Fabrizio De André. Principe libero (DVD)

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Regia: Luca Facchini
Paese: Italia
Anno: 2018
Supporto: DVD
Salvato in 47 liste dei desideri

€ 9,90

Venduto e spedito da OCCHIO AL FILM

Solo 1 prodotto disponibile

+ 4,90 € Spese di spedizione

Quantità:
DVD

Altri venditori

Mostra tutti (5 offerte da 9,90 €)

La storia dell'uomo che ha cambiato la storia della canzone italiana: Fabrizio De André

Il racconto di un'icona che ha tracciato nuove strade all'idea di libertà

«Pensi che l'anarchia sia fare quello che vuoi? Anarchia è darsi delle regole prima che te le diano gli altri!»

Principe libero è il racconto – prima ancora che di un’icona artistica del secondo Novecento italiano – di una vita piena d’amore che ha tracciato nuove strade all'idea di libertà, in una continua mescolanza di alto e di basso, di cui la Genova delle origini, con le aperture del suo mare, diventa metafora perfetta. Con i grandi palazzi della borghesia, e i caruggi della città vecchia dove sperimentare altre forme di libertà in compagnia degli ultimi e degli esclusi. Quella libertà, poi, di colpo, violentata del tutto nei mesi del rapimento in Sardegna. Sempre consapevole della necessità di riconoscersi negli altri esseri umani. Con curiosità autentica. Senza retorica né giudizio. Solo accettando che in un vortice di polvere, oltre alla siccità, sia bello – e umanamente, struggentemente miracoloso – ritrovare un ballo campestre di quando eravamo ragazzi. E liberi. Come Fabrizio De André.

4,57
di 5
Totale 7
5
5
4
1
3
1
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Cristina

    11/05/2020 15:44:58

    Nel complesso la fiction mi è piaciuta ma ho trovato le due parti squilibrate; mentre la prima è di qualità elevata la seconda sembra mancare di ispirazione e sembra un po' tirata via frettolosamente. Inoltre ho trovato alquanto stridente l'accento lievemente romanesco di Marinelli...

  • User Icon

    domenico

    25/09/2019 10:13:42

    Bellissimo film sul grande Fabrizio De Andre', interpretato da un bravissimo Luca Marinelli.

  • User Icon

    Marisa

    20/09/2019 12:52:37

    Un bellissimo film sul grandissimo Fabrizio De André. Mi è piaciuto molto. Non potevo non comprarlo, lo adoro. Consigliato

  • User Icon

    Francesco

    11/03/2019 00:41:57

    Il film di Luca Facchini "Fabrizio De André. Principe Libero", è come dice il titolo stesso, un film sulla vita del famoso cantautore originario di Genova Fabrizio De André. Il film è molto lungo ma resta comunque piacevole da vedere poichè la vita di De André è stata senza dubbio molto intensa. Nel film (che è diventato poi una miniserie della Rai), si ripercorre la vita di "Faber" facendo riferimento anche al sequestro di cui fu vittima insieme alla compagna Dori Ghezzi. E' notevole la somiglianza tra De André ed il protagonista, l'attore Luca Marinelli. E' un film imperdibile per chi ama la musica di De André, ma ancora di più per chi è affascinato dal suo personaggio, infatti il film ne mostra lati intimi e privati, riuscendo a coinvolgere lo spettatore e lasciando così alta l'attenzione di questi fino alla fine. Lo consiglio.

  • User Icon

    n.d.

    28/01/2019 20:20:37

    Adoro Faber alla follia e questo film mi è piaciuto molto. Magistrale l'interpretazione di Luca Marinelli

  • User Icon

    Daria

    07/01/2019 17:41:12

    Potrà non ricalcare perfettamente gli episodi della vita di De André, ma io l'ho trovato splendido. La scelta di Luca Marinelli come Faber è stata, secondo me azzeccatissima. Mi è stato utile per "convertire" qualche amica scettica e portarla ad ascoltare De André. Superconsigliato!

  • User Icon

    Alberta

    19/02/2018 17:11:55

    Bello, decisamente un buon prodotto. Consigliatissimo.

Vedi tutte le 7 recensioni cliente

Una buona sintesi tra sfida del biopic di un artista complesso e esigenze della committenza televisiva

Trama
  Il 27 agosto 1979 Fabrizio De André e la sua compagna, la cantante Dori Ghezzi, vengono sequestrati nella loro tenuta agricola nei pressi di Tempio Pausania, in Sardegna. Verranno liberati quasi quattro mesi dopo. Da quel fatto si innesca un lungo flashback che racconta l'adolescenza e l'età adulta del cantautore, tra incontri, folgorazioni, vita privata e attività musicale, fino a tornare al rapimento e chiudersi sul matrimonio tra i due, nel 1989.
 Comprimere la biografia di De André (1940-1999) nella misura di un lungometraggio (o miniserie in due puntate che dir si voglia, che uscirà nelle sale il 23 e 24 gennaio, poi in prima tv RAI il 13 e 14 febbraio) è impresa da far tremare le vene e i polsi: per l'enorme seguito, per non dire culto, che lo circonda, il fascino che emana dai suoi testi e dalla voce, l'appropriazione, l'interpretazione e la portata politica della sua opera anticonformista.
  Ciononostante il film si prende il rischio di riassumerne formazione, esordi dei primi anni '60 e affermazione, fino alla preproduzione di "Le nuvole" (1990). Proprio dal booklet di quell'album arriva il titolo, principe libero, citazione del pirata inglese settecentesco Samuel Bellamy, riflesso dell'ossimoro di nascita borghese e idee anarchico pacifiste.

  • Produzione: Rai Com, 2018
  • Distribuzione: Terminal Video
  • Durata: 196 min
  • Lingua audio: Italiano
  • Area2
  • Ennio Fantastichini Cover

    "Attore italiano. Già distintosi nella commedia I cammelli (1988) di G. Bertolucci accanto a P. Rossi e D. Abatantuono, rivela le sue doti di attore drammatico in Porte aperte (1990) di G. Amelio, con cui vince il Nastro d'argento come migliore attore non protagonista. A suo agio nelle caratterizzazioni di personaggi violenti o ambigui (La stazione, 1990, di S. Rubini; Caldo soffocante, 1991, di G. Gagliardo), è il capofamiglia reazionario della commedia di costume Ferie d'agosto (1996) di P. Virzì. Boss della malavita milanese in Altri uomini (1997) di C. Bonivento, è un giudice in lotta contro la camorra in Per tutto il tempo che ci resta (1998) di V. Terracciano e il pappone di I.?Di Benedetto nel pasoliniano Rosa Funzeca (2002) di A.?Grimaldi. In Saturno contro (2007) di F. Ozpetek si... Approfondisci
Note legali