Federica Fornabaio

Supporto: CD Audio
Numero dischi: 1
Etichetta: Warner Bros
Data di pubblicazione: 18 settembre 2009
  • EAN: 5051865595625

€ 20,50

Venduto e spedito da IBS

21 punti Premium

Attualmente non disponibile Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile
Disco 1
  • 1 Il giorno più bello
  • 2 Ora, domani, mai più
  • 3 Orien tango
  • 4 Sunderland
  • 5 Coffee & Cigarette
  • 6 Nevrasténja
  • 7 L'ossessione del mare
  • 8 Dreamin' lady
  • 9 Ricordi in fuga
  • 10 Le valse d'Amélie
  • 11 Merry Christmas Mr. Lawrence

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Andrea Direnzo di RARO!

    22/12/2009 21:20:39

    Non è passata di certo inosservata all’ultimo Festival di Sanremo dove, a soli 24 anni, ha diretto i due vincitori Marco Carta e Arisa. Ora, per Federica Fornabaio, è arrivato il tempo maturo di pubblicare il suo omonimo album d’esordio di piano solo, prodotto dal maestro Bruno Santori per Timanfaya. Composto prevalentemente da composizioni originali, il disco è una sorta di “biglietto da visita” della giovane musicista e pianista pugliese attraverso cui manifestare a pieno il talento di cui è dotata. I brani fluiscono piacevoli all’ascolto, mettendo in evidenza le varie influenze di Federica, dalla classica ad accenti pop, dalla contaminazione tra culture occidentali e orientali alla bossanova, tutto supportato da una forte emotività riversata sui tasti del pianoforte. Tra gli episodi più riusciti, ci sono Il giorno più bello, Orien Tango, L’ossessione del mare e Ricordi in fuga, quest’ultimo suo primo inedito composto all’età di 17 anni; ma anche Sunderland di Luca Colombo di cui Federica si fa dolcissima interprete. A chiusura due omaggi, a Yann Tiersen con La valse d’Amélie e a Ryuichi Sakamoto con Merry Christmas Mr. Lawrence, tratto dall’omonimo film dell’83 diretto da Nagisa Oshima. La Fornabaio rappresenta una moderna personalità di musicista, versatile e recettiva, capace di leggere l’attuale momento storico e tradurlo con note d’emozione.

Scrivi una recensione