzo breve, particolarmente intriso di malinconica tristezza, come è inevitabile che accada a chi - come il protagonista - sta dolorosamente imparando l'arte della rassegnazione. Il fatto è che non è per nulla facile rassegnarsi a ciò che è inevitabile per antonomasia, e che più volte ha fatto irruzione nella vita reale di Roth, anche quando era più giovane. In un flashback, il protagonista ricorda quando il vigoroso fratello gli diceva: «Il futuro remoto sarà il momento giusto per affliggersi pensando alla catastrofe finale» (p. 25). Purtroppo il futuro remoto ha l'insopportabile tendenza ad avvicinarsi senza essere annnuciato e diventando ogni giorno meno remoto e soprattutto meno futuro. Questo libro racconta cosa si può provare quando ci si deve misurare con questo avvicinamento inesorabile.

Scrivi una recensione