I figli della mezzanotte

Salman Rushdie

Traduttore: E. Capriolo
Editore: Mondadori
Anno edizione: 2007
Formato: Tascabile
Pagine: XVI-525 p., Brossura
  • EAN: 9788804567004
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 7,99

€ 9,40

Risparmi € 1,41 (15%)

Venduto e spedito da IBS

8 punti Premium

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    ELY

    27/08/2013 15:50:39

    Ho tentato di leggere questo romanzo dopo aver visto il film. Purtroppo non sono riuscita ad andare oltre la decima pagina. Sarò sicuramente un ignorante visto l'autore di cui si parla ma ho trovato il tipo di scrittura assolutamente non scorrevole e noiosa così come anni fa era stato per i "Versetti satanici".

  • User Icon

    annamu

    14/09/2012 11:11:20

    sono tra i lettori che hanno amato e si sono fatti letteralmente travolgere dalle vicende del romanzo. mi permetto una critica: la traduzione!!! non si può tradurre un libro sull'india (benchè in inglese) senza conoscere a fondo la cultura indiana... pur senza essere un'esperta ho trovato parecchie inesattezze nelle note del traduttore che credo possa riscontrare chiunque abbia viaggiato in india almeno un paio di volte...

  • User Icon

    Maurizio Ricci

    20/10/2010 19:03:51

    Salman Rushdie appare prepotentemente sulla scena mondiale nel 1980 con questa opera monumentale, che va letta assieme al suo duale "La vergogna"; poi l'ermetico e discusso "Versetti satanici", del quale si è molto parlato, principalmente a sproposito e per sentito dire (vedi "Il Capitale": chi lo ha letto davvero?). Successivamente la produzione di Rushdie mostra una evoluzione stilistica che potrebbe apparire una involuzione. "I figli della mezzanotte", il suo primo grande, insuperato romanzo, stilisticamente ineccepibile e raffinatissimo, rappresenta una lettura certamente non semplice, ma assai appagante; se non addirittura sconvolgente. Di certo questa opera vi resterà profondamente impressa. Mi pare che a tratti la pagina fatichi a contenere tutta l'energia dell'autore: forse questo è l'unico limite di Rushdie. In questo suo capolavoro non appaiono la scorrevolezza e la velata ironia di fondo de "L'ultimo sospiro del Moro", qualità che possono parere una involuzione in senso commerciale del suo personalissimo stile, ma che a me paiono segni di padronanza tecnica e di maturità. D'alto canto, chi altri avrebbe potuto anche solo concepire l'idea di scrivere un epitaffio di oltre 500 pagine per una cantante rock ("La terra sotto i suoi piedi")?

  • User Icon

    Antonio Fallena

    11/03/2010 19:46:36

    per commentare questo grande libro ci vorrebbero altrettante pagine quante quelle del libro. Péuò capitare di tornare indietro a rileggere qualche pagina per comprenderne a fondo il significato, ma ciò non appesantisce la storia, che mai si contraddice e scorre come il flusso leggero del tempo. Come qualcuno ha detto, è un magnifico fuoco d'artificio. E' il primo libro che leggo di Salman Rushdie, e penso che cercherò di leggerli tutti, è un grande scrittore, e per me è stata una vera scoperta.

  • User Icon

    saimon

    12/11/2009 12:51:26

    E' uno dei due/tre libri piu' belli, divertenti, stimolanti, coinvolgenti, vulcanici, profondi e ironici che abbia mai letto. Le prime pagine sono il contrario di un ostacolo. Sono un espediente letale che ti cattura. Il narratore ti inonda fin da principio con parole astruse, dettagli anticipatori e misteriosi. Il lettore non comprende, e' spiazzato ma incuriosito perche' e' chiaro che lo scrittore sta giocando con lui, proiettandogli davanti agli occhi visioni magiche (e divertenti) di cio' che verra'. In fondo il romanzo stesso e' cosi': e' la storia di una profezia bislacca e della sua improbabile realizzazione, ripercorsa a ritroso da chi ne ha gia' visto la fine. Geniale e' dir poco!

  • User Icon

    giorgio g

    07/10/2009 11:21:16

    Finalmente l’ho terminato! Se avevo paragonato “Shalimar il clown” dello stesso autore ad un fiume in piena, de “I figli della mezzanotte” dovrei dire che è un macigno trascinato giù dal fiume in piena, un macigno di quasi settecento pagine che ti schiaccia, ti annienta con la sua folla di personaggi, di storie, di situazioni, con la folla dell’India che ti avvolge, ti penetra, ti annichilisce. Forse sono soltanto sensazioni: non mi sento di dare un giudizio critico, dovrei rifletterci, ritornarci a mente fredda. Per ora provo soltanto un sentimento di liberazione: adesso posso leggere qualcosa di meno coinvolgente…

  • User Icon

    Alessandra Ferrari

    05/06/2009 21:52:09

    Libro straordinario, sicuramente tra i più belli che ho letto. Se si riesce a superare lo scoglio delle prime pagine, quando sembra che niente di ciò che è scritto abbia un senso, allora è fatta. Il segreto è leggere non per ricordare l'esatto intreccio degli eventi, ma per capire ciò che sta dietro a questi: la realtà del popolo indiano in un passaggio epocale della sua storia narrata con gli occhi di un bambino. Un libro che non può lasciare indifferenti; o lo si ama, o lo si odia....proprio come l'India con cui è stato amore a prima vista.

