Salvato in 20 liste dei desideri
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Fino all'ultimo respiro (Blu-ray)
12,99 €
;
Blu-ray
Dettagli Mostra info
Fino all'ultimo respiro (Blu-ray) 130 punti Effe Venditore: IBS
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
12,99 €
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Nuovo
Vecosell
12,99 € + 3,90 € Spedizione
Disponibile in 4 gg lavorativi Disponibile in 4 gg lavorativi
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
12,99 €
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Nuovo
Vecosell
12,99 € + 3,90 € Spedizione
Disponibile in 4 gg lavorativi Disponibile in 4 gg lavorativi
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Chiudi
Fino all'ultimo respiro (Blu-ray) di Jean-Luc Godard - Blu-ray
Fino all'ultimo respiro (Blu-ray) di Jean-Luc Godard - Blu-ray - 2
Chiudi

Descrizione

Michel, un bandito marsigliese, corre verso Parigi alla guida di un'auto rubata. Inseguito dalla polizia per una banale infrazione, uccide un agente ed entra in città. Lì incontra Patricia, una studentessa americana che vuol diventare giornalista. Dopo una breve e tormentata storia d'amore la ragazza denuncia Michel che, colpito alle spalle, cade sulle strisce pedonali di un incrocio. Con questa opera prima, Jean-Luc Godard firma il film-manifesto della Nouvelle Vague.
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

À bout de souffle
Francia
1960
Blu-ray
8031179946549

Informazioni aggiuntive

Eagle Pictures, 2017
Eagle Pictures
90 min
Italiano (DTS-HD 2.0);Italiano (Dolby Digital 2.0);Francese (Dolby Digital 2.0)
Italiano per non udenti
1,33:1
PAL

Valutazioni e recensioni

4/5
Recensioni: 4/5
(3)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(1)
4
(1)
3
(1)
2
(0)
1
(0)
francolino
Recensioni: 3/5

Primo lungometraggio di Godard. Fuori da ogni schema divienee un manifesto della novelle vague. Rivisto oggi mantiene un certo fascino. Da vedere, se non altro perché è un pezzo di storia del cinema.

Leggi di più Leggi di meno
Ale
Recensioni: 4/5

Primo lungometraggio di Godard. Fuori da ogni schema divenne un manifesto della novelle vague. Rivisto oggi mantiene un certo fascino. Da vedere, se non altro perché è un pezzo di storia del cinema.

Leggi di più Leggi di meno
FTLeo
Recensioni: 5/5

"Fino all'ultimo respiro" (Francia, 1960), regia di Jean-Luc Godard, da un soggetto di François Truffaut. Film-manifesto della Nouvelle Vague... Capolavoro!

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

4/5
Recensioni: 4/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(1)
4
(1)
3
(1)
2
(0)
1
(0)

Voce della critica

Il film manifesto della Nouvelle Vague

Trama
Il protagonista è un eroe "nero" dei nostri giorni senza ideali, senza il romanticismo di un Humphrey Bogart o di un Jean Gabin (cui il regista continuamente allude in fulminei fotogrammi). Se la vita non ha senso, il giovane Belmondo la vive seguendo i suoi impulsi, che sono criminali: ruba un'auto, uccide un poliziotto, va a Parigi e, agganciata sbrigativamente una bella turista americana, se la porta a letto. Ma lei lo denuncia.

Leggi di più Leggi di meno

Conosci l'autore

Jean Luc Godard

1930, Parigi

"Regista francese. Anticonformista e da sempre dissacratore delle convenzioni estetiche e delle forme codificate del cinema moderno, possiede la tempra dello sperimentatore e la «forma mentis» del mestatore semantico di gran razza. Fin dai suoi primi approcci con la macchina da presa, agisce con e sulle immagini, anticipando (almeno fino agli anni ’80) tendenze e stili, cioè, in una parola, quasi tutto quello che gli altri sfrutteranno dopo. È stato così per il linguaggio del film come per l’immagine elettronica, che ha sperimentato in anticipo di un paio di decenni rispetto all’idea stessa di cinema digitale. Di origini medio-borghesi (figlio di un medico di religione protestante e di una erede di banchieri svizzeri), frequenta assiduamente la Cinémathèque mentre studia al liceo Buffon di...

Jean Paul Belmondo

1933, Neuilly-sur-Seine

Attore francese. Gli studi all’Accademia d’arte drammatica di Parigi gli aprono le porte di un’intensa attività teatrale e cinematografica. Atletico (è stato boxeur in gioventù), con un viso segnato eppure affascinante, «Bebel» (come viene soprannominato) conquista le platee internazionali nel 1960 con il ruolo del nevrotico protagonista di Fino all’ultimo respiro di J.-L. Godard, film manifesto della Nouvelle vague a cui presta la sua dinoccolata baldanza da «simpatica canaglia», e con quello del giovane intellettuale innamorato di S. Loren in La ciociara (1960) di V. De Sica. Negli anni seguenti ripropone personaggi al limite della sfrontatezza: sacerdote votato all’abnegazione e all’apparente insensibilità...

Jean Seberg

1938, Marshalltown, Iowa

Attrice statunitense. Bionda, occhi azzurri, fascino enigmatico, esordisce giovanissima sul grande schermo nel ruolo della sfuggente protagonista dell'antieroico e discusso Santa Giovanna (1957), cui segue il letterario e melodrammatico Bonjour tristesse (1958) entrambi di O. Preminger. Il successo arriva però qualche anno dopo con il ruolo di Patricia, la studentessa amata dal nevrotico omicida J.-P. Belmondo nel film-bandiera della Nouvelle vague Fino all'ultimo respiro (1960) di J.-L. Godard. Nelle pellicole successive non riuscirà più a trovare ruoli adeguati alle sue potenzialità espressive: è la seducente adultera nel sentimentale L'amante di cinque giorni (1961) di P. de Broca, vedova sulle tracce di un assassino nell'ironico Criminal Story (1967) di C. Chabrol, turista americana in...

Daniel Boulanger

1922, Compiègne

Sceneggiatore francese. Scrive dal 1960 con mano robusta e dialoghi incisivi. Fra i suoi primi lavori spicca I sette peccati capitali (1961), sette episodi diretti da quasi tutti gli allora giovani leoni della f Nouvelle vague: S. Dhomme, P. de Broca, C. Chabrol, J.-L. Godard, E. Molinaro, J. Demy, R. Vadim. Da segnalare anche l’episodio di R. Vadim in Tre passi nel delirio (1967), Le pistolere (1971) di Christian-Jaque, inconsueto western al femminile con B. Bardot e C. Cardinale, i noir Due contro la città (1973) di J. Giovanni e Police Python 357 (1975) di A. Corneau, e infine Chouans! (1988) di P. de Broca, ambientato all’epoca della Rivoluzione francese.

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore