I fiori del male - Charles Baudelaire - copertina

I fiori del male

Charles Baudelaire

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Traduttore: G. P. Bona
Editore: Dalai Editore
Anno edizione: 2012
Formato: Tascabile
Pagine: 473 p., Brossura
  • EAN: 9788866208204
Salvato in 65 liste dei desideri

€ 10,00

Venduto e spedito da Libreria Dedalus

Solo una copia disponibile

+ 3,00 € Spese di spedizione

Quantità:
LIBRO

Altri venditori

Mostra tutti (2 offerte da 9,90 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

"I fiori del male" viene ripresentato in una nuova traduzione del poeta e narratore Gian Piero Bona. Pubblicato in prima edizione nel 1857, il volume fu accusato di oscenità e processato dal pubblico ministero Ernest Puiard, lo stesso che aveva processato Flaubert per "Madame Bovary". Victor Hugo lo difese opponendo che: "I fiori del male risplendono e abbacinano come stelle".
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4
di 5
Totale 2
5
0
4
2
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Paolo

    24/11/2018 05:23:43

    Bravo Baudelaire a esporsi cosi.Coraggioso per i suoi tempi.

  • User Icon

    Fabiana

    05/02/2018 20:22:22

    Ovviamente non sono riuscita a capire il significato di tutte le poesie, e questo mi dispiace, ma alcune eravano veramente splendide. Mi è piaciuto davvero molto leggere questo libro, il linguaggio è meno difficile di quanto sembri.

  • Charles Baudelaire Cover

    (Parigi 1821-67) poeta francese.La vita Nacque da Caroline Archimbaut-Dufays e da Joseph-François B., capo degli uffici amministrativi del senato. Rimasta vedova nel 1827, la madre si risposò col tenente colonnello (poi generale) Jacques Aupick. Questo secondo matrimonio provocò in B. un trauma e un senso di carenza affettiva dei quali porterà le conseguenze per tutta la vita. Nel 1832, trasferito a Lione, Aupick iscrisse il figliastro come interno al Collegio reale della città. Quattro anni dopo, assegnato allo stato maggiore, Aupick tornò a Parigi con la famiglia e B. entrò nel liceo Louis-le-Grand, dove superò, nel 1839, gli esami di baccalaureato. Nel 1840 strinse amicizia con i poeti G. Le Vavasseur e E. Prarond e, affettando atteggiamenti da dandy, iniziò un’esistenza libera e sregolata.... Approfondisci
Note legali