I fiori non hanno paura del temporale - Bianca Rita Cataldi - copertina

I fiori non hanno paura del temporale

Bianca Rita Cataldi

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Anno edizione: 2018
In commercio dal: 22 febbraio 2018
Pagine: 277 p., Brossura
  • EAN: 9788869052927
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 14,45

€ 17,00
(-15%)

Punti Premium: 14

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
PRENOTA E RITIRA
* Servizio momentaneamente attivo solo nella Regione Lazio. Scopri il servizio

I fiori non hanno paura del temporale

Bianca Rita Cataldi

Caro cliente IBS, grazie alla nuova collaborazione con laFeltrinelli oggi puoi ritirare il tuo prodotto presso la libreria Feltrinelli a te più vicina.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: {{item.Store.Phone}}

Fax: {{item.Store.Fax}}

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


I fiori non hanno paura del temporale

Bianca Rita Cataldi

€ 17,00

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: {{shop.Store.Phone}} / Fax: {{shop.Store.Fax}} E-mail: {{shop.Store.Email}}


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

I fiori non hanno paura del temporale

Bianca Rita Cataldi

€ 17,00

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

{{shop.Store.Phone}}


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Il legame profondo di due sorelle che si prendono per mano e vanno alla scoperta della vita.

"Sono nata a Bologna in una casa che profumava di legno di sandalo e del ragù pesante della domenica. Sono nata nel sangue e nel sudore dell'estate, intorno al collo il cordone che Donna Marzia mi ha strappato via con le unghie. Mia madre aveva sempre una lacrima pronta in tasca come una mentina per ogni volta che ricordava quei pochi secondi di silenzio in cui io, appena venuta al mondo, non avevo respirato. Ma quel silenzio, quello dei miei primi istanti di vita, l'ho scontato dopo con tutte le parole che negli anni non mi hanno mai abbandonata. L'unica persona che avrei amato al punto di riconoscerla nel mondo come se fosse parte di me mi avrebbe chiamata la Cantastorie, che è il mio vero nome."

Bologna 1997. La stanza è in penombra e i libri e le musicassette sono sparsi dappertutto. Distesa sul letto, la camicia a quadri e i Nirvana sparati nelle orecchie dal walkman, Corinna muove i piedi a tempo e non stacca il naso dalla pagina. Ha sedici anni, i capelli rossi come fili di rame e un viso ricoperto di lentiggini su cui spiccano due occhi d’acciaio. È la figlia del primo grande amore di sua madre che se ne è andato poco prima del parto. Serena, detta Poochie, ha sette anni, i capelli scuri stretti in due codini fermati da elastici a forma di arcobaleno ed è la sua sorellastra. Il suo desiderio più grande è farsi considerare da quella sorella maggiore così misteriosa, sempre rintanata dietro le pagine di un libro e con le cuffie calcate sulla testa. Vivono in una grande e caotica tribù allargata in cui vige il matriarcato e dove per ogni decisione ci si rivolge al consesso delle antenate riunite nella cappella di famiglia al cimitero. Una famiglia fatta di donne dal sangue cocciuto e in cui nessuna tristezza può resistere di fronte al sapore magico di un tiramisù al pistacchio. Eppure l’equilibrio familiare comincia a vacillare quando Corinna riceve una strana scatola da scarpe chiusa malamente con del nastro adesivo. Dentro ci sono degli oggetti apparentemente scollegati tra loro, ma che sono l’ultimo regalo del suo vero padre, scomparso improvvisamente in un incidente. Corinna non ha dubbi: quegli oggetti hanno un significato e lei deve scoprirlo. Decide così di partire, insieme a Serena, per una caccia al tesoro per le vie di Bologna. La scatola in borsa e un sogno tra i capelli ribelli: trovare il segreto delle sue radici e, inevitabilmente, la propria strada nel mondo. Bianca Rita Cataldi è una narratrice sorprendente e ci regala un meraviglioso romanzo sul potere delle parole. Il legame di due sorelle che si prendono per mano e vanno alla scoperta della vita, una storia di madri e di figlie e di come perdersi a volte può farci rinascere più forti. Come un fiore che sembra appassire sotto un temporale ma che al primo raggio di sole rinasce più colorato e luminoso di prima.
5
24
4
0
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Rox

    11/03/2019 08:59:51

    Un libro che parla in sostanza d’amore e delle sue diverse manifestazioni. Una madre che vuole proteggere la figlia dalla delusione di scoprire che il padre biologico non è l’eroe che magari immagina; un padre putativo che ama la figlia della moglie come se fosse sua senza farle mancare niente; una bambina che adora la sorella maggiore e che vuole a tutti costi dimostrarle il suo affetto in modo innocente e diretto come solo sanno fare i bambini; ed infine una nonna che crea il legame con gli antenati della famiglia. Consigliato, struggente, emozionante e toccante.

  • User Icon

    Riccardo

    11/03/2019 08:57:44

    C'è qualcosa di speciale nei racconti di famiglia; è come se racchiudessero in sé un calore particolare, una morbidezza difficilmente rintracciabile in altri scritti. Non è un discorso universale ovviamente, sono consapevole che alcuni romanzi con questo tema celino una freddezza è un'affilatura innegabili, eppure, nel mio immaginario di lettrice, i romanzi che narrano di genitori e figli, fratelli e sorelle, hanno sempre custodito una vena confortante e rassicurante, come fossero una coperta soffice nella quale ho sempre l'impressione di potermi avvolgere in caso di necessità. Forse è per questo motivo che al termine del romanzo di Bianca Cataldi, la parola che più mi risuonava nella testa era questa: morbidezza. O, forse e con maggiore probabilmente, il tema non è stato che uno strumento, ed è stata l'esecuzione di Bianca ad aver creato la dolce melodia che ho rintracciato tra queste pagine, che mi ha cullata dalla prima all'ultima nota.

  • User Icon

    Raffaele

    11/03/2019 08:55:36

    Lo stile dell'autrice mi ha stupito: non perché abbia una caratteristica particolare, come l'essenzialità o un'eccessiva accuratezza, ma perché mi è sembrato reale. Leggevo ed era come se Serena stesse parlando con me, raccontandomi un suo ricordo, piuttosto che una narrazione fittizia. È strano da spiegare, ma le letture così sono tanto coinvolgenti quanto rare. L'unico difetto? In realtà di veri e propri non ne ho trovati, ma quel finale così aperto, eppure così perfetto, in un primo momento mi aveva fatto pensare di avere solo la prima metà del romanzo e che qualcuno avesse cancellato la seconda parte (cosa largamente smentita dalla presenza dei ringraziamenti subito dopo l'ultima parola). In fondo credo che questo libro sia perfetto così com'è, auto-conclusivo, ma, nonostante tutto, mi piacerebbe leggere molto un seguito o una novella con tutti i personaggi. I fiori non hanno paura delle letture è una di quelle letture che sapevo che mi sarebbe piaciuta, ma da cui non mi aspettavo che coinvolgesse a tal punto. Ho terminato il romanzo in lacrime, non tanto perché il finale fosse triste o cupo, ma perché ero talmente coinvolta nella lettura da immedesimarmi con le emozioni dei personaggi e un po' restia a lasciarli andare.

  • User Icon

    Paola

    11/03/2019 08:53:11

    Ho capito che questo romanzo mi sarebbe piaciuto fin dal primo capitolo. Nel momento esatto in cui ho letto della bizzarra famiglia protagonista di questo romanzo, composta principalmente da donne, mi sono tornati in mente quei romanzi sudamericani del realismo magico, dove, tra tradizioni e abitudini pittoresche, sono le donne a essere il pilastro fondamentale della famiglia. Anche I fiori non hanno paura del temporale ha un che di magico, dovuto non alla presenza di un elemento paranormale vero e proprio, ma a quell'elemento bizzarro, pittoresco che domina nella famiglia delle protagoniste: due sorelle, anzi due sorellastre, perché Corinna, la più grande, non ha mai conosciuto il suo padre naturale, volatilizzatosi poco dopo la sua nascita.

  • User Icon

    Piero

    11/03/2019 08:50:03

    L'ho comprato attratta dal titolo. Poi ho letto la sinossi e mi sono commossa: "I fiori non hanno paura del temporale" è ufficialmente il primo libro che mi ha commosso già dalla sinossi! Infine ho incominciato a leggerlo, e niente... non mi sono più fermata. Un libro scorrevole, che ti coinvolge nella storia; un libro che sa di famiglia, di affetto, di protezione, e che ti fa rimbalzare indietro nel tempo al fianco dei personaggi - tutti interessanti e ben caratterizzati; un libro da cui escono i profumi della domenica bolognese e le sensazioni legate alle piccole cose che accadono fra le mura di una casa. Scrittura e abilità narrative notevoli. Se ci fosse la sesta stella non esiterei a cliccarci su. Complimenti all'autrice!

  • User Icon

    Nicola

    11/03/2019 08:47:57

    Lo stile dell'autrice, semplice ma ricco di descrizioni ed emozioni ci permette di vivere ciò che prova la protagonista, di sentire il profumo denso e caldo del famoso ragù di carne, di percepire il calore asfissiante di un'estate bolognese (e credetemi, è davvero asfissiante!), ma anche di vivere le preoccupazioni e le incertezze di una Serena bambina che attraverso i suoi occhi inesperti ci rende partecipi della quotidianità della sua famiglia. La trama è coinvolgente, non si può fare a meno di amare tutti i personaggi e leggendo una pagina dopo l'altra si capisce quanta cura e quanto amore l'autrice Bianca Rita Cataldi abbia messo dentro questo romanzo. Racconta l'importanza del dolore, delle perdite, delle conseguenze alle decisioni prese, ma anche della gioia, della forza di andare avanti, del coraggio di affrontare la vita così come viene. Un romanzo che sa affascinare il lettore grazie alla semplicità della realtà raccontata con delicatezza ed emozione.

  • User Icon

    Micaela

    11/03/2019 08:45:36

    I fiori non hanno paura del temporale racconta di quanto sia importante una famiglia autentica e unita, di quanto sia importante coltivare i ricordi e gli affetti. La vita di Serena è un susseguirsi di figure amate, anche se quella della sorella è una figura sfuggente. Ma grazie alla vecchia Lettera 22 trovata abbandonata ai margini di una Provinciale, finalmente Serena riesce a vuotare il sacco, a scavare nel passato e a rivivere i suoi anni con Corinna. Ripercorre i momenti più importanti della loro avventura tra le vie e le piazze di Bologna, cominciata dopo l'arrivo di quella misteriosa scatola di scarpe. E' nel presente che Serena rimette in ordine i ricordi, vive ogni attimo assaporando i dettagli della sua vita trascorsa tra le mura di casa insieme alla mamma, alla nonna e alla sorella.

  • User Icon

    Mirko

    11/03/2019 08:43:26

    Vi ricordate gli anni ’90? I Nirvana, i diari segreti, gli appuntamenti telefonici, i walkman? Vi ricordate di quando non vivevamo perennemente connessi e i rapporti umani erano forti e spaventosamente fragili allo stesso tempo? Potevi incontrare una persona e, senza avere il suo numero o il suo indirizzo, perderla per sempre… Forse per questo quei rapporti assumevano tutt'altro significato, erano lenti, pochi e profondi, vicini. Ecco, il fulcro del bellissimo romanzo di Bianca Cataldi, I fiori non hanno paura del temporale, edito HarperCollins Italia è, a mio parere, proprio questo: un inno alla fragilità, che può essere un valore aggiunto, per assurdo simbolo di eternità, proprio come quei fiori, all'apparenza così fragili, che resistono ai temporali, tornando a rialzare la testa dopo la pioggia.

  • User Icon

    Miriam

    11/03/2019 08:41:22

    Mi ha incuriosito l’alone di magia che si nasconde fra le righe, i fantasmi delle zie sempre presenti, come se chi morisse non ci lasciasse mai davvero. Il personaggio di Donna Marzia, una persona estranea alla famiglia ma che riesce comunque a farne parte, perché non sono solo i legami di sangue che tengono insieme le persone. La narrazione che cambia, prima da una Serena bambina e poi da una Serena adulta, senza codini, ma con la stessa innocenza e semplicità nel cuore. La complicità fra sorelle mi ha stupito. C’è stato un momento nel libro, in cui pensavo che tutto sarebbe andato a rotoli, che Corinna avrebbe perso la pazienza distruggendo quello che stava creando con la sorella e invece lei si è comportata in modo diverso da come avrei fatto io. Per un attimo mi sono sentita sopraffatta. E credo che quando un libro riesce a suscitare emozioni del genere sia un gran libro.

  • User Icon

    Marika

    11/03/2019 08:39:17

    La prima cosa che mi ha colpito di questo libro è il modo di scrivere dell'autrice che fa un uso sapiente e delicato di ogni parola rendendo il racconto scorrevole e mai scontato. E così, pagina dopo pagina, si viene rapiti dalla storia di Corinna, Serena e della loro bizzarra famiglia. "I fiori non hanno paura del temporale", infatti, narrando l'avventura delle due sorelle alla ricerca della verità sulle origini di Corinna, non si limita a raccontare qualcosa di intimo come la crescita personale delle protagoniste; perché, allo stesso tempo, è un romanzo corale nel quale ci vengono presentati tanti personaggi, uno più bello e particolare dell'altro, tutti parte di un puzzle che sarà comprensibile al lettore solo alla fine. Lasciatevi incantare dallo stile di Bianca Cataldi e da una storia di forti legami familiari!

  • User Icon

    Mattia

    11/03/2019 08:37:17

    Tralasciando il fatto che la cover è semplicemente meravigliosa, questo libro mi ha colpita per un motivo: l’assoluta presenza femminile. E non lo dico per questioni legate al femminismo o quant’altro, lo dico perchè tutto il testo è permeato da queste donne forti dal sangue cocciuto che sono state per me affascinanti fonti di ispirazione e ammirazione. È scritto quasi come un diario. La protagonista ci racconta in prima persona la storia e questo alone di mistero soprattutto iniziale, dona al libro quel guizzo in più che ti spinge a leggere finché non ti si chiudono gli occhi. È pregno di sentimenti e tutte le situazioni sono raccontate in modo sublime e cosi forte da rendere facilmente partecipe il lettore. La storia di Corinna è così triste che ho sentito forte il dispiacere nei suoi confronti per una serie di vicissitudini che non si meritava di subire. Il finale, però, è stato perfetto in tutti i suoi aspetti, non avrei potuto desiderare qualcosa di diverso. Anzi, ho sperato con tutta me stessa che la piega negativa che a un certo punto ha preso il libro, in qualche modo si risolvesse in modo positivo perchè non avrei sopportato un finale triste, Corinna e Serena meritavano un’altra possibilità. La prosa è ottima a mio parere. Scorrevole, attraente e mai ripetitiva. Cadenzata e con un buon ritmo, non mi sono mai annoiata e non ho avuto mai confusione o problemi nel comprenderla.

  • User Icon

    Matteo

    11/03/2019 08:35:15

    Devo dire che ho sentito particolarmente vicino questo romanzo per due motivi: il periodo storico che mi ha fatto rivivere, quegli anni in cui non esistevano i cellulari e ci si chiudeva in stanza con le cuffiette del walkman a tutto volume, riavvolgendo i nastri delle cassette con una biro. E poi per l'ambientazione, Bologna, la mia città che qui l'autrice descrivere con amore, ne ho ritrovato la bellezza, ho riconosciuto i luoghi e questo mi ha permesso di "vedere" la storia in cui mi ero immersa. La trama è coinvolgente, non si può fare a meno di amare tutti i personaggi, anche quelli che ormai non ci sono più hanno un posto speciale, sono sempre presenti nella vita di Corinna e Serena. Leggendo si capisce quanta cura e quanto amore l'autrice abbia messo dentro queste pagine, ha raccontato la forza di andare avanti, i dolori e le perdite, le conseguenze delle decisioni prese, senza nascondere nulla, ma lasciando tanta speranza nel futuro.

