Tutte le recensioni di Il filo rosso di Paola Barbato

Il filo rosso Paola Barbato Rizzoli
€ 16,15 € 19,00
  • User Icon
    21/01/2016 18:10:20

    Un libro strepitoso. Un thriller di quelli che ti fanno davvero battere il Cuore. Una storia di giustizia, ma non giustizia nel senso "scarico" che ha oggi : quella giustizia universale che distribuisce secondo criteri meritocratici meriti e le colpe, quella che porta un senso alla vita di tutti i giorni e che alla fine chiude alla perfezione il bilancio di ognuno, pareggiando attivo e passivo. Nel libro si mescola con quella privata, con la sete di vendetta di tutti quelli che sono legati da un sottile filo rosso, quello che unisce tutti coloro che hanno provato un grande dolore. Una storia magistralmente orchestrata. Un poco confuso l'inizio a causa del fiume di informazioni in cui ci si trova a nuotare, ma che poi trovano una loro collocazione naturale. I personaggi sono cupi ma sostanziosi e marcati. Il protagonista è eccezionale. La scrittura molto originale. Un buon giallo. Merita.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    16/04/2011 16:45:44

    Avvincente, straziante, commovente. ottima descrizione psicologica dei personaggi. grande capacità di descrivere il dolore. da leggere.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    16/02/2011 16:57:34

    Avevo conosciuto la Barbato con Mani nude, che devo dire mi è piaciuto moltissimo,e quindi mi aspettavo molto.Non lo trovo originale e dalla trama intrigante come Mani nude però decolla bene e procede senza avere momenti di stanca.purtroppo il finale non è all'altezza,surreale,irreale..poco credibile.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    24/05/2010 16:48:01

    Temi triti e ritriti: il Giustiziere, il bambino rapito (Ammaniti)e violentato (piene le librerie), cronache di omicidi e rapimenti (Lucarelli) ed un contentino agli animalisti (la stucchevole comparsata di "Danko"). Stile fumettoso. Che dire ? Leggetelo se proprio non avete altro da fare.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    10/05/2010 21:48:50

    ancora una volta la lettura di paola barbato si conferma avvincente, anche se a volte la trama è soggetta ad alcune forzature narrative. comunque un libro che alza il livello dei thriller italiani.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    Max
    23/04/2010 14:50:48

    Sono un amante del genere, ma devo dire che non ci siamo. Il romanzo è fragile, strutturalmente e nei contenuti. Soluzioni un po' fumettistiche e ammiccamenti alla cronaca che trovo decisamente una scelta facile. Non è un buon libro, decisamente.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    09/04/2010 13:34:52

    Il Filo Rosso è un bellissimo libro.. Io personalmente l'ho divorato in quattro giorni, i personaggi sono meravigliosamente reali e complessi, la trama si intreccia alla perfezione e il ritmo del libro è davvero incalzante!! Consigliatissimo a chi ama un libro coinvolgente e appassionante, a chiunque voglia gettare uno sguardo dentro mondi e situazioni solo immaginabili per chi non le ha vissute!! Complimenti alla Barbato, che si conferma ad altissimi livelli con questo suo terzo libro!!

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    30/03/2010 16:38:27

    Avendo letto e amato i precedenti libri della Barbato, avevo paura che le mi aspettative fossero disattese. Per fortuna mi sono sbagliata! Il filo rosso mi ha accompagnato in una discesa agli Inferi, tenendomi per mano, senza forzature o costrizioni, anzi accarezzandomi soavemente. Alla fine mi sono sentita soffocata da quel filo, lentamente, senza esplosioni. Tra i tre il mio preferito rimane comunque Mani nude :)

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    26/03/2010 01:16:12

    Personalmente ho trovato "Il filo rosso" il miglior lavoro svolto finora dalla Barbato,e non soltanto per la "qualità" della storia che ci viene narrata. E' un turbinio di emozioni davvero forti e di complesse situazioni psicologiche, le tematiche trattate sono spesso delicate, e alla fine mi trovo in totale empatia sia con il protagonista, che con l'antagonista del romanzo.Forse(purtroppo) perchè si parla(anche) di vicende che potrebbero accadere a chiunque. L'impressione che si ha leggendolo è che ci sia una forte partecipazione emotiva da parte dell'autrice, una delle poche che sappia regalare emozioni di tale portata. Mi sono ritrovato a divorare il romanzo in soli tre giorni, e, come nei precedenti lavori, catapultato all'interno della storia, dei luoghi e delle persone protagoniste della vicenda.Consigliatissimo agli amanti del genere e non, perchè l'autrice ha la rara capacità di entrarti nell'anima, di spiazzarti e scuoterti, a volte con violenza. Da parte mia credo che si confermi come una dei più dotati romanzieri italiani.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    22/03/2010 15:35:55

    Un ottimo libro, migliore dei due precedenti, che pure mi sono piaciuti parecchio. Ho amato particolarmente il rovesciamento completo del punto di vista (la Barbato è maestra quando si tratta di spiazzare il lettore), e le parti relative a Danko.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    17/03/2010 13:29:58

    Un mediocre assemblaggio di voyeurismo cronachistico e trama gialla di serie C, anche la prosa non regge. Le recensioni che leggo qui sotto devono riguardare un altro libro. MAH???