  • User Icon

    enrico

    12/03/2009 19:11:10

    io non ho parole. chissà quando mi ricapiterà di leggere un libro così.. un solo consiglio a chi sta per intraprendere questa lettura: ascoltate passivamente questa storia e non irrigiditevi se all' inizio non vi è molto facile capirla o interpretarla. ogni tassello finisce è parte di un disegno più grande e finisce per ricollegarsi, come è proprio del pensiero indiano. buona lettura

  • User Icon

    silvia

    21/04/2008 15:53:41

    Monumentale, davvero! Ma in tutti i sensi. Difficle da leggere,difficle la storia, difficili i nomi, i rimandi, la prosa, le metafore, le figure retoriche. Eppure, magistralmente, lascia dentro qualcosa che non si scorda. Non si può spiegare, troppo difficile!

  • User Icon

    LUCA

    04/12/2007 18:53:29

    FORSE IL LIBRO PIU BELLO CHE HO LETTO, FORSE PERCHè SONO STATO IN INDIA ED HO IMPARATO AD AMARE QUEL POSTO, QUELLA GENTE, CERTO NN è UN LIBRO FACILE, ED EVIDENTEMENTE NON è UN LIBRO PER TUTTI, MA CREDO CHE NN VOGLIA ESSERLO.

  • User Icon

    Giulia

    13/01/2007 15:15:32

    Di sicuro un gran bel romanzo, non di facile lettura. Sinceramente all'inizio ero tentata di abbandonarlo, lo trovavo lento e non riuscivo a stare dietro alle lunghe frasi che sembrano non concludersi mai tanto amate da Rushdie. I periodi troppo lunghi nei quali si perdevano i racconti e le descrizioni contribuivano a farmi perdere il filo, ad accrescere la confusione e la volontà di sospenderne la lettura. A partire dal secondo libro inaspettatamente il racconto mi ha coinvolta, tutta la seconda parte del romanzo fino all'adolescenza di Saleem è resa magicamente, fino ad arrivare alla terza parte in cui ormai si è lettori abili nell'arte di disticare perifrasi e lunghi passaggi, lo stile diventa familiare,così come rimandi ai racconti passati ed ai pesonaggi che animano la narrazione. Il finale me lo aspettavo diverso. Un libro da leggere, nel quale perdersi e dal quale imparare un po' di storia non a tutti conosciuta.

  • User Icon

    letizia

    01/12/2006 22:15:26

    Non sono riuscita ad apprezzare questo libro. Il modo di scrivere di Rushdie l'ho trovato molto stressante, le sue continue digressioni, il suo passare da un argomento all'altro da un personaggio all'altro, il suo metterti in attesa, prima di dire una cosa te ne dice altre mille, forese è colpa mia. Lui chiede molto la collaborazione del lettore che deve essere constantemente presente e partecipe ed io non ci sono riuscita. Però ci sono due cose che mi sono molto piaciute: la prima è Padma, lei è fantastica, inizialmente incita continuamente Saleem ad andare avanti, a non soffermarsi, ma alla fine accetta il suo modo di raccontare, anche perché lo ama, ne sono fermamente convinta; la seconda cosa è l'ironia di Saleem poiché se un personaggio non gli piace te lo fa capire subito e non si sofferma più di tanto a parlare di lui. Inoltre mi è piaciuto anche il suo modo di descrire i personaggi che si scoprono mano a mano, mi ha appassionato anche la storia d'amore tra i suoi nonni che si sono scoperti pezzo a pezzo attraverso un lenzuolo perforato, una storia assolutamente romantica come una favola. Forse sono più di due le cose che mi sono piaciute in questo libro ma il modo di scrivere di Rushdie non me le ha fatte apprezzare, ho forse sono io che non le ho sapute apprezzare, in questo caso chiedo scusa all'autore.

  • User Icon

    Davide

    19/09/2006 15:54:19

    Monumentale , non facile da leggere . Però nello stesso tempo intrigante , ti mette voglia di arrivare in fondo . L'India dopotutto non è un paese semplice....