  • User Icon

    Matteo

    11/03/2019 08:33:08

    Un romanzo emozionante, intimo e allo stesso tempo universale, che racconta le donne e uno dei legami più forti che esista, quello tra sorelle, dove conta poco il sangue e molto il cuore. Un romanzo che serviva, che non si lascia dimenticare o posare distrattamente su uno scaffale dopo la lettura, ma le cui parole accompagnano il lettore a lungo. Mi è piaciuto immensamente: ho riso, ho pianto, mi sono arrabbiata e mi sono sentita scaldare il cuore dalle parole di Bianca Rita Cataldi, da Serena e da Corinna, da una Bologna che sembrava prendere forma attorno a me durante la lettura. Consigliatissimo!

  • User Icon

    Martina

    11/03/2019 08:31:10

    Bianca Rita Cataldi dà nuova linfa a un tema classico della letteratura - la ricerca del padre - e proponendolo in chiave femminile e moderna trascina i lettori con sè in quella che non è solo una singolare caccia al tesoro (o caccia alle origini, ma non sono forse essere uno dei tesori che ci portiamo nel cuore?) ma è soprattutto una ricerca di sè e una scoperta dell'altra. Dire che Corinna parte alla ricerca del padre ma, di fatto, trova sua sorella sembra riduttivo, e in parte lo è, perché lungo la strada Corinna trova anche se stessa: trova quella parte di sè che stava annegando nel dolore e nelle domande senza risposta. Serena, dal canto suo, finalmente riesce a superare la porta chiusa e le cuffie, e a farsi sentire da quella che forse, sulla carta, è una sorella solo a metà, ma che nel cuore può esserlo al 110%.

  • User Icon

    Maria

    11/03/2019 08:29:11

    Quello che amo di lei è la sua prosa poetica e delicata, il suo linguaggio ricercato, il suo modo di raccontare storie di vita vera, il suo intendere il romanticismo. La storia è quella di Serena, chiamata la Cantastorie, che ci porta nei ricordi di sua sorella in un viaggio emotivo e commovente. Ogni capitolo è un passo verso la verità, in una Bologna dove le VHS erano la moda del momento, dove ogni luogo ci sono segreti di famiglia, come quello di Corinna che si ritroverà a indossare una verità troppo grande per lei, che cambierà il suo destino. Mi fermo, dovete scoprire pagina dopo pagina l'avventura della piccola Poochie - che da grande diventerà la Cantastorie - e di Corinna con i suoi occhi troppo truccati e un vita da reinventare.

  • User Icon

    Marisa

    11/03/2019 08:27:11

    Interessante è il rapporto tra le due sorelle (o meglio sorellastre). Corinna e Serena hanno nove anni di differenza, matematicamente troppi per instaurare una complicità, specie in giovanissima età. Ancora una volta Corinna sorprende. Sarà lei a tendere la mano verso la sorellina e a coinvolgerla, facendola sentire a tutti gli effetti parte di lei. Pur essendo solo una bambina di sette anni, Serena comprende il peso di questo ruolo e cerca, a suo modo, di essere una vera spalla, sempre pronta a sorreggere la sorella fino alla fine scrivendo la loro storia. Dal punto di vista stilistico il romanzo presenta una prosa semplice e fluida con note drammatiche e malinconiche alternate a momenti di leggerezza. L’autrice riesce a catturare l’attenzione del lettore sin dalle prime righe facendogli avvertire tutti gli stati d’animo dei personaggi. Una lettura piacevole che porta a riflettere sugli errori commessi in passato e su quanto possano riversarsi nel presente. Un romanzo che fa tornare agli anni Novanta nei quali i social network erano pura fantascienza e i pranzi domenicali in famiglia la realtà.

  • User Icon

    Marco

    11/03/2019 08:24:46

    Ciò che immediatamente colpisce di questo romanzo è la forte presenza femminile non solo da un punto di vista numerico (oltre le donne protagoniste in carne e ossa vi è la cappella di famiglia al cimitero all’interno della quale sono sepolte le zie, sorelle della nonna) ma soprattutto per l’impronta significativa che riescono a dare allo sviluppo della trama. Corinna è una ragazzina introversa che al rumore delle voci preferisce le parole impresse sulla carta, che sente le pareti della sua stanza e le pagine del diario segreto luoghi sicuri per sentirsi protetta. Eppure, man mano che il romanzo procede e le rivelazioni si susseguono, dimostra di possedere una determinazione per certi versi inusuale per una ragazzina della sua età. Affamata di risposte, non esita ad affrontare questa avventura che la porta a scavare nel passato, a provare emozioni forti e talora dolorose.

  • User Icon

    Marco

    11/03/2019 08:22:41

    E se la storia che racconta Bianca, così come i suoi personaggi (ci arriveremo), è potente, a fare la differenza sono i dettagli. Un tavolino con le sedie in una cappella del cimitero perché le sorelle possano sedersi a spettegolare con un tè al mirtillo anche nell'aldilà. Una concezione di morte che è un abbraccio contro il dolore: ci sono, ma noi non li vediamo. Una sorellanza che non è solo quella di sangue, ma va anche oltre. Un amore così speciale da essere festeggiato il 30 febbraio. Dettagli perfetti. Che rendono il quadro finale ancora più affascinate. E personaggi talmente vividi da restarti dentro. Quello che mi è piaciuto di più è come Bianca, con semplicità e senza dotarli di chissà quale segreto, li abbia resi reali ai nostri occhi. Sono personaggi che restano impigliati nella mente del lettore e non vanno via.

  • User Icon

    Marco

    11/03/2019 08:20:36

    Oggi mi avventuro in questa missione impossibile, perché devo assolutamente dirvi quanto mi è piaciuto I fiori non hanno paura del temporale di Bianca Rita Cataldi, in uscita proprio oggi per Harper Collins Italia. La premessa è che Bianca scrive divinamente, è una narratrice incredibile di storie che mettono alla prova i cinque sensi del lettore, che si fanno leggere con entusiasmo. La verità è che ho centellinato, misurato e goduto di ogni singola parola di I fiori non hanno paura del temporale. Ho volutamente reso la lettura meno precipitosa, più riflessiva, più d'ascolto. Perché un romanzo come questo merita attenzione. A partire dalle donne, perché Bianca ci ha regalato una storia al femminile dove le donne sono vivide e reali, forti e caparbie, bellissime, per la loro natura di guerriere, e unite. Un romanzo matriarcale e magico, di quella magia che mescola tante cose e ti fa sentire bene.

  • User Icon

    Manuele

    11/03/2019 08:18:28

    "I fiori non hanno paura del temporale" è una storia di relazioni familiari, di amori finiti troppo presto, di sorelle che si perdono forse per ritrovarsi, di padri che non si conosceranno mai e di zie che si conoscono nonostante siamo morte da decenni. Una storia sull'importanza delle radici, la prima risorsa per arrivare a toccare il cielo. Il personaggio di Serena è la voce narrante della storia, una bambina che si trova davanti alla complessità della vita. Si trova ad accompagnare la sorella in una ricerca a ritroso nel tempo, verso quelle origini che non condividono, quel padre che Corinna non ha mai conosciuto. Corinna e Serena sono sorelle solo per metà, ma l'amore non si fraziona e loro sono legate da quel sangue cocciuto che, può farsi travolgere dalle intemperie e rimanere intatto, come i fiori sono in grado di resistere al temporale, piegarsi e non spezzarsi. Una storia che è un inno alla forza delle donne, a Bologna e alle storie. Bianca Rita Cataldi si conferma un'autrice di talento, che continuerò a leggere con grande piacere.

Vedi tutte le 24 recensioni cliente
  • Bianca Rita Cataldi Cover

    Bianca Rita Cataldi è nata nel 1992 a Bari, laureata in Filologia Moderna, diplomata al Conservatorio, sta svolgendo un dottorato a Dublino presso la School of Languages, Cultures and Linguistics. Lavora come editor e ghostwriter. È stata finalista al Premio Campiello Giovani 2009, è socia ordinaria dell’EWWA (European Writing Women Association) e del Movimento Internazionale Donne e Poesia. Ha pubblicato diversi romanzi: Il fiume scorre in te (2011), Waiting room (2013), Isolde non c'è più (2015) e I fiori non hanno paura del temporale (2018). Approfondisci
| Vedi di più >
Note legali