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    15/03/2010 23:46:57

    L'ho letto in poco tempo, mi capita quando una lettura mi prende veramente, quando l'argomento cattura la mia attenzione dalla prima all'ultima pagina. Il Filo Rosso è un romanzo ricco di umanità che scava in orrori tuttaltro che irreali, Antonio Lavezzi è un eroe quotidiano le cui scelte obbligano il lettore a pensare...Per quanto mi siano piaciuti i due romanzi precedenti(Bilico e Mani Nude), trovo che in quest'ultimo Paola Barbato si sia davvero superata arrivando dritta al cuore di chi legge.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    14/03/2010 10:33:59

    IL FILO ROSSO ti incolla… non puoi più smettere di leggere… è diverso da mani nude e bilico… è”profondo” e per alcune tematiche veramente duro… ma mai banale e scontato. Ha ragione la Barbato nel dire che bisogna leggere tra le righe e se ne hai seguito il percorso creativo nei suoi blog lo capisci… All’interno non ci sono solamente i suoi pensieri o le sue opinioni… ma le sue emozioni… questo ti fa perdere il senso del romanzo inventato e ti cala dentro una situazione di strana realtà… ed è questo che crea la paura e la tensione mentre leggi. Le vere emozioni… il vero catalizzatore tra le pagine scritte e il lettore… Quando nei suoi blog afferma di voler dare ad un cane una parte rilevante nel romanzo lo fa senza mezzi termini… lo mette in prima persona nel dialogo e non con una voce fuori campo… lo fa terribilmente bene, non banalmente e questo è possibile solamente se “li ami davvero” … vivi con loro il quotidiano… come dice lei… vivi con il branco !!! Il persiero finale di “Danko” determinato da una particolare situazione è da brivido. La fine o meglio le ultime pagine danno modo al lettore di riflettere su molti aspetti della vita di ognuno di noi… in poche pagine puoi trovare più conclusioni … e va ben oltre lo scrivere “fine”.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    13/03/2010 17:16:53

    Molto deludente. Ho ascoltato l'autrice in una presentazione, parlava di sè e sembrava parlasse di Ellroy. E un po' di umiltà? Sconsigliato.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    12/03/2010 13:16:22

    Un'opera che entra pian piano dentro, che conduce per mano nei meandri mentali di ciò che potrebbe accadere a ognuno di noi, se messo di fronte a fatti eccezionali che ci colpiscano all'improvviso... Un viaggio nell'animo dell'Uomo, sia esso vittima, carnefice o spettatore suo malgrado. Paola Barbato riesce a centrare l'obiettivo duplice di colpire allo stomaco e, nonostante questo, invogliare alla lettura con una trama solida, che circuisce il lettore pagina dopo pagina, mostrando che la realtà di ciò che sono le persone è molto più di quello che possiamo intuire a prima vista... Un libro all'altezza della situazione in ogni passaggio, in ogni particolare, magari all'apparenza insignificante, ma che ha la sua ragion d'essere nello svolgimento della storia e delle psicologie dei personaggi, vivi e recitativi in ogni loro pensiero, in ogni loro azione... Insomma, un romanzo da leggere e godersi fino in fondo, dal primo all'ultimo rigo.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    10/03/2010 00:05:06

    Il libro di Paola Barbato è scritto con stile veloce, rapido negli snodi, non prolisso. Certo, sarà più apprezzato dai cultori della narrativa di genere, perché lo scavo psicologico è talvolta sacrificato alle esigenze dell'azione. Il titolo non gli rende giustizia. Credo ci fosse un'altra ipotesi più gradita alla stessa autrice, ma sarà lei, se lo riterrà opportuno, a rivelarla. La sfida della trama consisteva nel rendere credibile lo sviluppo emotivo del ragazzino (non dico di più), il che non era facile, ammettiamolo. Bisogna ricorrere a più riprese a una solida sospensione dell'incredulità, ma siamo, lo ripeto, nella narrativa di genere, e qualche forzatura dev'essere concessa.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    08/03/2010 18:53:42

    accidenti, ma quanto è noiosetto questo romanzo? naaaaa non ci siamo, meglio tornare ai fumetti, barbato. storia un po' lessa. :)

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    08/03/2010 14:23:03

    Se vogliamo affibiare ad un romanzo un'etichetta di genere, possiamo considerare Il Filo Rosso un thriller con tutti gli attributi, però secondo me è limitante. Parlare del dolore della perdita non è cosa facile, non è facile colpire al cuore( ma anche ai reni direi) parlando di un argomento così complesso senza cadere nel banale o nel retorico: io mi sono rivista in quei personaggi, nelle loro parole e nei loro pensieri e quando questo (mi) accade, non posso parlare più di genere ma solo di letteratura, quella con L maiuscola.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    08/03/2010 11:58:46

    Anche per me voto 5. Non so cosa la gente si aspetti da un thriller viste alcune critiche negative. La lettura è scorrevole, la trama non è banale. Le emozioni vissute dai protagonisti dramma, paura, vendetta, ossessione mi hanno fatta immedesimare e chiedermi "cosa avrei fatto io al suo posto?"...a me ha dato emozioni forti, che è questo quello che conta in un libro. Ottimo lo consiglio.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    06/03/2010 14:26:03

    "Il dolore è un filo sottile". Che lega. Che pretende/mastica l'equilibrio. Paola Barbato lo tende quel filo e tu finisci per camminarci sopra, a piedi nudi, con il respiro che ti insegue, fino ai luoghi dell'apnea. Un libro esperienza. Un libro macchia. Un libro Vero, come solo certo male riesce ad essere. Un libro che ti conquista con lentezza e poi ti assale: intelligente, furbo, onesto, spiazzante, maledettamente Vivo.

    Leggi di più Riduci