  • User Icon

    Maurizio Ricci

    05/03/2006 10:01:27

    Salman Rushdie appare prepotentemente sulla scena mondiale nel 1980 con questa opera monumentale, che va letta assieme al suo duale "La vergogna"; poi l'ermetico e discusso "Versetti satanici", del quale si è molto parlato, principalmente a sproposito e per sentito dire (vedi "Il Capitale": chi lo ha letto davvero?). Successivamente la produzione di Rushdie mostra una evoluzione stilistica che potrebbe apparire una involuzione. "I figli della mezzanotte", il suo primo grande, insuperato romanzo, stilisticamente ineccepibile e raffinatissimo, rappresenta una lettura certamente non semplice, ma assai appagante; se non addirittura sconvolgente. Di certo questa opera vi resterà profondamente impressa. Mi pare che a tratti la pagina fatichi a contenere tutta l'energia dell'autore: forse questo è l'unico limite di Rushdie. In questo suo capolavoro non appaiono la scorrevolezza e la velata ironia di fondo de "L'ultimo sospiro del Moro", qualità che possono parere una involuzione in senso commerciale del suo personalissimo stile, ma che a me paiono segni di padronanza tecnica e di maturità. D'alto canto, chi altri avrebbe potuto anche solo concepire l'idea di scrivere un epitaffio di oltre 500 pagine per una cantante rock ("La terra sotto i suoi piedi")?

  • User Icon

    Narau

    28/12/2003 07:01:45

    Romanzo che sa dosare i tempi della narrazione e le informazioni fornite al lettore, che mescola con abilità sorprendente fantasia e realtà, miti personali e storia di una nazione, culture e tradizioni diverse. L'ironia non manca, e nemmeno il senso dell'ineluttabilità e della nostalgia. Un libro caleidoscopico, un calderone in cui si può trovare di tutto, e che per questo sorprende sempre. Ad alcuni potrà sembrare "appesantito" dall'enorme numero di digressioni e ricapitolazioni. Richiede per la mole di dati e fatti narrati una certa attenzione e tempi di lettura non troppo brevi(altrimenti può risultare confusionario e troppo dispersivo, o totalmente astruso), ma certamente non è un libro col quale ci si può annoiare.

  • User Icon

    Egidio Marchese

    14/07/2003 03:23:15

    Nel romanzo "I figli della mezzanotte" (1981) l'autore Salman Rushdie (1947-) vincitore del Booker Prize nel 1983 e del Booker of Bookers nel 1993, è come un mago che con la sua bacchetta magica tira fuori dal nulla o dalla reale storia dell'India un mondo di meraviglie ("the trick of filling in the gaps in my knowledge"). Spuntano così personaggi curiosi, eventi straordinari e drammatici, realtà variamente ambigue, realistiche e fantastiche - tanti fenomeni accompagnati da pensieri e sentimenti convincenti o poco convincenti. ------------- Storicamente, nello sfondo abbiamo l'India al tempo dell'indipendenza e la divisione con il Pakistan nel 1947; successivamente appaiono tumulti sociali per contrasti di lingua o di religione tra pakistani indiani musulmani indù e altri gruppi; segue la guerra dell'India con la Cina e più drammaticamente in primo piano la guerra con il Pakistan del 1965 e del 1971; infine succede il regime autoritario di Indira Gandhi, la mostruosa "Vedova" nella magia dell'autore. Fantasticamente, in primo piano abbiamo il protagonista Saleem Sinai, un personaggio comicamente brutto simpatico e anche amabile, e i membri della sua famiglia. Di questi, all'inizio incontriamo il nonno dottore che esamina una paziente, che poi sposerà, attraverso il buco su un lenzuolo sospeso fra i due per ragioni di decenza - una scoperta della realtà a frammenti. Poi appaiono saltimbanchi, maghi, "mostri con molte teste", avvoltoi, scimmie, serpenti, un ghetto pieno di fachiri chiaroveggenti illusionisti etc. Si sviluppano intrighi, come lo scambio di due neonati (fra cui il protagonista) al momento della nascita. E abbiamo i 1001 nati nella mezzanotte del 15 agosto 1947, dotati in vario modo di poteri magici soprannaturali. E fra questi, naturalmente, emerge Saleem Sinai al centro della storia, capace di vedere nella mente e nel cuore della gente. ------------- Dicevamo che il romanzo ha parti convincenti o poco convincenti. Ma nonostante ci siano tanti episodi che sembrano cuciti insieme con arbitrio in una t

  • User Icon

    Philippe Ziglioli

    14/04/2003 10:22:17

    Il progetto è descisamente ambizioso: condensare le vite del protagonista Saleem, della sua bizzarra famiglia, dei mille bambini nati alla mezzanotte del 15 agosto 1947 e di tutto il popolo indiano (e anche in parte quello pakistano) in un unico, interminabile romanzo. Lo stile prolisso può piacere o meno. Io personalmente detesto le digressioni, soprattutto quando immotivate, e l'infinito numero di personaggi mi ha dato qualche giramento di capo. Affascinante, certo, ma non si lascia leggere con facilità. Il classico "mattone", insomma.

Vedi tutte le 17 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione